Proverbi bisiachi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Proverbi dalla Bisiacaria (Friuli-Venezia Giulia).

Indice
0-9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z ?

A[modifica]

  • Al can de do paroni al resta senza magnar
Il cane di due padroni resta senza mangiare

B[modifica]

  • Bezzi e mizizia sgorba la iustizia
Soldi e amicizia accecano la giustizia
  • Bocca serada no ciapa mussati
Bocca chiusa non prende zanzare (meglio non intromettersi per evitare problemi)


C[modifica]

  • Chi lavora ga una camisa, chi che no lavora ghe ne ga do
Chi lavora ha una camicia, chi non lavora ne ha due
  • Co te vol che cegne no cen e co te vol che no 'l cengne basta un os de gril par fermar
Quando vuoi che tenga non tiene e quando vuoi che non tenga basta un osso di grillo per fermare

D[modifica]

  • Dute le robe del mondo le sta tala punta dela lengua
Tutte le cose del mondo stanno sulla punta della lingua


L[modifica]

  • Lampa in ponente no lampa par gnente
I fulmini a ponente non sono per niente
  • La piegura che la sbeléa la perde al bocon
La pecora che bela perde il boccone
  • La stagion che canta l'cuc, un'ora bagnà e un'ora sut
La stagione che canta il cuculo, un'ora piove e un'ora è asciutto


P[modifica]

  • Pan fresco, legni verdi e parona zovena xe la rovina dela casa
Pane fresco, legni verdi e padrona giovane sono la rovina della casa
  • Più pressa se à, più el diaul tenta
Più fretta si ha, più il diavolo tenta


Voci correlate[modifica]