Pippo Pollina

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Pippo Pollina

Giuseppe Pollina, in arte Pippo Pollina (1963 – vivente), cantautore italiano.

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

Aspettando che sia mattino[modifica]

Etichetta: Zytglogge CH, 1987.

  • Se non fossi così ******, se non fossi così affetto | da quella strana malattia che si chiama nostalgia, | forse non starei a menarmi sul tempo che mi sfugge, | sui ricordi e la memoria e sulle immagini distrutte. (da Una canzone di notte)

Sulle orme del Re Minosse[modifica]

Etichetta: Zytglogge CH, 1989.

  • E chi di noi non ha mai pensato a com'è strana la vita | che un giorno ti prende e ti conduce lontano | tra paesaggi innevati e dalla luce sbiadita | e ti priva di colpo del calore della sua mano. (da Radio Guevara)

Nuovi giorni di settembre[modifica]

Etichetta: Zytglogge CH, 1991.

  • Come un'alba rovente | come un pianto sgomento. | Fa che io sia | fa che tutto non sia | solo un ricordo | un eterno ticchettio | di orologi e di eventi | già visti e accarezzati | in balia di sogni e di venti. (da Preludio del dormiente)

Le pietr di Montsegur[modifica]

Etichetta: Zytglogge CH, 1993.

  • Da qualche parte c'è una terra che brucia, lo sai | che mi riscalda il cuore e non mi abbandona mai | e le sue pioggie sono lacrime di primavera | voglie d'aprile sulle ombre di questa sera. | Dimmi cos'è, | che mi sorprende a vegliare la notte, dimmi perché! (da Terra)
  • E se il ricordo è un capriccio della memoria | il disperato epilogo di questa storia | farò del mondo il porto dei miei dolori | delle speranze, dei sogni, dei miei clamori, | dimmi cos'è, | che mi fa credere in un tempo migliore, dimmi perché! (da Terra)
  • È solo mistica saggezza | quell'indugio lungimirante | o anche tu, amico di sempre, | hai paura della tua ombra? | È solo tensione d'infinito | intuizione d'animo | oppure dubbio di frontiera, | malcelato bisogno di primavera? | È solo ossigeno ciò che respiri | oppure, dimmi, trattieni il fiato | per risparmiare i desideri esposti al sole? | Appesi al vento per asciugare | ampie zone d'ombre da occultare, | eppure giocavamo insieme | fino a poco tempo fa. | E adesso dovrei capire | che dovrei crescere per davvero. (da Lungo il fiume dell'innocenza)
  • E adesso che dovrei essere in grado | di regolare i battiti del mio cuore | riesco soltanto a percepirlo | lontano da ogni rumore. | E adesso | che dovrebbe arrivare | il tempo della ragione | il mio orgoglio impazzisce | ad ogni nuova stazione. | Come amavo guardare | i treni partire. | Come vanno veloci | verso il mare. (da Lungo il fiume dell'innocenza)

Il giorno del falco[modifica]

Etichetta: Sony International, 1997-1998.

  • Signore, da qui si domina la valle | e a cento e a mille ne vedo | di Cristi distesi sul selciato | all'ombra d'alberi stizziti | al cospetto d'un cielo gravido e ambrato. (da Signore, da qui si domina la valle)
  • Signore, da qui si domina la valle | e a cento e a mille ne vedo bruciare di sete | sciogliersi al sole come comete | lanciarsi nel vuoto dello sconforto. | Signore, da qui si sentono le voci | le grida invincibili della vita | fermi quest'odio, questa partita | questa maledetta follia infinita. (da Signore, da qui si domina la valle)

Rossocuore[modifica]

Etichetta: Storie di Note, 1999.

