Team Fortress 2

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Team Fortress 2

Immagine Team Fortress 2 style logo.svg.
Titolo originale

Team Fortress 2

Ideazione John Cook, Robin Walker
Sviluppo Valve Software
Pubblicazione Valve Software
Anno 2007
Genere Sparatutto in prima persona
Tema Humor, Guerra
Piattaforma Microsoft Windows
Serie Team Fortress

Meet the Team (Incontra la Squadra)[modifica]

Esploratore[modifica]

  • Esploratore: L'erba cresce, gli uccelli volano, il sole splende e, fratello, io faccio male.

Demolitore[modifica]

  • Demolitore: Cos'è che mi rende un buon Demolitore? Se non fossi un buon Demolitore, non starei qui seduto a parlarne con te, non ti pare?
  • Demolitore: Un solo filo intrecciato, un pizzico di clorato di potassio, una minima vibrazione... E KABOOM!
  • Demolitore: Mi manca un occhio. Sono un Nero. Ciclope. Scozzese. E loro hanno più [censurato] dei tipi come me. QUINDI! Voi tutti bei damerini, cosi sicuri e pieni di voi stessi, a saltellare in giro con i vostri faccioni pieni di bulbi oculari... Fatevi avanti, forza! Sarò lì ad aspettarvi con una bella zaffata di buon vecchio zolfo. Sono una maledetta favola macabra con un dannatissimo finale infelice!
  • Demolitore: Oh, sembra che vi dovranno rimettere insieme con la colla... ALL'INFERNO!

Grosso[modifica]

  • Grosso: Io sono il Grosso... E questa [Una mitragliatrice Vulcan] è la mia arma. Lei pesa centocinquanta chilogrammi e spara cartucce apposite da duecento dollari a diecimila colpi per minuto. Servono quattrocentomila dollari per sparare con quest'arma... per dodici secondi.
  • Grosso: Alcuni pensano di potermi fregare. Forse... Forse. Ma devo ancora conoscere qualcuno in grado di fregare i proiettili.

Ingegnere[modifica]

  • Ingegnere: Salute amico. Io sono un ingegnere, e so risolvere problemi. Ma non problemi come cosa da bellezza, perché ciò ricadrebbe nell'ambito della tua concezione di filosofia. Io risolvo problemi pratici.
  • Ingegnere: Ad esempio, come posso fermare qualche figlio di buona cavalla dal tentare di far saltare in aria me e la mia attrezzatura? Uso un'arma. E se non funziona... Uso più armi.
  • Ingegnere: Attrezzatura come questa Torretta a calibro pesante progettata da me. Costruita da me. E ti conviene sperare... Che il bersaglio non sia tu.

Medico[modifica]

  • Medico: Aspetta, aspetta, adesso arriva il meglio: quando il paziente si risveglió, il suo scheletro era sparito, e nessuno seppe più nulla del dottore! [Risate] Comunque, è così che persi la mia licenza medica.

Cecchino[modifica]

  • Cecchino: Il Cecchino è un bel mestiere, amico. È competitivo, si sta all'aperto... e di certo non morirai di fame. Perché alla fine della giornata, finché ci saranno almeno due persone sulla faccia del pianeta, qualcuno vorrà qualcun'altro morto.
  • Cecchino: Sentimenti? Ascolta, amico, sai chi ha molti "sentimenti"? Quelli che massacrano le loro mogli con un trofeo di golf. I professionisti hanno degli standard: essere educati, essere efficienti e avere un piano per uccidere chiunque ti si pari davanti.

Spia[modifica]

  • Spia BLU: [Riferendosi alla Spia nemica] La Spia ha già eluso le nostre difese. Avete visto tutti cos'ha fatto ai nostri colleghi! E peggio ancora: potrebbe essere uno di noi.
  • Spia BLU: Potrebbe essere anche in questa stanza. Potresti essere tu. Potrei essere io! Potrebbe persino essere... [Morte della Spia BLU]

Data di scadenza[modifica]

  • Jeremy: Ehi, Miss Pauling? Prima che vada... ehm... io... ehm...
    Miss Pauling: Scout, dì qualcosa.
    Jeremy: Suppongo che lei abbia degli impegni 'sta settimana, giusto?
    Miss Pauling: Buffo che tu me lo chieda: proprio questo weekend dovrò... seppellire cadaveri, così non finirete in prigione.
    Jeremy: Oh, bene, quindi, siamo tutti occupati.
    Miss Pauling: Oh, devo andare! [La videochiamata termina]
    Jeremy: Siamo tutti occupati... con... occupazioni...
    Spia: Chiediamo al telefono spento di uscive di nuovo, eh?
    Jeremy: Va al diavolo, Spia!
  • Jeremy: Ehi, e voi a cosa avete lavorato, teste d'uovo? [Lancia le chiavi a Dell, ma Dell non le prende] Ottima presa.
    Dell: Senti, abbiamo fatto alcuni esperimenti sul Teletrasporto e... beh, vi conviene dare un'occhiata a questo. [Ludwig butta il pane nel Teletrasporto ed esce dall'altra parte, apparentemente normale]
    Jeremy: Wow, riusciamo a teletrasportare il pane. Che notiziona. Ehm, Demo è già tornato con le birre? [Ludwig apre a metà il pane, rivelando viscide pustole verdi al suo interno.] WOAH! Che cacchio è quella roba!?
    Ludwig: Tumori.
    Dell: Sapete tutti che significa, vero?
    Jane Doe: [Inizia a strapazzare Jeremy] ARGH! Non possiamo più teletrasportare pane!
    Dell: Beh, non esattamente, Soldato. Puoi teletrasportare tutto il pane che vuoi e questo vale per tutti. Se ci fosse qualcosa che volete fare prima di... beh... morire... questo è il momento giusto.
    Spia: Quanto ci vesta, pvima che questi tumovi ci uccidano?
    Ludwig: Beh, fetiamo... noi tutti uziamo il Teletrazporto circa zei folte al giorno, per qvattro anni, meno noi non ziamo pane... Tre giorni. Zì! Ci reztano zolo tre giorni di vita!
    Tavish: [Tavish esce dal teletrasporto con le birre, di ritorno dal Messico] WOOO! Wooo. Wo. Che c'è?
  • Spia: Questo è un secchio.
    Jane Doe: Dio. Mio.
    Spia: E non è tutto.
    Jane Doe: Nooo...
    Spia: Contiene tutti gli ultimi desidevi dei pvesenti. Scout, hai vaccolto tutti gli ultimi desidevi di tutti?
    Jeremy: Puoi scommetterci!
    Spia: Eccellente. Signorvi, sincvonizzate i vostvi ovologi della movte. [Il timer viene impostato a 70 ore] Ci vestano solo 70 ove di vita. Per molti uomini, sarebbe pochissimo. Ma noi non siamo "molti uomini": noi siamo mevcenavi! Abbiamo le visovse, la volontà, per fav valeve ogni singola ova! L'ovologio covve, signovi. Cominciamo. [Estrae un biglietto dal secchio] Il pvimo ultimo desidevio è di Scout: lui... ha disegnato me che vengo investito da una macchina. Ho qualcosa che si ivvadia da me.
    Jeremy: Sono zaffate di puzza! [Agli altri] Per quello lo hanno investito: perché puzza.
    Spia: Oui, oui, cevto: qui mi hai disegnato mentve ho una velazione cavnale con la Touv Eiffel. La Touv Eiffel che ha un vapporto cavnale con mois. Entvambi che ci rilassiamo dopo il coito.
    Tavish: [A Jeremy] "Dopo il coito"?
    Spia: Qua io sto piangendo e la Touv Eiffel emana linee maleodovanti! Qualcuno oltve a Scout ha messo un ultimo desidevio nel secchio!? [Nessuno annuisce e Jeremy sghignazza]
    Jeremy: Classico Scout.
    Spia: Fantastique. Questa è stata un'enovme pevdita del mio tempo.
    Jane Doe: Non hai letto il mio!
    Spia: Dice che vuoi il secchio?
    Jane Doe: Sì!
    Spia: [La riunione si scioglie e Spia passa il secchio a Jane] Ci vediamo tutti all'Infevno.
  • Jeremy: Ehi... hai un secondo?
    Spia: Oh, Scout, pvego. Va a favti fo**eve.
    Jeremy: Eh, eh, sì. Già, senti... [Spia gli chiude la faccia nella porta] Oh, oh, oh! Spia! Aspetta! Mi sto facendo incastrare la testa in una porta per dirti che mi dispiace! [Spia lo fa entrare]
    Spia: Taglia covto.
    Jeremy: Ecco... ho scritto un vero ultimo desiderio: vorrei un appuntamento con... Miss Pauling.
    Spia: Tu? Sei una fvana con le vagazze!
    Jeremy: Cosa? No, Spia! Guarda questo. E questo! Spia, guarda tutto questo! No, io sono un grande con le ragazze!
    [Flashback]
    Jeremy: Abbiamo entrambi del pollo. Lo facciamo?
    Ragazza: Ok.
    [Presente]
    Jeremy: Ma tu, Spia, sei un grande con le signore! Sai il tipo che... profuma bene e... sa leggere e che ha gli occhiali un po' storti. Sai, quelle che non si filerebbero uno come me.
    Spia: E pevché mai, secondo te?
    Jeremy: Andiamo Spia, non lo so.
    Spia: Bene! Un mistevo che ci povtevemo nella tomba, allova. Au revoir.
    Jeremy: Ehi, ehi, ehi. Uff, ok. Senti, Spia, che rimanga in questa stanza: tu... sei migliore di me. Ok?
    Spia: Ti aiutevò.
    Jeremy: Davvero?
    Spia: Ad una condizione: [Attiva il microfono collegato ai megafoni della base] dillo di nuovo.
  • [Spia allena Jeremy a fare il galantuomo]
    Spia: Seducimi.
    Jeremy: [perplesso] Tu?
    Spia: Seducimi!
    Jeremy: COSA!?! No... Insomma, Spia...
    Spia: SEDUCIMI!!!
    Jeremy: OK. [agguanta un secchio di cosce di pollo] Ehi, bellezza. Ho qui un secchio di pollo...
    Spia: [gli tira un destro] Io non sono una delle tue squallide pollo-battone! Io sono una donna. Mi piacciono gli uomini fovti, misteviosi. Vuoi esseve il mio amante? Guadagnatelo. SEDUCIMI!
  • Spia: Domanda finale: hai un appuntamento a cena alle sette, a che ora arrivi?
    Jeremy: Sette, di mattina: butto un occhio sul ristorante, il cuoco è affidabile, se no lo uccido, lo rimpiazzo con un amico affidato per la cena, non più tardi delle sei e mezza.
    Spia: Sei pvonto.
    Jeremy: Davvero?
    Spia: No. Tutto ciò che hai detto eva completamente assuvdo, e non abbiamo più tempo. Congratulazioni: sei un fallimento.
    Jeremy: Oh. Ho fallito, giusto?
    Spia: Oui.
    Jeremy: Giusto?
    Spia: Oui.
    Jeremy: Giusto?
    Spia: Scout, dove vuoi andave a pavave?
    Jeremy: Il punto è che non mi servi! Sistemerò tutto da solo!
    Spia: "Da solo"?
    Jeremy: Esatto, francesino: da solo! Quindi perché non prendi il tuo bel fallimento, lo arrotoli e te lo ficchi... [Spia gli fa segno di guardare il suo orologio della morte] Ok, cavolo, devo andare. Va al diavolo, comunque.
  • [Dopo aver scoperto che il teletrasporto muta il pane in mostri]
    Dell: Ragazzi! Buone notizie! Solo il pane si becca i tumori!
    Ludwig: E non zono nemmeno tumori: è una zorta di neo-zenziente che si metaztatizza in un ambiente di grano puro. Guartate: [Fa vedere a Jane un pane tumorato in un barattolo che continua a sbattere la testa contro Ludwig] oh, mi otia cozì tanto!
    Dell: E quindi siamo a posto, beh almeno finché nessuno teletrasporta pane!
    Jane Doe: Domanda.
    Dell: Qual'è la domanda, Soldato?
    Jane Doe: Ho teletrasportato pane.
    Dell: Tu... Cosa?!?
    Jane Doe: Mi hai detto tu di farlo.
    Dell: Quante volte!?!
    Jane Doe: Non ho fatto altro che teletrasportare pane per tre giorni di fila!
  • [Jeremy e Pauling finiscono dentro la pancia del Pane, dopo che questi è esploso.]
    Jeremy: Miss Pauling, sta bene?
    Miss Pauling: Non sento nulla al di sotto del collo.
    Jeremy: Oh, cielo.
    Miss Pauling: No, ora lo sento. Ahio.
    Jeremy: Miss Pauling, mi dispiace così tanto, è stato...
    Miss Pauling: Quello. È stato. FANTASTICO!
    Jeremy: Non sei arrabbiata?
    Miss Pauling: Ero furibonda! Hai azionato il pulsante della valigetta per niente, e hai organizzato un ballo per qualche motivo, ma poi abbiamo combattuto un mostro gigante, lo abbiamo fatto esplodere e credo che la mia gamba si sia rotta! Lo rifacciamo?
    Jeremy: Sì, perché no? Oh, no, non possiamo, sarò già morto allora.
    Miss Pauling: Aspetta, cosa?
    Jane Doe: [Aprendo un varco nel pane] Buone notizie: noi non moriremo, noi vivremo per sempre!
    Ludwig: Non ho tetto qvello! Ho zolo tetto che non ziamo pieni ti tumori!
    Jeremy: Oh, grazie a Dio. Quindi sì, Miss Pauling. Direi che possiamo rifarlo.
    Miss Pauling: Veramente quello era il mio unico giorno libero all'anno.
    Jeremy: Oh...
    Miss Pauling: Ma puoi sempre aiutarmi con qualche lavoretto! Domani ho da scartavetrare le impronte digitali da dei cadaveri.
    Jeremy: Ehm... no.
    Miss Pauling: Puoi aiutarmi a staccare molari da una scatola di teste!
    Jeremy: Passo.
    Miss Pauling: Vediamo... venerdì ho da far fuori un cretino che ha premuto il pulsante della valige- oh. Tu ci sarai già per quello.

