Roy Keane

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Roy Keane

Roy Maurice Keane (1971 – vivente), allenatore ed ex calciatore irlandese.

Citazioni di Roy Keane[modifica]

  • Guanti, sciarpe, cappelli, scaldacollo, e tutte queste altre cose non c'erano ai miei tempi. Sono un vezzo moderno che ha reso il calcio più "soffice", lo ha rammollito. Non so nemmeno come facciano i giocatori a concentrarsi con tutta quella roba addosso.[1]
  • I miei giocatori possono indossare i guanti in allenamento. Non mi interessa. Ma l'anno scorso un paio dei miei ragazzi li hanno indossati anche durante una partita di coppa contro il Blackpool. E io ho detto loro: "State bene attenti. Se volete davvero giocare con i guanti, allora fate in modo di giocare molto bene. Perché saranno le prime cose che vi tirerò dietro se dovessimo perdere..."[1]
  • Sono un mediano d'interdizione. La mia parte in squadra è questa, impedire che la palla filtri dal centrocampo. Conosco bene i miei punti di forza e quelli deboli. Non sono uno che scende in dribbling e insacca da 20 metri, come mi piacerebbe. Capita che mi porti in avanti, se la partita è aperta, e ci provi. Ma il mio lavoro è lanciare le punte: un lavoro senza fronzoli.[2]
  • Un paio di anni fa sono quasi andato alla Juve. La gente mi aveva parlato di Torino e aveva detto questo e quest'altro e che Milano sarebbe più piacevole. Ho detto: io non vado per i dannati negozi; me ne vado perché si tratta della Juventus.
A couple of years ago I nearly went to Juve. People spoke to me about Turin, and said it is this and it is that, but Milan would be nice. I said "I'm not going for the bloody shops; I'm going because it's Juventus."[3]

Citazioni su Roy Keane[modifica]

  • Dicono che Al Capone facesse anche del bene. Il guaio è che scendeva in strada e sparava alla gente. Roy Keane sta diventando l'Al Capone del Manchester United. (Brian Clough)
  • Roy Keane mi ricorda Bryan Robson, ma non sa controllare i tackle come Robson, che riusciva a farla franca anche con le entrate assassine, senza rimediare un cartellino giallo. Robson sapeva andarci piano, prima che arrivasse l'ammonizione. Roy non molla, e si becca il cartellino. E mi va bene così, non deve cambiare il suo gioco. (Alex Ferguson)

Note[modifica]

  1. a b Citato in Daniele Fantini, Parte la crociata contro gli scaldacollo, Eurosport.com, 7 febbraio 2011.
  2. Citato in Giancarlo Galvanotti, Keane, una vita da duro, Gazzetta dello Sport, 20 novembre 1999.
  3. Citato in Sunderland's WAG-free zone, IrishTimes.com, 15 agosto 2007.

Altri progetti[modifica]