  • Ascriverò il mio nome | nell'albo d'oro dei pazzi sul palcoscenico dell'errore. (da Finnegan's wake)
  • Perché a tutto si crede e perché a nulla si crede mai | barcolliamo tra falsi miti e uomini in malafede. (da Finnegan's wake)
  • Perché viviamo nell'era della divina apparenza | della ferita profonda inferta al sole della coscienza. | Perché tutto ci piace e tutto ci assottiglia | e ci riduce al prezzo incollato sul tappo della bottiglia. (da Finnegan's wake)
  • Qui non scende acqua che non sia terra o cielo | e non piove amore né disgelo | esiste il grande freddo sui rami della vita | come l'oceano bagna l'infinita | voglia di restare immobili per anni | e accontentarti solitudine davvero. (da Cent'anni di solitudine)
  • Padre coraggio madre pazienza | dammi la forza e la speranza | per questo tempo che mi rimane | ho poca sete e ho molta fame. | Io che del mondo ho visto e ho sentito | anche se il cielo ho accarezzato | e l'ho toccato solo con le dita | madre coraggio sorella vita. (da La luna e i falò)
  • Io non ho mai dimenticato l'odore della terra | quando d'improvviso piove. (da Due di due)
  • L'albero è cresciuto ha un cuore vagabondo | le mani da studente e dell'aquila gli occhi | parole senza accenti nei ricordi il sale | di un giorno appena nato | l'eredità del mare | Chi sono io? | Chi ero io chissà? | Chi sarò e cosa mai farò? (da Due di due)
  • Navigare avvolto fra le fitte nebbie di corsare ebbrezze | nulla mi sfiora dentro soltanto il respiro incerto della vita. | Che la notte mi colga nel suo ventre antico | mentre fuori il silenzio e piove... (da I fiori del male)
  • Capisca pure chi lo vuole | ma quanto sangue per le strade | quanti fratelli da ricordare | in nome di cosa o di chi. | Capisca pure chi lo vuole | prima che arrivino | prima che vi uccidano. (da Prima che vi uccidano)
  • E dimmi da che parte stai tu | intrepido aquilonista | che osservi placido dalla giostra | e non ti butti nella mischia? | Chi ha avuto ha avuto | chi ha dato ha dato | getti la maschera sul selciato | alzi il cappello dell'innominato | sputi sull'animo senza fiato. (da Prima che vi uccidano)
  • Perché i maestri dell'inganno | vivono sempre in alto | e vi vedono arrivare | anche di notte o all'imbrunire | c'hanno il sorriso dell'attore | le parole giuste per salutare | una carezza per colpire | e una certezza per mentire. (da Prima che vi uccidano)
  • Occhi neri e ciuffo da ragazzo | nipote e figlio della primavera | di terra ne avresti da amare e da arare | di mare ne avresti da attraversare. | Che la fame è un pallone da calciare seduti | è la polvere rossa che si alza al tramonto | è una guerra intravista | e incompresa in paese. (da Alla ricerca del tempo perduto)
  • Ma qualcosa ci lega ai pensieri di ieri | ai ricordi e ai sentieri. | Vita che te ne vai... (da Alla ricerca del tempo perduto)
  • Io non sono che un frutto acerbo | l'anima ombrosa del mio verbo. (da L'anima ombrosa del mio verbo)
  • C'è qualcosa che non mi convince | nelle leggi e in questa società | che c'ha gloria solo per chi vince | ma io non gioco la mia libertà. | Perché la dignità di un uomo | non si compra con il denaro. (da Sotto la ruota)
  • Ma tu corri Boka | corri sul filo di una fionda | e di una pietra-rasoio | ci sarà tempo per andare in giro | ci sarà modo per ingannare l'odio. | Ma tu corri Boka | corri più forte | i ragazzi stanno lì ad aspettare | il coraggio sarà più della morte | si parte per vedersi ritornare. | Ma tu corri Boka | corri più forte | della nostra madre memoria | è presto ancora per andare in giro | a rincorrere la notte vanagloria. | Libera. | Sabadsàg. (da I ragazzi della via Paal)
  • Maledetto sia il furore antico | della vendetta del suo magico rito. | Oh quanto darei per passeggiare ancora | per una volta una volta sola | sul passo che domina il deserto | dove i coyotes riposano nel vento. (da Lettera di un condannato a morte)

Versi per la libertà[modifica]

Etichetta: Storie di Note, 2001.

  • Ammanitati lu ventu | si criditi | ca vi scummina li capiddi | lu ventu ca trasi dintra li casi | pi cunnurtari lu chiantu | lu ventu ca trasi dintra li casi. || Ammanittati lu chiantu | si criditi | pi cuitari lu munnu | lu chiantu ca matura dintra li petti | e sdirrubba li mura e astuta li cannili | e sdirrubba li mura e astuta li cannili. || Ammanittati la fami | si criditi | d'addifinnirivi li garruna | ma la fami nunn'avi vrazza | lu chiantu nunn'avi affruntu | ma la fami nunn'avi vrazza | lu chiantu nunn'avi affruntu | lu ventu nun sapi sbarri. || Ammanittati l'ummiri | ca di notti vannu pi li jardina | a mettiri banneri supra li petri | e chiamanu a vuci forti li matri | ca nunn'annu cchiù sonnu | e vigghianu d'arreri li porti | ammanittati li morti. || Ammanittati li morti | si criditi. (da Versi per la libertà [1])

Racconti brevi[modifica]

Etichetta: Storie di Note, 2003.

  • Coi colori accesi dentro gli occhi scuri | la passione incendia il cemento dei muri | e le paure di mille generazioni | di chi resiste alle tentazioni | di questa libertà. | Questo tempo passerà... | Passerà | e si porterà con sé le tue paure. | Passerà | e travolgerà questa vita in fondo a un fiume. (da Centopassi)
  • M'arrusbigghiavu prestu 'sta matina | ci avia comu nu stranu sentimentu | sutta lu suli a chiazza china china | di genti chi manu manuzza u ventu. | Semu benneri dintra li casciuna | lamenti di li matri a 'ddinucchiuna. | Nuddu ni po spartiri e astutari | l'aceddi sunnu 'ncelu 'ppi vulari. | Rapu li manu e si rapinu li ciuri | sunnu carezzi di mennula duci | senti lu sangu c'avvampa lu cori? | A capu tavula s'assittò la paci. (da Banneri)

Bar Casablanca[modifica]

Etichetta: Storie di Note, 2005.

