Rosamond Du Jardin

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Rosamond Neal Du Jardin (1902 – 1963), scrittrice statunitense.

L'anello di scuola[modifica]

Incipit[modifica]

Discussione familiare
Da quasi una settimana portava in dito l'anello che Brose Gilman mi aveva dato e nessuno in casa se n'era accorto. Era, quello, uno strano modo di comportarsi per la nostra famiglia, alla quale non sfugge nessun dettaglio, per quanto insignificante, della mia vita. Se ho cambiato il colore del rossetto per le labbra, se i miei ammiratori mi guardano più intensamente del solito, se le unghie delle mie dita sono di una lunghezza conveniente, ebbene, di tutte queste banalità i miei si occupano come se fossero affari loro e non esclusivamente miei. Eppure io ero andata in giro per cinque giorni interi, sventolando sotto il loro naso la mia mano e nessuno aveva posto la più piccola attenzione a quella faccenda tanto importante e significativa che era il portare in dito l'anello.

Citazioni[modifica]

  • Non bisogna mai lasciar vedere ad un ragazzo che ci tenete troppo a lui, anche se portate il suo anello di scuola; c'è da rischiare che si monti la testa, con risultati disastrosi. (p. 19)
  • Le donne cercano sempre di dimostrare che la cura della casa e della famiglia rappresenta un lavoro che nessun uomo può accingersi a sbrigare, mentre è stato dimostrato che a fatti gli uomini sanno trovare più efficienti sistemi nell'organizzare anche i lavori domestici su basi bene ordinate e risparmiando tempo e fatica, cosa che le donne non sapranno mai fare. (p. 126)

Bibliografia[modifica]

  • Rosamond Du Jardin, L'anello di scuola (Class ring), traduzione di Ginia Finzi Pagnoni, Baldini & Castoldi, 1956.