Vai al contenuto

Silent Hill 3

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Silent Hill 3

Immagine Silent hill 3 logo.jpg.
Sviluppo Konami Computer Entertainment Tokyo
Pubblicazione Konami
Anno 2003
Genere survival horror
Piattaforma PlayStation 2, Microsoft Windows, PlayStation 3, Xbox 360
Serie Silent Hill
Preceduto da Silent Hill 2
Seguito da Silent Hill 4: The Room

Silent Hill 3, videogioco survival horror del 2003.

Incipit[modifica]

Ma dove sono...? (Heather)

Frasi[modifica]

Citazioni in ordine temporale.

  • Ma qui sono tutti degli svitati? (Heather)
  • Alessa, non puoi uccidere Dio. Io... Io partorirò Dio... Se non ci riesci tu, Alessa, lo farò io... (Claudia)

Dialoghi[modifica]

Citazioni in ordine temporale.

  • Douglas: Heather, ti devo parlare. Mi chiamo Douglas Cartland. Sono un investigatore.
    Heather: Un investigatore? Davvero? È stato un vero piacere... addiooo.
    Douglas: Aspetta. C'è qualcuno che vuole incontrarti. Dammi solo un'ora del tuo tempo, anzi mi basta mezzora.
    Heather: Paparino mi ha sempre detto di non parlare con gli sconosciuti.
    Douglas: È una cosa importante. Riguarda il tuo parto.
    Heather: Non me ne frega niente.
  • Heather: Hei... aspetta. Ma che succede? Dove sono finiti tutti? Che strani mostri...
    Claudia: Sono venuti per assistere all'Inizio. La rinascita del Paradiso, spogliato dall'umanità.
    Heather: Ma di che stai parlando?
    Claudia: Non lo sai? Il tuo potere è richiesto.
  • Douglas: Non so davvero cosa dire...
    Heather: E allora statti zitto. Sto bene quindi togliti di torno e lasciami sola!
    Douglas: Calmati, volevo solo...
    Heather: Calmarmi?! E come potrei mai calmarmi?! Mio padre è morto! L'hanno ucciso! Vattene! È tutta colpa tua. Se non ti fossi immischiato...
    Douglas: Mi dispiace.
    Heather: E allora vattene!
    Douglas: Se ti fa sentire meglio, allora vado.
  • Voce al telefono: Buon compleanno a te. Buon compleanno a te. Buon compleanno cara... Ups, ho dimenticato il tuo nome.
    Heather: Chi parla!?
    Voce al telefono: Ah, grazie. Buon compleanno "Chiparlaaa". Buon compleanno a te.
  • Claudia: Sei forse diventata cieca alle insulse sofferenze del mondo? Tutti... Tutti abbiamo bisogno della salvezza di Dio.
    Heather: Stammi a sentire. Soffrire fa parte della vita. O impari a farci i conti, oppure sparisci.
  • Leonard: Sei venuta qui per godere a versare il loro sangue e sentirli urlare. Ti eccita dominarli ed estinguere le loro vite.
    Heather: Ti riferisci ai mostri?
    Leonard: Mostri...? A te sembrano dei mostri?
  • Claudia: Devi solo accettarlo, Alessa. Il dolore sparirà. Oh, quanto tempo ho atteso questo momento. Fin da quando ero bambina, sapevo che avrei visto questo giorno, sapevo che ne saresti stata testimone. Il Giorno del Giudizio! ... Alessa!
    Heather: E chiudi quella boccaccia, bastarda!
  • Douglas: Heather, sei riuscita a...
    Cheryl: Non devi più chiamarmi così. Ormai non ho più niente da nascondere.
    Douglas: Vuoi che usi il tuo vero nome? Com'era...
    Cheryl: Cheryl. È il nome che mi diede mio padre.
    Douglas: Ti cambierai anche il colore dei capelli?
    Cheryl [ultime parole]: Non lo so. Non credi che le bionde vadano più forte?

Altri progetti[modifica]