Parigi o cara

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Parigi o cara (film))
Jump to navigation Jump to search

Parigi o cara

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Parigi o cara

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1962
Genere Commedia
Regia Vittorio Caprioli
Sceneggiatura Vittorio Caprioli, Renato Mainardi, Silvana Ottieri, Franca Valeri
Produttore Tonino Cervi
Interpreti e personaggi

Parigi o cara, film del 1962, di Vittorio Caprioli con Franca Valeri.

Frasi[modifica]

  • C'ho n'antipatia pe' nailon bagnato che è 'na cosa terribile. (Delia) [Una macchina ha preso una pozzanghera bagnando Delia]
  • Mmm... latte e noci, n'ne magno più pe' tre mesi! (Delia)
  • Mamma mia, 'sta casa me pare un ministero stamattina! (Delia)
  • Qua nun ce se capisce più manco fra italiani! (Delia)
  • Sai che te dico? Che sei de 'na maleducazione che a 'na donna nun j'ha mai portato bene! (Delia)
  • Anvedi Parigi... (Delia)
  • Modello bene, seta scadente, Elvira s'intende. (Elvira)
  • Sì, te danno cento a te, che te credi Soraya? (Delia)
  • 'A fotografia è un veicolo d'orgasmo, chi la vede te vo' conosce'... (Delia)
  • Che dici? Famo er gran salto, me faccio cenere? (Delia) [Delia chiede consiglio alla parrucchiera]
  • No guardi, io i libri come li ho letti li butto: er libro è un veicolo de' polvere, secca a' pelle... guardi la sua, tutta mangiata proprio... (Delia) [Delia risponde alla domanda di una giornalista sui libri]
  • Qua è proprio Roma, nun è caso de sbajasse! (Delia)
  • Sa che m'è preso n'altro vizio? Quando che so' libera, che c'ho n'amico fidato, na cosa, ce n'annamo a magna' all'EUR... Che poi certi palazzi, come che fossero... che je posso di'...? "Rudero però tirato ar fine"! Insomma, non è moderno lì, vi è antico, però è quell'antico moderno che è la bellezza de Roma! (Delia)
  • Non è diffidenza, è usanza. (Delia) [Delia sta contando un mazzo di banconote]
  • Se sbajano pure qui 'e commesse... è proprio er genere! (Delia)

Dialoghi[modifica]

  • [Delia sta uscendo di casa e chiude a chiave la porta del bagno]
    Tina: Be', te chiudi pure il bagno?
    Delia: Be', certo! C'ho un capitale in medicine...
  • [Delia sta battendo sotto ad un lampione, dietro di lei si ferma un cliente ed inizia una surreale contrattazione guardando in alto verso la lampada]
    Delia: Saranno un centomila candele io dico...
    Cliente: Mille.
    Delia: Almeno cinquantamila...
    Cliente: Duemila.
    Delia: Diecimila.
    Cliente: Cinquemila. Andiamo? [I due si allontanano]
  • [Delia e il fratello Claudio si incontrano alla stazione di Parigi]
    Delia: Ma tu sei Claudio?.
    Claudio: Hehe... Delia... Pesa? [Indicando la valigia]
    Delia: Mbeh... Ma che sei tinto? [Guardando sconcertata la meche grigia nei capelli del fratello]
    Claudio: Sì...
    Delia: Ma che fossi...?
    Claudio: Sì.
    Delia: Ah, no 'o sapevo...

Altri progetti[modifica]