Fumetti[modifica]

The Insult that made a "Jarate Master" out of Sniper[modifica]

  • Spia BLU: Ho, ho, ho, ho! Che favai, adesso? Covvevai lontano un chilometvo per spavavmi?
    Mundy: Sì- NO! (Diamine, come fa a saperlo?)

WAR! Comic[modifica]

  • Helen: Siamo entrambe d'accordo, Miss Pauling. Questa "amicizia" è un profondo tradimento della nostra fiducia, visto che gli amici sono... fanno... ehm... Miss Pauling, lei mi sembra il tipo di persona che ha amici. Mi dica. Che cosa fate, voi?
    Miss Pauling: Ehm, pattiniamo, sfogliamo cataloghi d'armi, a volte chiacchieriamo e basta.
    Helen: "Chiacchierare"? L'amicizia è ben peggiore di quello che immaginavo! Questo non è affatto buono. Se loro chiacchierano, Miss Pauling, potrebbero parlare di lavoro. E se parlano di lavoro... parlano sicuramente di noi. Bene, è deciso. Chiami Mr. Hale, Miss Pauling [...] Niente rovina un'amicizia quanto una sana competizione.
  • Tavish: Mamma, per l'ultima volta, non devo andare al lavoro. È la mia mattinata libera.
    Signora DeGroot: "Mattinata libera"? Che Iddio mi aiuti, ti hanno licenziato, non è vero? Lo sapevo!
    Tavish: No, mamma, è solo una volta a settimana.
    Signora DeGroot: Ah, bene, questo cambia tutto! Vorrei solo che anche tuo padre potesse permettersi una mattinata libera dal suo rivoltarsi nella tomba per la tua negligenza!
    Tavish: Ma se ho ben tre lavori!
    Signora DeGroot: "Tre lavori"? Ah! Ma sentitelo! Tavish, tuo padre, che riposi in pace, aveva ventisei lavori e aveva comunque il tempo di insegnarti le tradizioni di famiglia!
    Tavish: Guadagno cinque milioni di dollari all'anno. Viviamo in una villa!
    Signora DeGroot: E dimmi un po', chi ti ha detto di comprare una villa, di grazia? Questi sono i tuoi anni d'oro e sei già ad un passo dalla pensione! Ricorda le mie parole, nessun Demolitore di tutto rispetto è mai arrivato ai suoi trent'anni con qualche occhio.

Loose Canon[modifica]

  • Dell: Mi dica signora, quello non è un Kickasso originale?
    Miriam: Ha un grande occhio per l'arte, signor Conagher: lo è. Credo sia del suo periodo "perseguitato nella giungla".
    Dell: Mi chiami pure Dell, signora. Il "Signor Conagher" era mio nonno.
    Miriam: Già, me lo ricordo bene. Quanto sa della relazione di suo nonno con i Mann, Dell?
    Dell: È la prima volta che ne ho sentito parlare, signora. Radigan Conagher non era proprio un tipo loquace.
    Miriam: Sessant'anni fa, suo nonno ci ha aiutato a risolvere un problema personale. Beh, "risolvere" è una parola grossa.
  • [1890]
    Blutarch: Signor Conagher, Mi hanno detto che è un uomo di poche parole, quindi andrò subito al sodo. Quarant'anni fa, mio fratello ed io abbiamo ereditato una particolare terra da nostro padre... da dividere. Ovviamente, io ho assemblato un team di mortali mercenari affinché mi prendessero la parte di terra di mio fratello. Quello che non ho pensato era che mio fratello avesse fatto la stessa cosa. Una cosa che sarebbe dovuta durare dieci minuti è diventata una guerra ferma ad uno stallo immortale! La soluzione? Se non posso uccidere mio fratello, dovrò solo sopravvivere di più a lui. [...] Dio mi vuole morto, signor Conagher, e noi lo fregeremo. Mi faccia diventare un mostro!
    Radigan: ...ok.
  • [1890]
    Elizabeth: Quello che io so è che lei ha accettato di costruire per Blutarch Mann un congegno che gli estenda la vita a tempo indeterminato.
    Radigan: Sì, signora.
    Elizabeth: Signor Conagher, posso convincerla in alcun modo di non costruire questa macchina?
    Radigan: No, signora.
    Elizabeth: Lo immaginavo, allora le propongo un'alternativa. Negli ultimi quarant'anni, gli australiani hanno surclassato il mondo della tecnologia. E ciò è sorprendente, dato che all'apparenza sono un popolo di idioti. Teletrasportazione. Invisibilità. L'intero spettro della scienza dei baffi. Le invenzioni conosciute dall'uomo oggigiorno provengono dal cervello australiano grande come un cetriolo. [Tira fuori un lingotto giallo] E il tutto grazie a questo.
    Radigan: Oro?
    Elizabeth: Non oro, signor Conagher. Australium.
    Radigan: Ah. Perché c'è inciso sopra l'effige di un uomo che fa a boxe con un canguro?
    Elizabeth: Scelgono così il loro leader. Come ho già detto, idioti. [...] Io dico, signor Conagher, che se questo elemento rende intelligente un australiano, cosa farà ad un uomo del suo intelletto? Lo usi pure per costruire il congegno per Blutarch Mann, se deve. Ciò che le chiedo, è che ne costruisca un altro anche per Redmond Mann.
  • Blutarch: Ho fregato la morte per mezzo secolo con questo mucchio di rottami e si sta già rompendo. Per come la vedo io, lui era tuo nonno, e io sono il tuo capo. Sistemala!
    Dell: Signore, io... ehm... sono "lieto" che lei abbia pensato a me, ma non ho idea di come sistemare il suo estensore vitale. Anzi, se lo tocco rischio di ucciderla.
    Blutarch: E se potessi ricorrere ai progetti originali di tuo nonno?
    Dell: Beh, quella è un'altra storia. Eh, ma non c'è molta speranza visto che il vecchio gli ha [Blutarch butta sulla scrivania i progetti] sepolti... con... lui...
    Blutarch: Sì, sì, ho riesumato tuo nonno e rapinato il suo cadavere. [...] Prendi pure i progetti, ma ricorda che...
    Dell: Ehm, signore? Ma sta bene?
    Miriam: Un po' di pazienza, Dell. È solo morto.
    [La macchina si aziona, resuscitando Blutarch]
    Blutarch: [Prende Dell per le bretelle] Ogni giorno che passa muoio un secondo di più, signor Conagher! Ho già visto l'altra sponda e non c'è niente là! Sistema. Questa. Macchina!
    Dell: Va bene che lei è il mio capo e anche anziano, signore... ma se non mi leva le mani di dosso, la spezzerò in due.
    Blutarch: Feh...

