Vai al contenuto

Niccolò Tartaglia

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Niccolò Tartaglia

Niccolò Fontana, meglio noto col soprannome di Niccolò Tartaglia (1499 circa – 1557), matematico italiano.

Incipit di alcune opere[modifica]

La nova scientia[modifica]

Habitando in Verona l'anno .MDXXXI. Illustrissimo. S. Duca mi fu adimandato da uno mio intimo et cordial amico Peritissimo bombardiero in castel uecchio (huomo atempato & copioso di molte uirtu) dil modo de mettere a segno un pezzo de artiglieria al più che può tirare. E a benche in tal arte io non hauesse pratica alcuna (per che in uero Eccellente Duca) giamai discargheti artegliaria, archibuso, bombarda, ne schioppo) niente di meno (desideroso di seruir l'amico) gli promisi di darli in breue rissoluta risposta.

Quesiti et invenzioni diverse[modifica]

Le Dimande, Quesiti, ouer Interrogationi Maestà Serenißima, & Illustrißima, fatte da Saui, & Prudenti Domandatori, fanno molte uolte considerare allo interrogato molte cose, & anchora conoscerne molte altre, le quale senza esserne adimandato giamai harebbe conosciute, ne considerate.

Citazioni su Niccolò Tartaglia[modifica]

  • Allorché aveva dodici anni i Francesi presero la città di Brescia, e nel massacro che ne seguì, il povero Tartaglia fu lasciato per morto col cranio, una mascella ed il palato spaccati. La madre sua trovatolo vivo, tentò di trasportarlo via; essendo priva di ogni risorsa, chiamò presso il piccolo malato alcuni cani, perché gli leccassero le ferite; a questo rimedio bestiale essa attribuì la guarigione del proprio figliuolo; ma la ferita al palato, benché si rimarginasse compiutamente, gli lasciò un impedimento nel parlare, onde ricevette il suo sovrannome. (Dionisio Gambioli)

Bibliografia[modifica]

  • Nicolò Tartaglia, La nova scientia, Arnaldo Forni Editore, Bologna, 1984. Ristampe anastatica de l'edizione stampata in Venezia da Nicolo de Bascarini, 1550.
  • Qvesiti et inventioni diverse de Nicolo Tartaglia Appresso de l'avtore, 1554.

Altri progetti[modifica]