Pascal Quignard

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Pascal Quignard (1948 – vivente), scrittore e saggista francese.

Piccoli trattati[modifica]

  • Il libro è un lembo di silenzio nelle mani del lettore. Chi scrive tace. Chi legge non rompe il silenzio. (I, 99)
  • Il libro è la sola icona iconoclasta. (I, 154)
  • Tutti i libri non si degradano in eguale modo. Alcuni slanciano le mani fuori dal tempo. Strana vegetazione sono le opere. Strane stagioni le letture. (VIII, 107)
  • Nessuno dei libri che ho letto regge il bagliore del giorno. Ma i libri valgono la candela che si usa leggendoli. Creature seminotturne.

Ombre erranti[modifica]

  • Lo scrittore è il linguaggio che divora se stesso nell'uomo tramite il mentire che ne costituisce il nucleo. (cap. XV, 49)
  • C'è nel leggere un'attesa che non cerca un esito. Leggere è errare. La lettura è l'erranza. (cap. XV, 50)
  • Le due grandi invenzioni: la grotta nella montagna, il libro nel linguaggio. (cap. XLIV, 139)

Bibliografia[modifica]

  • Pascal Quignard, Piccoli trattati, in Aa. Vv., Moralisti francesi. Classici e contemporanei, a cura di Adriano Marchetti, Andrea Bedeschi, Davide Monda, BUR, 2012.
  • Pascal Quignard, Ombre erranti, in Aa. Vv., Moralisti francesi.

Altri progetti[modifica]