Bidwell's Big Plan[modifica]

  • Saxton: [Appeso al portellone di un aereo] Diviolacci, Darling. Sei caduto così in basso! La caccia dovrebbe essere inseguire le più feroci belve dell'intero globo! E poi picchiarle a morte finché non perdi l'orologio!
    Charles: Un cacciatore ha bisogno dei suoi trofei, Saxton. Tu, fra tutti, dovresti saperlo. Eri il mio miglior studente, prima che lasciasti tutto per lei. [Charles butta giù Saxton dall'aereo]
    Saxton: Nooo! DARLING! [Cadendo, Saxton si aggrappa ad un'aquila che lo fa cadere nel suo ufficio, davanti ai suoi assistenti] Bidwell, Reddy, ottime notizie! Vi ricordate di Charles Darling, il mio vecchio maestro di caccia? È diventato la mia nemesi, ora!
    Reddy: Lo aggiungo sulla lista nera.
  • Bidwell: I clienti chiedono di più, signore.
    Saxton: Più cosa? Armi? Abiti? Cappelli? Ferite?
    Reddy: Più di tutto, signore.
    Saxton: Che vadano al diavolo! Che si accontentino del nostro catalogo attuale! Fatto a buon mercato, con prodotti non sicuri che prendono fuoco costantemente!
    Reddy: Tenga in mente, signore, che in assenza di nuovi prodotti Mann Co., i clienti ne hanno fatti di propri.
    Saxton: Di certo non eguagliano la nostra marca, vero?
    Reddy: No, signore. Sono di gran lunga migliori.
    Saxton: Oh, sono uomini morti!
    Bidwell: Signore, il cliente ha sempre ragione.
    Saxton: Il cliente è un uomo morto, Bidwell.
    Bidwell: Ci ho pensato, signore. Che ne dice di permettere ai clienti di farsi i loro prodotti e poi venderci i diritti?
    Saxton: Oh! Mi piace.
    Bidwell: Possiamo anche dargli una percentuale dei profitti.
    Saxton: Eh, eh. Non esageriamo, adesso.

Meet the Director[modifica]

  • [In macchina, filmando Incontro con il Cecchino]
    Direttore: Se lei potesse scegliere una parola per descriversi, signor Mundy, quale sarebbe?
    Mundy: Ehm, beh...
    Direttore: Risponderò io per lei: "Vittima" del sistema educativo. Un ruolo a cui la società l'ha ammanettata essendo australiano, naturalmente. E non dimentichiamo anche...
    Mundy: Aspetta, frena un attimo: cosa mi avrebbe fatto questa gente?
    Direttore: Ti hanno costretto ad essere un assassino.
    Mundy: Per l'ultima volta, amico: [Colpendo il pupazzetto sul curucostto] io sono un professionista.
    Direttore: Esattamente: un vittimizzato assassino professionale. [Mundy colpisce il pupazzetto ripetutamente] Un omicida. Uno psicopatico. Uno squilibrato. Fatemi capire, signor Mundy, come la fanno sentire queste parole.
    Mundy: Come strozzare con le mie mani la tua dannatissima vita fuori dalla tua misera carcassa...
    Miss Pauling: Guardate, siamo arrivati!
  • Miss Pauling: È necessaria tutta questa sorveglianza? Il quoziente intellettivo di molti di questi uomini è... subnormale.
    Helen: Anche il plutonio non è intelligente, Miss Pauling, ma ciò non significa che non ti ucciderebbe se non controllassi costantemente dov'è e che cosa fa.
  • [Registrando Incontro con il Grosso]
    Direttore: Ho ricevuto il suo fascicolo, parliamo della vostra infanzia. Suo padre era un controrivoluzionario, quando è stato ucciso, lei, sua madre e le sue sorelle foste deportati in un gulag nord-siberiano. Mi descriva la situazione, la prego.
    Michail: Niet. Questa è la mia arma. Mi piace sparare con quest'arma. È tutto ciò che devi sapere.
    Direttore: La sua famiglia ha vissuto in quel gulag solo per tre mesi, nel dicembre del 1941 fu raso al suolo, scapparono tutti i prigionieri, tutte le guardie furono uccise, torturate a morte.
    Michail: Mi piace. Sparare. Con quest'arma. È tutto ciò che devi sapere.
    Direttore: Ugh. Bene, parlami della tua arma, allora!
    Michail: Lei pesa centocinquanta chilogrammi e spara cartuccie apposite per novemilacento colpi per minuto.
  • [Registrando Incontro con l'Esploratore]
    Jeremy: Sono più mentore per il resto del team, sai? Vedo come possono svolgere meglio il loro lavoro? Non importa quanto sono occupato: fermo tutto ciò che sto facendo e glielo dico. E perché?
    Direttore: Abbiamo finito la pellicola cinque ore fa...
    Jeremy: Te lo dico io il perché: perché c'è gioco di squadra! Anzi, sono sicuramente quello che fa il lavoro di squadra meglio di tutto il team.
    Direttore: Abbiamo finito la pellicola cinque ore fa!
    Jeremy: E tutto ok, puoi andare a comprare ancora un altro po'. Ho tonnellate di altra roba da dire. Ti aspetteremo qui. [Il direttore si allontana] Cavolo, che citrullo. Ehi, come te la passi, Miss Pauling! Mi hai mai visto senza maglietta? Perché sono fighissimo.
  • [Registrando Incontro con il Soldato]
    Direttore: No, non credo che Sun-Tzu abbia scritto alcun libro sul come scavare a pugni il torso di un uomo.
    Jane Doe: Oh, allora sai che cosa farò? Smetterò di fare chiamate minacciose alla libreria. Vieni qua, ti voglio mostrare qualcosa che un letterato come te apprezzerà sicuramente. Ta-Dah! Teste! [Il direttore corre a vomitare]

Bombinomicon[modifica]

  • [Jane e tre bambini bussano a casa dei RED]
    Bambini: Dolcetto o scherzetto?
    Jane Doe: Ho i bambini! Dateci le caramelle! Questa è la legge!
    Spia: Soldato, c'evi anche tu quando ne pavlammo: questa è una festa ver adulti, evavamo d'accovdo che non avvemmo visposto alla povta per dave cavamelle.
    Jane Doe: Senti, io e questi bambini siamo in un mucchio di guai. Siamo al verde, non mangiamo da quattro giorni. La polizia non crederà per sempre che io sia un robot. Voi dovete...
    Spia: Oui, oui, cevto. Vediamo... Ah. [Da al primo bambino un coltello e un pacchetto di sigarette] Ecco, buon Natale.
  • Terzo bambino: Signore? Dolcetto o scherzetto?
    Tavish: Spiacente ragazzi, non ho dolcetti per voi. Ma ho qualcosa di meglio: una storia dell'orrore. Era la vigilia di Ognissanti, l'unica notte dell'anno da cui i morti sarebbero risorti dalle tombe... e, secondo mia madre, un sacco di lavoretti per un giovanotto di sette anni. "Per l'alba, tutte quelle apparizioni infernali saranno scomparse! Insieme a tutti i loro lavori! Dirigiti presto alla brughiera, figliolo!". Non ho mai visto un fantasma in quella fredda notte d'ottobre, ma trovai un lavoro. Dio mio, se trovai un lavoro.
  • [Nel flashback]
    Merasmus: Benvenuto nella Grande Libreria! Questa è sporca delle polveri delle molte anime che hanno cercato di ripulirla... e fallirono! Scopa questo posto e ti darò un nichelino. ma prima che cominci, ascoltami bene, ragazzo. Questa libreria ospita un certo libro. Un libro pieno di arcane verità e remote magie. Io ti avverto... NON POSARE IL TUO SGUARDO SU QUESTO FUNESTO TOMO!
    Giovane Tavish: Non guardare i libri. Capito.
    Merasmus: Uh... sì! Bene. Ma... probabilmente tu vorresti farlo, vero? Perché indipendentemente da quanto tu sia tentato...
    Giovane Tavish: Va benissimo, davvero. Spolvererò e basta. È quella la scopa da usare?
    Merasmus: NON POSARE IL TUO SGUARDO SOPRA QUELLA SCOPA! E sì: è quella.
  • [Nel flashback]
    Bombinomicon: Leggimi...
    Giovane Tavish: Eh? Chi..?
    Bombinomicon: Leggimi...
    Giovane Tavish: Sei un libro sulle... bombe?
    Bombinomicon: Leggimi...
    Giovane Tavish: Ma lo stregone ha detto di non farlo.
    Bombinomicon: Oh, el mago te ha detto de non farlo? Wow, desculpa, esto cambia todos. Non aveva capito che qualche vecchio omo en gonnella te abbia detto de non leggere qualcosa. Allora è meglio se non lo fai. Ecco, perché non me leggo da solo? Oh meo Dios, quello explode così? Davvero? I miei contenuti sono affascinanti e por nulla pericolosi! Queste informazioni cambia tutto todos che sapevo sulle bombe e...
    Giovane Tavish: Beh, magari una sbirciatina... [Apre un angolino del libro e il Bombinomicon si trasferisce nel suo occhio sinistro] ARRRRGHHHHH!
    Bombinomicon: Te ho enfestato l'occhio! L'ho fatto davvero! Te sto enfestando l'occhio! Proprio ora! Questo è el momento più bello de toda la mea vita!
    Merasmus: COSA HAI FATTO!? Ora me lo rinfaccerà per sempre! Io ci devo vivere con questo libro, lo sai?
  • Tavish: Quando mi svegliai, lo stregone era sparito. Il libro era sparito. Il castello era sparito. E il mio occhio era anch'esso sparito. Ma si dice che, nel giorno di Halloween, a mezzanotte, si può ancora vedere il mio occhio impossessato vagare per le brughiere assieme a quel potente stregone: Merasmus.
    Jane Doe: Merasmus? L'unica cosa che quel derelitto non fa a mezzanotte è lavare i piatti!
    Merasmus [Nell'altra stanza] Menzogne! Quei piatti sono tuoi!
    Jane Doe: Non farmi venire lì, Merasmus!
    Tavish: BUON DIO! Dopo tutti questi anni... lui è qui?
    Jane Doe: È il mio coinquilino.
  • Jane Doe: Ti estirperò la magia a suon di pugni!
    Merasmus: E io chiamerò la polizia!

