Premiata pasticceria Bellavista

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Premiata pasticceria Bellavista

[[File:P culture.svg|285px|alt=Immagine P culture.svg.|]]
Titolo originale Premiata pasticceria Bellavista
Anno 1997
Genere commedia teatrale
Regia Vincenzo Salemme
Soggetto Vincenzo Salemme
Sceneggiatura Vincenzo Salemme e Carlo Buccirosso
Attori

Premiata pasticceria Bellavista, commedia teatrale italiana del 1997 scritta ed interpretata da Vincenzo Salemme.

Frasi[modifica]

  • Ciechi, siete poveri ciechi. (Carmine)
  • Nun sò capace e fennì nu discorso. (Ermanno)
  • Fine delle comunicazioni, siete cattivi, puzzat ittà o sang!!! (la mamma)
  • Ma è mai possibile che siete così ciechi, affrontate vostra madre, volevate ammazzare il futuro... ammazzate lei piuttosto... (Carmine)
  • È siciliano e parla che cannuol siciliani. (Aldo)
  • Aldo, ma non tieni un catalogo di occhi? (Ermanno)

Dialoghi[modifica]

  • Carmine: Ermà, tu puoi morire da un momento all'altro, io devo starti vicino, in modo che quando morirai, io potrò riprendere i miei occhi.
    Ermanno: Na specie di morte ngopp a noc' do cuoll'.
    Aldo: Ermà comm si ric? T'a mis l'uocchi n'coll.
  • Ermanno: Mi state dicendo che io potrei avere gli occhi di quest uomo, cioè capite di un uomo ancora vivo.
    Giuditta: E per giunta sporco.
    Ermanno: Ma che c'azzecca sporco, gli occhi mica assorbono lo sporco.
    Giuditta: Sempre la scazzima si forma .
    Ermanno: Mado' che schifo.
  • Giuditta: [parlando a bassa voce] Aldo, ma non è che questo è il barbone donatore .
    Carmine: Ma cosa è un cane di razza il "barbone donatore".
  • Giuditta: [al microfono] Ermanno scendi.
    Ermanno: Giudì non posso scendere sto con mammina.
    la mamma: Ma che vuole quella scocciante di tua sorella, stai con me adesso, ne sap' fa e cunt' essa, chella ciucciona, sempre ciuccia è stata.
    Giuditta: Si sente tutto scostumata.
    la mamma: So contenta che hai sentito così almeno impari qualcosa.
  • Ermanno: [leggendo la congegna per la pasticceria] 7 sciù, 7 cassate, 7 babà, 7 cannoli, 7 sfogliate... ma che è? chist' è ten prop cuntat.
    Rosa: E saranno sette persone.
    Ermanno: E che significa? Se viene una persona in più che s'magna? e' cart?

Altri progetti[modifica]