Smallville (quarta stagione)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Smallville.

Smallville 2001 logo.svg

Smallville, quarta stagione.

Episodio 1, Il simbolo della crociata[modifica]

  • Clark: Sto bene...
    Lois: Ti ha appena colpito un fulmine, sei completamente nudo e non ricordi nemmeno qual è il tuo nome... hai un concetto piuttosto vago dello stare bene!
  • Sono una calamita per cani smarriti e ragazzi nudi... Ok, detto così suona male. (Lois)
  • Martha: Clark ha molte sfaccettature...
    Lois: Eh sì, lo so, ne ho già vista qualcuna...
  • Pilota: Guarda!
    Co-pilota: Che cos'è? Un uccello? Un aereo?[1]
  • Sai, non dovresti ferire chi non puoi uccidere. (Lex)

Episodio 2, Scomparsa[modifica]

  • Lois: Io non riesco a capire qual è il problema. Abbiamo fatto solo una doccia.
    Clark: Due docce! Due docce separate...
  • Lois: Davvero? Voi due?
    Clark: Non abbiamo...
    Lana: Non proprio...
    Clark: È stato solo...
    Lana: È complicato.
  • Lana: Tu credi nel destino?
    Clark: Non voglio farlo.
  • [A Lana, parlando di Lois] Clark: È insopportabile. È maleducata e prepotente. Non la voglio intorno!
    Lana: Le coppie migliori incominciano sempre così.

Episodio 3, Giochi di specchi[modifica]

  • Immagino che l'educazione imponga un colpo di tosse per farle sapere che sono qui... (Lex)
  • Clark: Accidenti, è appena passato un uragano?
    Chloe: Sì, e si chiama Lois!
  • Il motivo per cui ti amo non si vede in uno specchio. (Jason a Lana)

Episodio 4, Devoti per sempre[modifica]

  • In futuro limitiamo le nostre conversazioni a un "ciao". (Clark)
  • Bene, ma questo ancora non spiega perché indossi solo la mia maglietta da football! (Clark)
  • Mandy: Sei così forte...
    Clark: E tu sei così bella...
    Lois: Io così disgustata...
  • Se le spezzerai il cuore, tornerò e ti spezzerò le gambe! (Lois)
  • Lois: Non ti preoccupare, verrò a trovarti.
    Clark: È una promessa o una minaccia?

Episodio 5, Arriva Flash[modifica]

  • Passo tanto tempo a nascondere chi sono, che a volte mi sento due persone separate. (Clark)

Episodio 6, Da un corpo all'altro[modifica]

  • Lex: Fermo, non ti muovere.
    Clark: Lex, sono io, Clark! Ho bisogno di parlarti.
    Lex: Quando sono finito con la Porsche nel fiume e tu mi hai ripescato, ho chiesto a tuo padre come sdebitarmi. Disse una cosa su cui scherziamo sempre.
    Clark: Cos'è, un quiz per la TV?
    Lex: Rispondi alla domanda!
    Clark: Ti ha detto di andare piano.
    Lex: Bentornato tra noi.
  • Se sono capace di mandare un colpevole in prigione, magari posso liberare un innocente! (Lex)

Episodio 7, La minaccia viene dai Balcani[modifica]

  • Clark: Credevo che ti fossi imposta di non rivolgermi più la parola. Che è successo, perché mi parli di nuovo?
    Chloe: Lo faccio solo per darti la possibilità di mostrare il tuo lato Dr. Jekyll.
  • Se c'è qualcosa che ho imparato è che se si perde qualcosa la si può ritrovare. (Lex)

Episodio 8, Incantesimo[modifica]

  • Clark: È bello riavere la mia vecchia amica... Isabelle era sexy in modo aggressivo.
    Lana: Bene... posseduta da una sgualdrina malvagia!

Episodio 9, Intrappolato[modifica]

  • Clark: Credevo che l'avvocato di Lex tenesse questa roba sotto chiave!
    Chloe: Sì, be', lei forse conosce gente ai vertici, ma io gente più in basso che vive di mance!