A Smissmas Story[modifica]

  • Giudice: E visto che ha fallito a identificare alcuno dei suoi complici, lei è condannato a...
    Jeremy: Woah, woah, woah! Nessuno mi ha detto che potevo fare menzioni! Vede il mio avvocato seduto lì al bancone? Lui è la mente di tutto questo casino!
    Jane Doe: GIUDA! [Strozzando Jeremy] Ti ucciderò prima che mi condannino alla sedia elettrica!
    Jeremy: Sei... il peggior... avvocato... di sempre!
  • [Jeremy e Jane vengono condannati ai lavori forzati]
    Mamma di Jack: Mi scusi, signor elfo. Quanto c'è da aspettare in fila per Babbo Natale?
    Jeremy: Per una madre single carina come lei? Come le suona "neanche un secondo"?
    Mamma di Jack: Oh, io sono sposata. Mio marito sta parcheggiand-
    Jeremy: Dietro la fila.
  • Jack: ...e poi voglio un'action figure di Saxton, e un action figure di Poppy Joe, e poi...
    Jane Doe [Vestito da Babbo Natale]: Figliolo queste sono le cose che tu vuoi! Questo Babbo Natale ti darà qualcosa che ti serve! Primo, [Tira fuori un rasoio elettrico] un taglio di capelli sensato!
    Mamma di Jack: Henry, tesoro! Quel Babbo Natale sta rasando la testa di Jack!
    Henry: Aspetta, cosa? Ehi, lei, signore!
    Jane Doe: Secondo, ti darò il dono della virilità, facendoti vedere Babbo Natale che prende a pugni tuo padre!
    Jack: Yeeeah?
  • Miss Pauling: [Al telefono] Prima di tutto, come ha fatto Soldato a diventare avvocato?
    Spia: È una stovia lunga, ma Capitolo Uno: il suo coinquilino è uno stvegone. Devo aggiungeve altvo?
    Miss Pauling: [...] Cercate di non peggiorare la situazione.
    Spia: Non si pveoccupi.
    Jane Doe: [Continuando a lottare con Henry] E prendi questo!
    Spia: Finova sembva tutto a posto.
    Vecchio Nick: Gente di Teufort! Io sono il Vecchio Nick! Lo Spirito del Natale Australiano! E son venuto a prendere i vostri bambini!
    Jane Doe: ...eh?
    Spia: Domanda: in quanti guai ci caccevemo se tutti i bambini vengono vapiti?
    Miss Pauling: Spia. Fa. Qualcosa. E. Subito. ORA.

Blood Brothers[modifica]

  • Blutarch: Redmond, abbiamo ingaggiato una infruttuosa guerra per quasi cento anni. Non abbiamo eredi e ora non abbiamo più tempo. Grazie ai nostri inutili battibecchi, la casata dei Mann finirà con noi. Mi uccide solo il pensiero di quello che voglio dirti, ma suppongo che tu abbia capito dove voglio andare a parare.
    Redmond: Per quanto detesti l'idea con ogni atomo del mio corpo, sì... è l'unica soluzione sensata.
    Blutarch: [...] Redmond, propongo una tregua. In modo che possiamo costruire una macchina che renda uno di noi incinto.
    Redmond: Certamente.
  • Gray: Signori. Il mio nome è Gray Mann e sono vostro fratello. E sono stato io ad avervi spedito le lettere. E, devo dire, che vi ci sono voluti solo trenta secondi per trasformare questa tregua per un grave crimine contro la natura. Congratulazioni.
    Blutarch: Redmond, chi è questo?
    Gray: Ma se vi ho appena detto che sono...
    Redmond: Non lo so, fratello!
  • Blutarch: Sapevi parlare già appena nato?
    Gray: Già, ho imparato nell'utero, ascoltando nostra madre. Per passare il tempo ho anche inventato una nuova forma d'algebra. Se ricordate bene, siamo nati anche in ritardo. Eppure, nacqui debole, ed era una cosa che nostro padre non poteva accettare. Fortunatamente, la provvidenza è intervenuta sottoforma della Grande Invasione delle Aquile a Londra del 1822. Sono stato cresciuto da quell'aquila come fossi figlio suo. Fragile. Senza aiuto. Sono stato nutrito con topi e vermi. Accettato assieme agli altri suoi pulcini. Tenuto al caldo dal freddo dal suo piumoso petto materno. E, appena fui abbastanza forte, fratelli... la divorai. Lei e i suoi pulcini. E sono strisciato verso la civiltà.
  • Gray: In tutto questo tempo, voi aveste speso le vostre vite a combattere in questa inutile pozzo di ghiaia senza valore. [...]
    Redmond: "Inutile pozzo di ghiaia senza valore"? Ah. Sciocco. Chiunque possieda quei pozzi è un Dio! Con cosa credi vengano alimentati i motori a vapore?
    Gray: Carbone.
    Redmond: No, ghia-
    Gray: No, è il carbone. Anzi, non più. I motori oggi vanno a gasolio.
    Redmond: "Ghiaiolio"? Beh, sempre ghiaia si tratta, no?
    Gray: Gasolio. E no, non si tratta di ghiaia, te lo posso giurare.
    Redmond: Bah. E comunque, dove finirà il mondo quando questa "ghiaia liquida" finirà? No. Io ho un'altra idea. Dobbiamo costruire una macchina che trasformi la ghiaia in carbone e con quel carbone alimenteremo la nostra macchina della fertilità, così che noi...[Ultime parole]
    Blutarch: Non preoccuparti, è momentaneamente morto. Tornerà tra qualche...
    Gray: [Pugnalando Redmond] No. Ho sentito abbastanza.
    Blutarch: Aspetta! Non farlo! Abbiamo molta ghiaia per cui combattere! Possia- [Gray pugnala Blutarch][Ultime parole]

A Fate Worst Then Chess[modifica]

