Roberto Alajmo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Roberto Alajmo (1959 – vivente), scrittore, giornalista e drammaturgo italiano.

  • Credo che ci siano poche città vivaci teatralmente come Palermo e questo è riconosciuto a livello nazionale, tanto che i nostri spettacoli girano da Bologna a Milano. Nei fatti siamo un Teatro nazionale, pur non avendone il budget, dopodiché le imperfezioni restano e io ci faccio i conti tutti giorni.[1]
  • La scrittura è sguardo. O meglio, capacità di saper guardare, di andare oltre, altrove. E anche in Sicilia credo che ci guardiamo molto, siamo un popolo che guarda. È per questo che la mia scrittura è sempre stata molto "cinematografica" nel senso che suggerisce una visione di questa osservazione, e del punto da cui si guarda.[2]
  • Palermo sa essere molto seduttiva, sul breve periodo, mentre magari qualche problema può sorgere quando si sceglie di trascorrere qui l'intera esistenza.[3]
  • [Sulla Sicilia] Pur restando immobile, l'Isola si muove. Non è uno di quei posti dove si va a cercare la conferma delle proprie conoscenze. È invece un teatro dove le cose succedono da un momento all’altro. È un susseguirsi di scatti prolungati, pause per rifiatare e ancora fughe in avanti.[4]

Note[modifica]

  1. Citato in Mario Di Caro, Palermo marchio da esportazione grazie a editori, registi e scrittori, la Repubblica, 2 febbraio 2017, p. 2.
  2. Citato in [1], 7 aprile 2008
  3. Citato in Palermo capitale della cultura 2018 Basta con le liti, raccogliamo la sfida, Corriere.it, 21 luglio 2017.
  4. Citato in Elezioni Palermo, la quinta volta di Orlando: l’arte di annacarsi e nessuno sfidante vero. Così il sindaco ha vinto, Il Fatto Quotidiano.it, 12 giugno 2017

Altri progetti[modifica]