Episodio 10, Incubi[modifica]

  • Una cosa che ho imparato è che non siamo destinati a seguire le orme dei nostri genitori. (Clark)

Episodio 12, Emarginati[modifica]

  • Chloe: Lois, se tu scoprissi qualcosa, una cosa che qualcuno non vuole che tu sappia, gli diresti che la sai?
    Lois: Dipende. Si tratta di una persona a cui tieni?
    Chloe: Sì.
    Lois: E mantenere il segreto danneggia qualcuno?
    Chloe: No.
    Lois: Allora la mia risposta è no.

Episodio 13, I valori di Clark[modifica]

  • Clark: Non ti avevo detto di aspettarmi fuori?
    Lois: Non posso finché aspetto di finire dentro!
  • Lana: Quando si ha a che fare con te è tutto un segreto!
  • Toc toc! Dovresti cominciare a pensare di mettere una porta. Forse è un'usanza cittadina, ma da dove vengo io apprezziamo un po' di privacy! (Lois)

Episodio 14, Il segreto del passato[modifica]

  • Clark: L'hai investito? Con l'auto?!
    Lois: Nooo... a piedi!
  • Clark: Stavo giocando con Skippy...
    Lois: Non lo chiamerai Skippy?!
    Clark: Va bene, Lois, come lo vuoi chiamare?
    Lois: Vediamo... sono allergica e devo stare lontano da lui sennò comincio a starnutire... Penso che dovremmo chiamarlo Clarky.
  • Lois: Noi lo chiamiamo Clarky...
    Clark: Noi non lo chiamiamo Clarky!
    Lois: È la ipsilon che non ti piace? Perché potremmo sempre chiamarlo Clark, ma poi ci sarebbe un po' di confusione. Forse dovresti pensare a cambiare il tuo, di nome. Potresti chiamarti Skipper.

Episodio 15, L'ultima lettera[modifica]

  • Io non sto affatto cercando di avvicinarmi a Dio, sto cercando di risolvere gli enigmi che ha preparato per me. (Lex)

Episodio 16, Lucy[modifica]

  • Il solo fatto di avere lo stesso sangue nelle vene non significa essere una famiglia. Guarda noi, Clark. Io sono il frutto del seme di mio padre, gli serviva un erede. Ma i tuoi genitori ti hanno scelto per amore. Scambierei la mia famiglia con la tua subito. (Lex)
  • Clark: Lex, hai mai sentito la mancanza di un fratello?
    Lex: Una volta sì. Finché non ti ho conosciuto, Clark. Tu mi sei più vicino di un fratello vero.
  • Mantenere dei segreti porta sempre guai. Non so se sia più difficile essere quello che mantiene il segreto o quello che viene ingannato. (Chloe)
  • Clark: Per quanto uno lo voglia non si può sempre salvare tutti.
    Chloe: Ma c'è sempre chi ci prova comunque, non è vero Clark?
  • Clark: Forse è per questo che siamo amici.
    Lois: Uh, siamo amici?
    Clark: Be', se non lo dici a nessuno, sì!

Episodio 17, Lex contro Lex[modifica]

  • Clark: Questo è impossibile...
    Chloe: Non a Smallville! Tu più di tutti dovresti saperlo.
  • Lionel: La gente cambia, Lex!
    Lex: No, non è vero. Si rammolisce e basta.
  • Clark: Chloe, cosa fai?
    Chloe: Ficco il naso negli affari altrui. Pensavo di farne un lavoro a tempo pieno.
  • Clark: Che cosa sei tu?
    Lex: Stavo appunto per farti la stessa domanda.
  • Tutti i pezzi erano là, solo che ero accecato dall'amicizia: un fattore che ora è stato rimosso dall'equazione. (Lex)
  • Lex: Tu ti unirai a me.
    Clark: Cosa?
    Lex: Pensaci, Clark: il mio cervello e i tuoi poteri. Insieme potremmo governare il mondo. Cammineremmo come Dei tra gli uomini.
    Clark: Tu non sei un Dio. Non so neanche se sei umano.
    Lex: Tu lo sei?
  • Devo riconoscerlo, gente. Tenere segreta una cosa del genere deve aver richiesto un'impressionante capacità di mascherare la verità. Può darsi che i Kent e i Luthor abbiano qualcosa in comune, dopotutto... (Lex)
  • Ha sempre avuto ragione su di me, signor Kent. Sono io il cattivo della storia. (Lex)
  • Lex: Lascialo in pace!
    Lex (malvagio): Sto cominciando ad odiare il suono della mia stessa voce!