  • Scienziato #1: All'interno di queste mura grige, dottore, noi stiamo combattendo l'ultima battaglia contro l'armata aliena. E che battaglia. Ma mi dica: come fanno gli alieni a respirare l'ossigeno della Terra?
    Scienziato #2: È una storia interessante. Beh, non proprio interessate. Ma è lunga e complicata. Vede, l'ossigeno è il secondo elemento reattivo con la più alta elettronegatività. Ah, pero' il fluoro, che è il primo, ha...
    [Saxton buca la pagina]
    Saxton: Esposizione! L'arte di fermare una storia affinché i nerd possano capire come funzionino le cose! È orrenda. Quindi, ho creato un metodo nuovo di zecca per raccontare le storie. Esplosizione®! Ora, rivediamo di nuovo quella scena!
    [Due spie spadaccine stanno combattendo su un vulcano]
    Graveline: Dannato sia il tuo enorme petto, Synestra! Ora dimmi come fanno gli alieni a respirare l'ossigeno, o ti affetto in due e ti do in pasto ai tuoi Terror-dattili!
    Synestra: È una storia affascinante, Graveline. Peccato che non vivrai abbastanza per sentirla! Ma riguarda qualcosa con il fluoro.
    Saxton: Ecco! Anche la lettura è sistemata! Ma se questo esempio non basta, ecco una storia eslositiva che mi piace intitolare... "Un Fato Peggiore Degli Scacchi"!
  • Bidwell: [Al telefono] Reddy, cosa c'è? Rallenta, Reddy, quale sede? Cosa vuol dire "tutte le sedi"? [A Saxton] Signore, la Mann Co. è sotto attacco!
    Saxton: Lo so.
    Bidwell: Cosa? Che vuole dire che lo sa?
    Saxton: L'ho scoperto ieri. Ugh, Bidwell il tuo travestimento è provocante, già devo trattenermi mentre sorbisco queste chiacchierate con gli hippie.
    Bidwell: È stato lei a insistere per questo travestimento, signore.
    Saxton: Beh, ora insisto a dire che sei troppo convincente. Ciò che sento uscire dalla tua bocca è "Non ho un lavoro, ti prego dammi un cazzotto nello sterno".
    Bidwell: Signore, quando mi avrebbe detto che Redmond e Blutarch Mann sono morti e che il loro fratello perduto sta attaccando ogni sede della Mann Co. esistente sulla Terra con un'armata di robot?
    Saxton: Stasera, davanti ad una bella bistecca di Yeti.
  • Bidwell: Senta, lo so che aspetta da mesi questo momento, quindi... ho con me la telecamera: possiamo parlare della crisi mentre combatte lo Ye-
    Saxton: [Smascherandosi e correndo verso lo Yeti] MERCENARI! UNITEVI A ME PER FORTUNA E GLORIA!
    Bidwell: Non sto ancora registrando, signore.
    Scienziata: HALE!? Qualcuno lo fermi! QUALCUNO LO FERMI!
    Saxton: Adesso?
    Bidwell: Siamo in onda.
    Saxton: Bene. [Picchiando lo Yeti] ASCOLTATE, MERCENARI! I robot stanno arrivando! Non starò a rigirare la situazione: questi così sono più grandi di voi, più forti di voi! Infatti, ora che lo dico ad alta voce, sono migliori di voi in tutto. Bidwell! Ho un'idea! E se assumessimo i robo-
    Bidwell: No, signore.
    Saxton: Diamine, allora non vale la pena continuare, Bidwell: 'sti qua moriranno tutti.
    Bidwell: Non è ancora detto, signore. [...] E se li dessimo il nostro nuovo potenziamento sperimentale?
    Saxton: "Dare"?! (Bidwell, si vede il mio petto in questa inquadratura?)
    Bidwell: No, signore, stavo zoomando sulle fauci dello Yeti.
    Saxton: Ancora meglio! Dov'ero rimasto? Ah, già! [...] No, dovranno pagare per i potenziamenti come tutti gli altri!
    Bidwell: Ma stanno proteggendo la sua compagnia dall'estinzione.
    Saxton: Al Diavolo! [...] MERCENARI! Il vostro lavoro è morto assieme ai fratelli Mann. Avete capito? Siete tutti disoccupati, ora! E, in caso di sconfitta, nessuno vorrà più assumere persone in carne ed ossa con questi robot nei paraggi! Gli ho visti, e sono spettacolari! Ora, tornando alla buona notizia: siete tutti ri-assunti! Prendete carta e penna, questo è il vostro nuovo obbiettivo: UCCIDETE I ROBOT! Ora andate laggiù e prendete a calci nel sedere quelle lattine! Mi unirei a voi, ma come vedete sarò occupato per le prossime nove ore a combatte contro l'ultimo Yeti! Rendetemi fiero di voi!
  • [Dopo aver visto la registrazione]
    Miss Pauling: Domande?
    Jeremy: Yo, Miss Pauling?
    Miss Pauling: Nessuna domanda proveniente da Scout sarà presa in considerazione.
    Jeremy: Aw...
    Miss Pauling: Quindi, ci sono domande?
    Mundy: Io ne ho una: saremo pagati per questo?
    Saxton: [Nella registrazione] Qua di nuovo Saxton! Questo è pre-registrato, quindi non so se qualcuno lo sta chiedendo, ma no, non sarete pagati per questo! Ehi, fermo tu!
    Miss Pauling: Per motivi che non riesco né a capire né a spiegare, i robot sono alimentati con mucchi di soldi. Distruggeteli e qualunque cosa cada è vostra. Altre domande? No? Bene. Dirigetevi alla sede centrale della Mann Co. e ricordatevi... questo non è affatto simile agli altri compiti che vi sono stati assegnati. È una faccenda molto seria. Non è una battaglia per Hale, o per la Mann Co.... è una battaglia per il vostro lavoro. Andate!

Doom-Mates[modifica]

  • Tassista: Sono sedici sacchi, amico.
    Merasmus: Dici? Sicuro? Ora sono dentro la tua mente! Brazbo Barrabus! La tassa è solo dieci dollari e niente più!
    Tassista: Se vuoi ti riporto all'aeroporto e ti prendo a calci in culo là.
    Merasmus: E va bene.
  • Jane Doe: Bentornato Merasmus!
    Merasmus: Soldato? Cos- com- Sono andato via solo tre giorni! Cosa hai fatto al mio maniero? Perché ci sono... Aspetta, stai seppellendo il frigorifero in giardino?
    Jane Doe: Tecnicamente, sto seppellendo ciò che c'è dentro il frigorifero. A proposito: non aprire il frigorifero.
    Merasmus: [...] Da dove spuntano tutti questi procioni?
    Jane Doe: Sono stati attirati da tutta la panna acida che ho nascosto! Vanno matti per quella roba! [Ad uno dei procioni] Non è vero Sergente Mordicchio? Ne ho buttata via a bizzeffe, tra l'altro, vanno a male in men che non si dica.
    Merasmus: Infatti dovresti metterla in frigorifero!
    Jane Doe: Non posso rinvangare il frigorifero ogni volta che un procione ha fame.
  • Merasmus: [Furioso, Merasmus libera il suo spirito dal corpo] BASTA! PENSATE DI POTER PRENDERVI GIOCO DI MERASMUS COME SE FOSSE UN PRESTIGIATORE DA STRAPAZZO!? SONO NATO PRIMA DEL TEMPO, IO! OSCURA LARVA DEL FETIDO UTERO DEGLI ANTICHI! SONO L'URLO SULLE LABBRA DEI BAMBINI! LA MALEDIZIONE CHE GRAVA SUL RESPIRO DEI MORTI! IO SONO LA BOCCA DELLA BESTIA! L'IRA DELL'OSCURITÀ! LA COSA SPORCA! IL... Aspetta... STAI BRUCIANDO IL MIO CORPO!?
    Jane Doe: Oh, scusa Merasmus. Credevo fossi morto.
    Merasmus: MA SE STAVO PARLANDO TUTTO QUESTO TEMPO!
    Jane Doe: Tu parli sempre. Infatti credo di notarlo solo quando stai zitto.
    Merasmus: Io ti ucciderò, Soldato!
    Jane Doe: Non puoi! Se mi uccidi, ritornerò più forte!
    Merasmus: Ma che stai blaterand- Aspetta...
    [Flashback]
    Merasmus: Soldato, hai preso tu le mie pillole "Uccidimi-e-tornerò-più-forte"?
    Jane Doe: Oh, credevo fossero le tue medicine per il cuore.
    Merasmus: Adesso prendi anche le mie medicine per il cuore!?
    Jane Doe: Senti, Merasmus, se continui a fare domande stupide, userò l'altro bagno che ho creato in cucina!
    [Presente]
    Merasmus: Molto bene, Soldato. Se non posso ucciderti... UCCIDERÒ TUTTI QUELLI A TE CARI!
    Jane Doe: Ah, voglio proprio vedere se ci riesci!
  • [Si sentono urla in lontananza]
    Jane Doe: ...e poi ho detto al mago-fantasma "Ah! Voglio proprio vedere se ci riesci!" ed ecco perché ci sta uccidendo tutti quanti.
    Jeremy: Ok, lo ammetto: questo spiega un po' tutto.

The Shadow Boxers[modifica]

  • [Preparandosi per il prossimo assalto dei robot]
    Miss Pauling: È impossibile! Solo nelle Badlands ci sono 306 sedi della Mann Co.: uffici, magazzini e centri commerciali! Non fraintendetemi, avete tutti fatto un eccellente lavoro finora: avete salvato il museo, la fabbrica di calce vivo... sigh, ma non potete essere ovunque allo stesso tempo! Ragazzi, ho l'impressione che non possiamo vincere. Grrr, cosa non farei per sapere in anticipo dove attaccheranno!
    Jane Doe: I robot attaccheranno la sede della Mann Co. a 30 pozzi di ghiaia da qua esattamente alle tredici di domani. Ci prenderanno alla sprovvista.
    Miss Pauling: Dunque, andando per esclusione, potrebbero attaccare sedi che non sono ancora... Aspetta, cosa? Soldato, come fai a sapere tutto questo?
    Jane Doe: Me l'hanno detto i robot! Quando mi sono infiltrato ieri sera nella loro base segreta!
    Miss Pauling: Tu... ti sei infiltrato nella loro...
    Spia: Ehm, Miss Pauling? Mi pevmetta. Soldato, ievi seva tu ti savesti infiltvato nella base segveta dei vobot, esatto?
    Jane Doe: Sì!
    Spia: Pvecisamente. Soldato, noi ova siamo sulla Luna, esatto?
    Jane Doe: Sì!
    Spia: Signovi, ho pevso divevsi litvi di sangue oggi. Movivò sicuramente pvoteggendo una fabbvica di cappelli, domani. Me ne tovno a casa.
    Jeremy: Ben detto, Spia. 'sera, Miss Pauling.
    Jane Doe: Ma mi sono infiltrato davvero, ieri sera! Andiamo, ragazzi! Perché dovrei mentire? Siamo tutti americani, qui!
    Miss Pauling: Beh, non tutti, ovviamente. Cioè, Medico vien dalla Germania e Grosso viene dalla Rus- [Michail da una gomitata a Miss Pauling]
    Ludwig: Ehm.
    Miss Pauling: Cosa? Oh!
    Michail: Ah, ah! "Germania"! "Russia"! Tutto grande schierzo! Un grande schierzo americano per Soldato!
    Jane Doe: Ah, ah. E io ci sono cascato! Siete forti!
    Michail: America è paese da cui io venire! Ogni volta!
    Jane Doe: Ben detto, patriota!
  • Robo-Scout: *BEEPBOOP* Gli umani ci stavano aspettando anche nelle precedenti cinque basi che avremmo dovuto attaccare, Signore. In qualche modo, loro <corsivo attivato> sapevano <corsivo disattivato> del nostro attacco. *BOPBEEPBOOP* Consiglierei di ritardare l'attacco programmato contro la sede Mann Co. attraverso le miniere.
    Gray: Tu dici? E, giusto per essere chiari, voi sospettate che queste informazioni siano state captate da un loro "grande stratega" e non potrebbe essere che voi l'ABBIATE SPIFFERATO ALLA PRIMA OCCASIONE!?
    Robo-Scout: *BADABOOP* Affermativo! Pare che si tratti della stessa mente che ha creato la falsa sede di depistaggio. *BEEP BOOP DI QUA*
    Gray: Intendi dire questo genio? [Un ritaglio di giornale con su scritto "Cittadino locale vince gara di scaccolamento" appare sullo schermo dietro Gray] Siete degli idioti. Ma incolpo solo me stesso. Visto che vi ho creato.
    Robot: Gloria al creatore!
    Gray: Ah, il circuito del "saluto al creatore", uno dei miei momenti di debolezza.

