Nanni Ricordi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Giovanni Carlo Emanuele Ricordi, noto come Nanni (1932 – vivente), produttore discografico italiano.

  • Secondo me se andiamo avanti su questo piano, finiamo con un dibattito di cui non si capisce né la testa né la coda. Perché qui non si tratta di cose giuste o di cose sbagliate. Questo è un discorso moralistico. Si tratta di una scelta di classe. Oggi la scuola è in mano alla classe dominante che è la borghesia.[1]
  • La borghesia tende attraverso la scuola a formare dei futuri padroni [...] ma a formarli in modo tale che anche questi futuri padroni non sappiano, non discutano troppo, perché poi magari qualcuno di quelli può fare delle riflessioni. Ci vuole della gente che non rifletta, che usi il manganello quando è necessario, o le leggi ma senza riflettere troppo.[1]
  • Scegliere da che parte si sta: con gli sfruttati o con gli sfruttatori. Se si sta con gli sfruttati, si va nelle fabbriche, si fa pratica sociale, si lavora per la classe, per la rivoluzione in Italia, e si è fatta una scelta. E questa è la scuola; la scuola più importante insieme alla cultura. [1]

Note[modifica]

  1. a b c Citato in Dario Fo, Compagni senza censura, "Dibattiti ed interventi del pubblico", Gabriele Mazzotta, Editore, 1970.

Altri progetti[modifica]