Episodio 18, La reginetta del ballo[modifica]

  • Dawn (nel corpo di Martha): Come funziona? Voi due pomiciate ma fate finta di niente in pubblico?
    Clark: Mamma!
    Lois: Non vorrei essere scortese, ma per caso ha finito la bottiglia di Sherry?
  • Lana: Quindi credi che il suo spirito si sia impossessato di Martha e poi si sia trasferito dentro di me?
    Chloe: Be', viviamo a Smallville. E che ballo studentesco sarebbe senza una reginetta ladra di corpi?

Episodio 19, Il vuoto[modifica]

  • Chloe: [Clark] Ha un'amnesia. Perciò ha un po' di difficoltà a...
    Lois: Un'altra?
    Clark: Come un'altra?
    Lois: Almeno stavolta hai i vestiti addosso!

Episodio 21, Per sempre[modifica]

  • Mi sa che non cambierà poi un granché... (Chloe)
  • Chloe: E così è fatta eh?
    Clark: Dove sta scritto che non ci vedremo più?
    Lana: Si, tornerai ogni estate, a natale.
    Chloe: Che tristezza!!!
    Lana: Puoi dirlo forte!
    Clark: All'improvviso le interrogazioni e i test fanno meno paura del grande punto interrogativo che ci sta aspettando.
  • Chloe: Non vuoi vedere che altro c'è là fuori?!
    Lana: È per questo che sono andata a Parigi l'anno scorso, ma c'è una ragione se ho preferito tornare a casa.. Non sono sicura di aver esplorato tutte le possibilità che ci sono qui.
    Chloe: Mi sa che non cambierà poi un granché!

Episodio 22, Gran finale[modifica]

  • Lois: Un incubo? Ecco allora cos'era tutto quel trambusto!
    Jonathan: Lois!
    Lois: Sai, se la cosa può farti stare meglio, io ne ho continuamente. Ne ho avuto uno la scorsa settimana. Davvero tremendo. C'era un tipo che portava una mantella rosso scarlatto.
    Clark: Ma è una cosa terribile, Lois!
  • Lois: Oh, andiamo, Clark, il tuo futuro è dispiegato proprio davanti a te: andrai al college, laura in agricoltura, probabilmente con una specializzazione, e poi tu e Lana avrete un tenero matrimonio in chiesa...
    Clark: Scusami?
    Lois: È scritto nelle stelle, lo sai bene. È questione di tempo: ti iscriverai alla squadra di bowling, rileverai la fattoria di famiglia, e poi crescerete il piccolo Clark Junior...
    Clark: Hai le allucinazioni.
    Lois: No. Avere le allucinazioni sarebbe immaginare Clark Kent che se ne va nella grande città e lascia un segno nel mondo. Io sono soltanto concreta.
  • Lois: Sai, ho fatto un test attitudinale su una rivista, e dice che il mio lavoro perfetto sarebbe la discjokey in una radio.
    Clark: Mi sembra giusto: parli molto, niente buchi in onda.
  • Lois: Voglio che tu sappia, Clark, che quando oggi sarò seduta nel pubblico alla consegna dei diplomi e tu sarai sul palco di fronte a tutte quelle persone, alzerò lo sguardo su di te e penserò una cosa...
    Clark: Che cosa?
    Lois: Ti prego Dio non farlo inciampare!

Note[modifica]

  1. "È un uccello? È un aereo? No, è Superman!" è il più famoso slogan della serie di Superman.

Altri progetti[modifica]