Death of a Salesbot[modifica]

  • Gray: Non capisco! Ho speso tutta la mia fortuna nel costruire un'armata di robot che dovrebbe essere più veloce, più forte e più furba di tutti quegli idioti messi assieme! E adesso, dopo quasi un anno intero, non sono ancora riuscito a sconfiggere quello stramaledetto australiano palestrato! Adesso ho nient'altro che tutti i miei acconti in bancarotta! E intanto i profitti della Mann Co. sono alle stelle grazie ai potenziamenti che gli uomini che combattono i miei robot pagano con gli stessi soldi con cui sono alimentati!
    Robo-Scout: Non potrebbe usare un altro carburante che non siano soldi, allora?
    Gray: ...
  • Gray: Dimmi, Robo-Scout. Qual'è la tua direttiva principale?
    Robo-Scout: Adocchiare le robo-pollastre?
    Gray: La tua direttiva principale! Non farmi sculacciare il tuo harddrive di nuovo.
  • Helen: [Al megafono] Prepararsi allo scontro!
    Tavish: Oh, per l'amor del... È passato un anno, ormai! Ma non hanno di meglio da fare?
    Dell: Ti capisco, compare. Abbiamo ucciso tanti di quei robot e abbiamo così tanti soldi che non sappiamo più che farci. Ve lo dico io, se continua così, finiremo per perdere la testa.
    Spia: [Vedendo Jane mangiare un panino alle banconote] Implicando che alcuni di noi non abbiano già pevso la testa.
  • Jeremy: Ehi, Inge, guarda! 'Sto tipo dal futuro ti assomiglia un sacco!
    Dell del futuro: Questo perché sono io, Scout! Ora ascoltatemi, non ho molto tempo. [...] Siete gli unici che possono fermare la guerra dei cappelli degli anni '90 e impedire l'arrivo di questo distopico futuro!
    Jeremy: "Distopico"? Andiamo, non può essere così male se nel futuro avremmo tutti un braccio bionico.
    Dell del futuro: [Una breccia temporale lo risucchia] Porca miseria, idiota! Ho sprecato troppo tempo!
    Dell: Aspetta! Cosa dicevi riguardo alle casse?
    Dell del futuro: Per il bene dell'Universo... NON APRITE LE CASSE!
    Dell: Cosa?
    Jane Doe: Credo abbia detto "Aprite le casse".
    Dell del futuro: È esattamente l'esatto opposto di quello che ho detto! Ci hai condannati tutti, Soldato!

TFC #1: Ring of Fired[modifica]

  • Jerry: Mi è stato detto di ricordarle riguardo alla nuova politica d'assicurazione: niente più salti dall'aereo.
    Saxton: Sì, ho sentito. E se avessimo problemi al motore? Posso saltare dall'aereo, allora?
    Jerry: Beh... certo, dovremmo evacuare nel ca-
    Saton: Bene, tieni questi pezzi del motore.
  • Saxton: TU! (Bidwell, chi è questo?)
    Bidwell: Gray Mann, signore. Quello che ci attacca con i robot.
  • Gray: Sono qua per la Sfida della Mann Co.!
    Saxton: Bidwell?
    Bidwell: Il direttore della compagnia rivale ha la possibilità di rilevare la Mann Co. legalmente se la batte in un duello a mani nude, signore.
    Saxton: Che politica fantastica!
    Bidwell: L'ha scritta lei, signore.
    Saxton: Aspetta. Quindi questa vecchia mummia decrepita sta chiedendo quello per cui sto sinceramente pregando a Dio che chieda?
    Gray: Eh, eh. Per certi versi, sì. Dunqu- [Saxton lo afferra per il collo e inizia a prenderlo a pugni] No, fermo. Shmettila!
    Saxton: Cosa?
    Gray: Non me, idiota! Non shono io il direttore della Gray Gravel Co.!
    Saxton: Allora chi...
    Olivia: Adesso, papi?
    Saxton: Vuoi... che combatta contro una bambina?
    Gray: Shì. E quando tu non potrai. Mann Co. sharà mia!
    Saxton: Oh, lurido figlio di...
    Olivia: Hale! Non ho tutto il giorno!
  • Saxton: Bene, ragazzina. Sei la neo-direttrice della Mann Co.. Prendo i miei trofei e me ne vado.
    Olivia: Ora sono i miei trofei. Esci!
    Saxton: Oh, uscirò... combattendo per la mia vita contro il vostro mare di robot, poi...
    Gray: No, shei libero di andare. Robot! Modalità non-violensha.
    Saxton: Cosa!? No! Non puoi farmi...
    Olivia: Fuori!
    Saxton: Modalità non-violenza, eh? Bene. Ora vedr-EMO! [Picchia i robot, ma nessuno reagisce] QUALCOSA MI COMBATTA!
  • Tom Jones: E voi chi siete? Che ci fate nella mia casa? [Ultime parole]
    Jane Doe: [Spezzando il collo di Tom] Ah-tah!
    Merasmus: Tom? Ho sentito uno scricchiolio. Stai facendo i pop-corn? Perché non serve, ce li ho gi- TU!
    Jane Doe: Ciao, Merasmus!
    Merasmus: Tu... Cos- Perché non riesco mai a liberarmi di te? Chiamo la polizia!
    Jane Doe: Fa pure, Merasmus. Mi daranno una medaglia! Essendo legalmente il tuo vecchio coinquilino ho il pieno diritto di uccidere il tuo nuovo coinquilino! Ormai vivo in una scatola, Merasmus.
    Merasmus: Ma non mi avevi sfrattato dal mio maniero? Non vivi più lì?
    Jane Doe: Ho perso il mio lavoro. Mi hanno preso tutto. Io ero triste, tu eri felice! Quindi ho ucciso Tom Jones!
    Merasmus: Ma non ha alcun senso! [...] Soldato, io ho vissuto per seimila anni... e aver accettato di essere il tuo coinquilino è il mio unico rimpianto!
  • TV: State sintonizzati per il prossimo episodio di "Ghost D.A."!
    Eyelander: Ugh... "la difesa riposa in pace"? Ma s'è la f*****a procura! "Ghost D.A.". "D.A."! "Procuratore distrettuale"! È il titolo di 'sto c***o di show!
    Tavish: She quel fantashma avvocato fosshe un eshperto di demolishioni, l'avrebbero jià rimpiashato con un dannato robot.
    Eyelander: E poi cos'è tutto quel "Uuhh-uhhh-uhhh"? Io sono un fantasma e non ho mai fatto un simile f*****o rumore! A volte mi sembra che 'sto show non l'abbia scritto un vero fantasma!
    Tavish: Vorrei proprio vederlo un robot che difende uno shtramaledetto punto di controllo...
    Eyelander: Sono passati sei mesi, amico. Mettici una pietra sopra!
  • Jane Doe: Miss Pauling! Piro è di nuovo sul mio lato del sedile!
    Miss Pauling: Piro, non andare sul lato di Soldato.
    Jane Doe: [...] Miss Pauling! Piro mi ha mozzato una mano!
    Miss Pauling: Piro, non mozzare le mani a Soldato.

Grave Matters[modifica]

  • Blutarch: Ce l'ho fatta. Dopo tutti questi anni... HO VINTO!
    Redmond: Di che diavolo parli, Blutarch? Ha ucciso pure te.
    Blutarch: Sì, ma l'ha fatto dopo aver ucciso te! Redmond, ho vissuto più a lungo di te!
    Redmond: Andiamo, per sette secondi...
    Blutarch: La terra di nostro padre è mia! Alla faccia tua!
    Redmond: Cosa? No! Io stavo ancora sanguinando quando ti ha pugnalato! Infatti, ho vinto io!
    Blutarch: Bugiardo! [I due Mann cercano di picchiarsi, ma essendo fantasmi, i loro colpi vanno a vuoto]
    Redmond: Siamo ad un punto morto.
    Blutarch: Concordo.

