Al 2019 le opere di un autore italiano morto prima del 1949 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Rustico Filippi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Rustico Filippi, detto anche Rustico di Filippo (1235 ca. – 1296 ca.), poeta italiano.

Sonetti[modifica]

Incipit[modifica]

A voi, messere Iacopo comare,
Rustico s'acomanda fedelmente,
e dice, se vendetta avete a fare,
ch'e' la farà di buon cuor lealmente.
Ma piaceriagli forte che 'l parlare
e•rider vostro fosse men sovente,
ché male perdere uom, che guadagnare,
suole schifare più la mala gente.
E forte si crucciò di monna Nese
quando sonetto udì di lei novello;
e credel dimostrar tosto in palese.
Ma troppo siete conto di Fastello,
fino a tanto ch'egli ha danar da spese:
ond'e' si crede bene esser donzello.

Citazioni[modifica]

  • Quando Dio messer Messerin fece | ben si credette far gran maraviglia, | ch'ucello e bestia ed uom ne sodisfece, | ch'a ciascheduna natura s'apiglia: | ché nel gozzo anigrottol contrafece, | e ne le ren giraffa m'asomiglia, | ed uom sembia, secondo che si dice, | ne la piagente sua cera vermiglia. (XIV, vv. 1-8)
  • Le mie fanciulle gridan pur vivanda | e non fìnaro sera né matino, | e stanno tutte spesso in far domanda: | 'Or nonn-è vivo messere Ugolino? (XVI, vv. 1-4)
  • Se tu sia lieto di madonna Tana, | Azzuccio, dimmi s'io vertà ti dico; | e se tu no la veggi ancor puttana, | non ci guardar parente ned amico: | ch'io metto la sentenza in tua man piana, | e di neiente no la contradico, | perch'io son certo la darai certana; | non ne darei de l'altra parte un fico. (XIX, vv. 1-8)
  • Dovunque vai conteco porti il cesso, | oi buggeressa vecchia puzzolente, | che quale-unque persona ti sta presso | si tura il naso e fugge inmantenente. (XXI, vv. 1-4)
  • Da che guerra m'avete incominciata, | paleserò del vostro puttineccio, | de la foia, che tanto v'è montata | che non s'atuteria per pal di•lleccio. | Non vi racorda, donna, a la fiata | che noi stemmo a San Sebio in tal gineccio? | E se per moglie v'avesse sposata, | non dubbiate ch'egli era un bel farneccio. | Che foste putta il die che voi nasceste | ed io ne levai saggio ne la stalla: | ché 'l culo in terra tosto percoteste, | e sed io fosse stato una farfalla, | maraviglia saria, sì mi scoteste: | voi spingate col cul, quando altri balla. (XXVI, vv. 1-14)
  • Quando ser Pepo vede alcuna potta | egli anitrisce sì come distriere | e no sta queto: inanzi salta e trotta | e canzisce che par pur un somiere. (XXVIII, vv. 1-4)
  • Come pote la gente soferire, | donna amorosa, standovi lontana? | Chi vive como si puote partire | da la vostra gioiosa cera umana? (XXXII, vv. 1-4)
  • Madonna, quando eo voi non veggio in viso, | tant'è forte e dogliosa la mia pena | che 'n su la morte mi conduce e mena, | non m'aucide e tenemi conquiso. (XXXIV, vv. 1-4)
  • Ma se di me vi pesa o se m'amate, | Amor ringrazo, che 'n suo segnoraggio | mi tene, e voi, madonn', ha in potestate. (LVII, vv. 12-14)

Bibliografia[modifica]

  • Rustico Filippi, Sonetti, a cura di Pier Vincenzo Mengaldo, Einaudi, Torino 1971

Altri progetti[modifica]