  • Ci torno spesso a Chiaramonte Gulfi | con le sue strade inerpicate al cielo. | L'anima pigra e barocca d'autunno | e il vento in attesa d'un nuovo sollievo. | L'anima pigra dei muretti a secco | degli agavi in fiore e l'odor del tabacco | degli anziani che giocano a carte giù in piazza | che di pomeriggio il tempo di ammazza. | Ci torno spesso qui al mio paese | che tutti mi chiedono di come si vive | fra i grattacieli di marmo a Toronto | ed io faccio finta di non capire. | Perché a Bausto Arsizio mi aspettano in fabbrica | e la pianura è una prateria | e il mare un'ipotesi un poco più in là | e nessuno ha un'idea di dove sia il Canadà. (da Chiaramonte Gulfi)
  • Ma ci torno spesso a Chiaramonte Gulfi | a rincorrere le farfalle d'un tempo | con le cave d'Ispica a un tiro di schioppo | e il Cassibile in piena val bene uno strappo. | Eh sì, io ci torno qui al mio paese | e racconto son belle le americane del nord | sono alte son bionde e sono indipendenti | e non fan tante storie sarà un si sarà un no. | E mangiamo di tutto e non ci sono problemi | e tutte le lingue parliamo lassù | e dollari abbiamo orsi e cascate | tutto ciò che sognate ogni giorno in tivù. | Però a Bausto Arsizio mi aspettano in fabbrica | che lavorare d'inverno è un piacere | che tanto laffuori fa un metro di nebbia | e sabato arriva ed è tutto da bere. (da Chiaramonte Gulfi)

Ulrimo volo[modifica]

Etichetta: Storie di Note I, 2007.

  • Na stizza di munnu ti vulissi dari | dintra li negghi di 'stu celu anticu. | Nu ciavuru tunnu di 'sti manu ranni | dintra li vogghi di 'stu viddicu. | E chianciu sinza sapiri nenti e nenti vogghiu sapiri | sulu li to occhi mi ponnu taliari | sulu li to pinseri mi ponnu tuccari. | Na stizza di ventu mi catamia lu cori | che è petra di niura lava. (da Canzone quarta)

Canzoni di amanti e migranti[modifica]

Etichetta: Jazz haus records D, 2008.

  • Siamo venuti lontano armati di pane e pazienza | con un biglietto nella mano e un'idea nella credenza. | Dalle montagne in un tugurio, le notti alla luce di un cero | la colonnina di mercurio a farci festa sottozero. (da Caffè Caflisch)
  • Ché qui non mancano le idee e le cose crescono da sole | e ci son rose ed orchidee da far mancare le parole. | E si vive fuori tutto l'anno e nel pomeriggio un sano abbiocco | sull'ansimare dell'affanno e al ventilar dello scirocco. (da Caffè Caflish)
  • Siamo venuti da lontao e insieme a noi ce n'eran tanti | nello scomparto di quel treno a non potere andare avanti. | Ché poi qualcosa pure noi, figli di un piccolo paese | dove le piazze son bonsai e si ride una sola volta al mese | possiamo darlo e dirlo al mondo senza paura né vergogna | che ciò che stiamo raccontando al lor palato non disdegna. | Ma a volte una malinconia, un dolore strano, non lo so... | come una sorta di magia, chissà se un giorno tornero? | E penso alla luce e al fragore del sole acceso sulle alpi | i boschi antichi del Grigione e il sole batte forte i colpi. (da Caffè Caflish)

Di nuovo insieme[modifica]

Etichetta: Jazz haus records D, 2008.

  • Ogni dolore ogni sconfitta | ogni minuto andato | che ti segna le mani | che ti dona un segreto. | Fanne tesoro è il tuo cammino | il tuo segno sulla strada | abbi fiducia, è già mattino è già rugiada. | E quando sentirai la solitudine bussare | apri la porta fai un sorriso e lasciala entrare. | E camminando camminando | come vent'anni fa | tutto ritorna e tutto se ne va. | E camminando camminando | questa notte passerà... | ascoltane il profumo si alza già. (da Ancora camminando)
  • Quante sono le lacrime che non hai mai capito. | Quandi gli schiaffi che hai dato e ricevuto | e le occasioni perse per dire e dare amore. | Per ogni cosa ci vuol tempo, non temere. (da Ancora camminando)
  • Che vinca tutto quanto fa rima | coi fiori di campo | col canto di questo cuore in cantina. | Che vinca tutto l'amore del mondo | chè questo amore è una pietra | lanciata nel vuoto | sul fondo del fondo. | Che vinca tutto l'amore che cresce | su ogni muro di pietra | su ogni parola inventata o mai detta | su ogni tua sigaretta | chè questo amore è coraggio | una manciata di stelle | un rosso fiore di maggio. (da Il tempo che passa)

Note[modifica]

  1. La poesia Versi per la libertà è stata musicata da Pippo Pollina, ed è stata scritta nel 1955 dal poeta siciliano Paolo Messina, il titolo originale è Virsi pi la libirtà.

Altri progetti[modifica]