TFC #2: Unhappy Returns[modifica]

  • Maggie: Per cosa ti hanno arrestato? Evasione fiscale? Frode? [...]
    Saxton: Esagerata, Mags. Sono stato messo dentro per essere entrato di forza nello zoo di Charles Darling. E per aver tentato di bruciare lo zoo di Charles Darling. E per esser riuscito nell'aver bruciato gran parte dello zoo di Charles Darling.
  • Jeremy: Dunque... "Caro vostro onore...". No, non va bene. "Vostro onore, se alla corte piace...". Sì, ora si ragiona. "Se alla corte piace, nel caso de La Gente di Teufort contro Scout, la difesa implora...". No, "implora" lo lo direbbe chi è colpevole. Oh, aspetta ce l'ho! "La difesa rifiuta di entrare a favore, e invece cambia posto ed adesso è diventata l'accusa... perché metto sotto processo il sistema!" Oh. Questa è perfetta. Dunque, momento di pausa per i sussulti, poi...
    Spia: [Banchettando con cibo fatto uscire da molari finiti] Scout, pvende la pubblica difesa.
    Jeremy: Sì, certo, come se non sapessi coma andrà a finire. Una volta ci hanno rifilato Soldato come pubblica difesa, un'altra volta è stata la lampada. Perché non la smetti di tirare fuori tacchini dai tuoi denti e mi dai una mano?
    Spia: È una gallina della Covnovaglia allevata in una fattovia in miniatuva. E niente di quello che stai facendo ci savà d'aiuto. Ci impicchevanno entvambi.
  • Spia: Signov Sindaco...
    Mike: Ehi, quante volte ve lo devo dire? Il "Signor Sindaco" è il Sindaco della Florida! Chiamami Mike!
    Spia: Mike... Uccidevò lei e tutti quelli che partecipevanno a questa vidicola commedia giudiziavia.
    Jeremy: Anch'io!
    Spia: Sì, potvei uccideve anche Scout nella confusione.
  • Mike: Siete fortunati, voi due, ad avere questo avvocato.
    Jeremy: Non me ne parli. È il miglior avvocato che abbia mai avuto. L'ultimo è stato una lampada, e non era nemmeno il peggiore. C'è stata quella volta in cui io e Spia abbiamo fatto esplodere sta cosa con il nostro avvocat-
    Mike: Le ricordo che lei è sotto giuramento.
    Jeremy: Tranquillo. 'Sta storia era di un altro crimine. Comunque, il nostro avvocato era 'sto qui che va sempre in giro col bazooka. Credo che sia diventato avvocato solo grazie al suo ex-coinquilino, un mago. Per colpa sua ci stavano mandando sulla sedia elettrica, ma poi abbiamo ucciso Babbo Natale e ci han lasciato andare.
    Mike: Le ricordo ancora che lei è sotto giuramento. E a parer mio, pare alquanto ridicola questa storia.
    Jeremy: Lo so, ma è 100% vera! La parte migliore che il nostro avvocato si fa chiamare Soldato, anche se non è mai stato un vero e proprio...
    Jane Doe: OBBIEZIONE! Lurido Giuda! Giudice, sono l'avvocato di questo uomo, e domando che sia condannato alla sedia elettrica!
    Jeremy: Stacci, Soldato. Ora ho un vero avvocato!
    Jane Doe: Ah, sì? Beh, chiamo allora un testimone a sorpresa: le mie mani! E proveranno senza alcun dubbio che il collo di questo uomo è colpevole! [Strozzando Jeremy] Dillo! Dillo che sono il tuo avvocato!
    Jeremy: Preferivo... la lampada...
  • Jeremy: Ho investito ogni singolo centesimo su memoriali di Tom Jones. Varranno una fortuna, quando morirà!
    Spia: Ma non movivà, imbecille! Ha supevato da poco i vent'anni! È l'uomo più vivile di questo pianeta! Non ha nemici! Quell'uomo è vivtualmente immovtale! [Ultime parole famose]
  • Mike: Wow, c'è un intero libro su come fare il sindaco?
    Miss Pauling: È più un fascicolo.

TFC #3: A Cold Day in Hell[modifica]

  • Droghiera Russa: [Gli viene mostrata una foto di Michail] Sì, conosco quest'uomo. Ma se volete incontrarlo rischiate di morire: se il freddo non vi uccide, sarà la montagna a farlo. Viene ogni primo del mese per prendere le provviste. Non volete aspettarlo qua?
    Jane Doe: Le tue tecniche di interrogazione non funzioneranno su questo G.I., camerata! Sono stato nei campi di prigionia! Volontariamente! E hanno tutti rinunciato tranne me, chiedendomi di andarmene! Hai sentito cimice delle forze segrete russe di spionaggio? Non ci fermerai dal ritrovare il nostro amico!
    Droghiera Russa: Almeno prendete queste giacche, e vi prego, non morite.
    Jane Doe: [Legge l'etichetta "Sears"] S... Occhi, vi fermerò qua! Probabilmente dice "Sovietico", o "Stalin" o "Socialismo"! Questa giacca è propaganda! [Mostra alla droghiera l'etichetta della sua giacca: "Mann Co. - Made in China"] Vedi questo, vecchia? Questa è una giacca americana! Fabbricata da una compagnia americana! È buona! È forte! È... [La manica si strappa] Fa troppo freddo perché io la raccolga! Ma tu non toccarla! Non voglio che copiate la nostra fabbricazione!
  • Jane Doe: Orsi!
    Jeremy: Oh, merda. Come ci hanno trovato?
    Jane Doe: Non possono averci rintracciato. Eravamo furtivi come ombre. Qualcosa gli ha attirati. Solo due cose attirano gli orsi: miele... e donne in mestruazione! Mio Dio! Lo sapevo! In qualche modo l'ho sempre saputo! PIRO! Spostati da lì. Guarda quanto miele.
  • Jeremy: Scusaci, ragazzone, abbiamo ucciso tutti gli orsi della Siberia, per te.
    Michail: Quegli orsi era bimbi.
    Jeremy: Sì, sì. Per te sono tutti dei bimbi.
    Michail: No. Quegli orsi era bimbi. Suoi bimbi.
  • AHHH! Spia è mio padre! SPIA È MIO PADRE! Oh, grazie al cielo, non era un ricordo, era solo un sogno. [Ultime parole famose] (Jeremy)
  • Jeremy: Grosso, stiamo rimettendo la vecchia band insieme. Miss Pauling ha bisogno di noi, Grosso. E a noi servi tu. Devi ritornare con noi!
    Michail: No, ho obblighi famigliari da mantenere. Devo proteggere la mia famiglia. Gli ho già fatti soffrire abbastanza e non devono più essere in pericolo, d'ora in poi. Non c'è bisogno di continuare a parlarne. Domani mattina ve ne andrete.
    Bronislava: Sai cosa, fratello? No, dobbiamo continuare a parlarne. Ci hai protetto tutte noi per tutta la vita e non potremmo mai ripagare questo debito nei tuoi confronti. Quindi, non fraintendermi quando dico questo. Ma se devo rimanere un altro giorno su questa montagna e mangiare ancora carne di orso, andrò fuori di testa, Misha.
    Michail: Yana. Zhanna. Bronislava. So che è difficile, ma la gente che ci ha ferito... che ci ha portati via nostro pa... che ci hanno rinchiuso... ci saranno sempre persone come loro. Ma ora che sono di nuovo qua, se mai dovessero tornare...
    Bronislava: Misha... sono tornati, infatti.
    Michail: Cosa?
    Yana: Quando eri in America. Non te lo abbiamo detto per non farti preoccupare.
    Michail: Capisco. Ma... ma di sicuro non li avete fatti soffrire.
    Zhanna: Oh, Misha, hanno sofferto, fidati.
    Michail: Lo dici solo per farmi contento.
    Zhanna: No, ti giuro! Gli abbiamo maciullati come maiali. Le loro urla si sono spente nelle loro labbra.
    Michail: Capisco... Siete tutte diventate delle bambine grandi, e le bambine grandi non hanno più bisogno del vecchio autoritario Misha. [...] [A Scout] Questa missione sarà pericolosa?
    Jeremy: Altroché!
    Michail: Pagano bene?
    Jeremy: Sì! Forse? Non lo so, ho scordato di chiedere.
    Michail: Ma ci saranno ometti cattivi che potremmo uccidere?
    Jeremy: Oh, sì!
    Michial: Allora Grosso è tornato, bimbi!
    Jane Doe: Urrà! Sono tornato dal bagno e ora tutti sono felici!
  • Bronislava: Andrò a Parigi!
    Yana: Io ho sempre desiderato vedere New York!
    Jane Doe: Al diavolo quei postacci! Vi porto in America!
    Zhanna: Ma hai detto di vivere in una baracca.
    Jane Doe: Baracca? Magari: mi hanno portato via tutto. Ma ti prometto, tesoro, che quando finiremo con questo lavoro ci comprerò la più lussuosa baracca che esista al mondo!
  • Boss: Aspetta, dov'è quello nuovo?
    Ludwig: Azpettate! Partiamo già? E riguarto gli uteri babbuini?
    Boss: Di che diavolo stai parlando? Quali uteri babbuini?
    Ludwig: Quelli che vi ho cucito tentro. Non gli ho mezzi in tutti, ancora. [...] Ze non vi conoccezzi bene, tirei che il voztro ultimo metico non vi ha affatto zperimento zu ti voi.
    Boss: Giuro su Dio, se hai messo qualcosa nei miei uomini...
    Ludwig: Oh, antiamo: è zicurizzimo. Greg ne ha tre tentro e non zi è lamentato.
    Greg D.: Avevi detto che stavi riempendo una cavità!
    Ludwig: Ja, quella che ti ho fatto io nell'attome!

TFC #4: Blood in the Water[modifica]

  • Jeremy: Quindi, il tuo vecchio è morto.
    Michail: Da.
    Jeremy: Già, anche il mio è sparito.
    Michail: Sì. Tuo padre sparisce spesso.
    Jeremy: Cosa? No! Mio padre è morto! Non ho più un padre! È morto. È una memoria dolorosa. Di una cosa che è successa davvero. Ad un uomo che nessuno di noi ha conosciuto. Quindi, non parliamone.
    Michail: D'accordo.
  • Jane Doe: Voglio che tu li tratti con estremo pregiudizio.
    Zhanna
    : Vuoi... che sia razzista nei loro confronti?
    Jane Doe: Ho fatto lo stesso errore in passato, ma no. "Estremo pregiudizio" significa uccidere tutti il più violentemente possibile.
  • Jane Doe: Quindi abbiamo spezzato il collo di quell'uomo inutilmente?
    Spia: Ho pauva di sì.
    Jane Doe: Oh. Forse se ne spezziamo un altro...
    Spia: No.
  • Saxton: Chi è là? Cosa ci fate qua? Vi conviene parlare entro cinque secondi, ho ficcherò il mio piede nel vostro culo! Poi dovremmo andare entrambi ad un ospedale speciale! I piedi in culo sono come le frecce, figliolo: non puoi tirarle fuori! Dovranno spingere il mio intero corpo su per il tuo, fin fuori la bocca! Fidatevi: parlate adesso! Nessuno di noi vuole arrivare a tanto.
  • Miss Pauling: Volevi seppellirci lì?
    Mundy: Sì. In quelle tombe poco profonde.
    Miss Pauling: Avresti potuto farle quindici centimetri meno profonde.
    Mundy: Ma così diventano troppo superficiali. Non sono più tombe, a quel punto.
    Miss Pauling: Infatti, ma tutto cambia con seghetto a mano. Velocizza la decomposizione. Fidati: dieci minuti con la sega ti risparmieranno 30 con la pala.
    Mundy: Hmm.
    Tavish: Io... Burp... Non sho she...
    Mundy: Parlando di tombe, non credi che...
    Miss Pauling: No, lui ci serve.
  • Zhanna: Vuoi sapere più su Zhanna? Ecco storiella di Zhanna: c'era una volta tu non mi piaci. Fine.
    Miss Pauling: Hai detto che non poteva capire una parola di quello che dicevamo!
    Jane Doe: Sì, e con quello intendevo che io non ho capito una parola di quello che hai detto.
  • Lar-Nah: ...e grashie a tuo padre, tutti in Nuova Shelanda sono affogati, e noi shiamo rimashti bloccati in queshto laboratorio da allora.
    Bill-Bel: Dove tua madre ha cercato di affogarsi una bottiglia di vino dopo l'altra.
    Lar-Nah: Bill-Bel, quando il vino sharà finito, io ti shparerò e poi mi ucciderò.
    Bill-Bel: Sai cosa sarebbe bello, Lar-Nah? Avere un giorno in cui tu non proponi un omi-suicidio.
  • Mundy: Aspettate! Dov'è mio padre?
    Miss Pauling: Dev'essere tornato al laboratorio! Cecchino, non farlo! Se torni laggiù, morirai!
    Mundy: Non importa! Lui è mio padre! Se non torno tra...
    Jane Doe: Eccolo là. È presso il nostro sottomarino. Adesso è nel nostro sottomarino. [Bill-Bel fugge via]
    Miss Pauling: Um. Mi spiace, Cecchino.
    Mundy: Aspetta! Qualcosa sta riemergendo! È tornato! È tornato! [Il sottomarino è quello di Boss e i suoi uomini. Virgill punta verso Mundy] Oh, diavolo. [Ultime parole]
    Boss: Spero che il resto di voi rifiuti non muoia così facilmente. Perché abbiamo delle domande per voi, a cui spero risponderete. Quindi... chi vuole andare per primo?

TFC #5: Old Wounds[modifica]

  • Beatrice: Dove... si trova... l'Amministratrice?
    Jane Doe: Oh, andiamo... Non so la risposta a questa domanda. Solo Miss Pauling lo sa. Chiedimi qualcosa che so, perché rimarrò in silenzio!
    Beatrice: Quindi. Miss Pauling lo sa?
    Jane Doe: Io... Dovrai torturami per saperlo!
    Beatrice: "Torturarla", mister Doe, implica che io debba sapere di più da lei. Questo la ucciderà lentamente.
  • Tavish: Ti prego. Per l'amor di Dio, non farlo! Te ne prego!
    Fegato: Me ne vado, Tavish!
    Tavish: Oh, andiamo Fegato, ti amo! Non posso vivere senza di te, lo sai!
    Fegato: Non è un mio problema. Me ne vado via dal retto verso una vita migliore.
    Tavish: Tornerai strisciando, te l'assicuro! Cuore, smettila di pompare sangue: ho un lavoro per te!
    Cuore: Pronto a obbedire!
    Polmoni: E io aiuterò!
    Tavish: Bene, Cuore! Shcopri cosha faceva Fegato. Polmoni, shtate a guardia del retto. Fegato non è più il benvenuto qua.
    Miss Pauling: Poveretto. Cosa gli hanno somministrato? Pentatol di sodio?
    Spia: Cibo salutave e acqua. Il suo covpo ha passato anni a combatteve nutvienti dall'alcool di gvano ad aspivine. In pvatica è stato avvelenato.
  • Miss Pauling: Quindi... ci hai fatto perdere i nostri lavori. Hai assunto una banda di maniaci per catturarci e torturarci. Per colpa tua, Cecchino è morto! Ed ora che stai morendo, tu vorresti che noi... ti aiutassimo?
    Gray: Se non vi è troppo di disturbo.
    Miss Pauling: Lo sai che ti odiamo, vero?
    Gray: Scusate se faccio il maleducato, ma devo: voi che ne sapete di odio? Avete una minima idea di quello che un uomo con la mia intelligenza sarebbe riuscito a fare a questo mondo se avessi preso per primo l'Australium? Ma non ce l'ho. Lei ce l'ha. E per quanto lo detesti ammetterlo, lei è più furba di me. Penso anche sia più arrabbiata. Qualunque cosa terribile voi pensate che io avrei fatto con quel potere... avete ragione. E vi posso giurare, che il piano di quella donna è cento volte peggiore. Fermatela. [Ultime parole]
    Miss Pauling: Fermarla? Perché dovrei fermarla? Ho lavorato per lei per tutta la vita. Ho mentito per lei. Incastrato gente per lei. Ucciso gente per lei. Credi che abbia fatto tutto questo non conoscendo affatto che genere di persona lei sia? Di cosa è capace di fare?
    Spia: Miss Pauling?
    Miss Pauling: Io so perfettamente cosa potrebbe fare con quel potere. E sarò lì accanto a lei quando lo farà, brutto vecchio figlio di...
    Spia: Ehm, Miss Pauling!
    Miss Pauling: Scusa, mi sono lasciata trascinare. Quando è morto?
    Spia: Due minuti fa.
    Miss Pauling: Oh. Che imbarazzo.
    Spia: E pouquoi? Eva un bel discovso. Hai avuto la sua completa attenzione, finché i suoi polmoni non sono scivolati giù dal suo buco sulla schiena.
  • [In Paradiso]
    Mundy: Ma non voglio andare... voglio restare con voi.
    Signora Mundy: E anche noi vorremmo che tu restassi, tesoro. Ma hai lasciato laggiù un sacco di bastardi che meritano di morire.
    Signor Mundy: Tua madre ha ragione. Un professionista non smette quando c'è ancora del lavoro da fare. E tu sei un professionista. figliolo. Ora torna laggiù e mandali all'inferno.
  • Mundy: [Torna in vita, sul tavolo da lavoro di Ludwig] Ma che diavolo...
    Ludwig: Oh! Bene! Zei zopravvizzuto alla procetura! Ero preoccupato che non ci zarebbero ztati teztimoni alla mia grante coronazione del mio traguarto metico! In fonto lo tico zempre: non c'è niente ti male a giocare a far Tio, finché zei brav-
    Mundy: [Mundy afferra Ludwig per il collo] Tu... Sporco... Lurido... BASTARDO! TU MI HAI UCCISO!
    Ludwig: Beh, zì, ma ti ho anche riportato in vita. È un punto a favore, ja? Inoltre, tecnicamente, non ti ho "uccizo" io: ero vicino a quello che ti ha zparato.
    Mundy: Ma stavi ridendo! L'ultima cosa che ricordo prima di morire era il tuo malvagio sorriso compiaciuto!
    Ludwig: Ero felice ti rivetervi! E poi io zorrito zempre cozì: malvagiamente compiaciuto. [Sorride malvagiamente compiaciuto] Veti?
    Mundy: Come hai fatto ad unirti a loro?
    Ludwig: Il noztro team zi è ciolto, a loro zerviva un metico! Il mercato nero degli organi animali non marciano magicamente dagli animali ezotici alla tua cavità corporea. Mi zerviva un buon finanziamento. Mi zembra che ztiamo zorvolando la parte in cui ho zfidato la cienza moterna, riportantoti in vita.
    Mundy: Per quanto tempo sono andato?
    Ludwig: Totici ore! Il mio più grante zuccezzo! Inoltre zarà coztato hai miei colleghi circa 1.3 bilioni di tollari, quindi, cerca ti non morire.
  • Boss: Per la cronaca, ero contro l'idea di assumerti, lurido pazzoide. La prima cosa che hai fatto è stato spendere il nostro intero budget medico in organi animali. E io non ho detto niente. Poi hai iniziato a sperimentare su di noi, ficcandoci dentro Dio sa solo cosa. Senza il mio consenso. E io non ho detto niente! Ma adesso, hai spesso tutti i nostri soldi per riportare in vita un tipo a cui abbiamo sparato.
    Ludwig: Ja! È ztato morto per totici or-
    Boss: GLI ABBIAMO SPARATO! DUE VOLTE! SIGNIFICA CHE LO VOLEVAMO MORTO, INUTILE CERVELLO DI CRAUTI!

Gargoyles & Gravel[modifica]

  • Dell: Dove hai presa questa roba? Non l'hai... scavata da qualcuno, vero?
    Ludwig: Ma certo che nein. È frezco di estrazione.
    Dell: Aspetta... allora dove l'hai pres-
    Ludwig: Oh! Zta funzionanto! [...] Ehilà? Mi riecci a zentire, mia meraviglioza creazione?
    Jack-o'-Thief: ...ugh. Dove sono? L'ultima cosa che ricordo era che stavo derubando un nerd tedesco in un vicolo e poi... oh no.
    Ludwig: Acqua zotto il ponte, mein kleines ungeheuer [Mio piccolo mostro]. Benvenuto nella tua nuova vita! Zottoforma di tecorazione di Halloween! Immaginala come una zeconta chance per retimerti!
    Dell: E credi ci riuscirà seduto sul portico?
    Ludwig: Può iniziare spaventanto i bambini!
    Jack-o'-Thief: Io ho un'idea migliore: datemi tutti i vostri soldi e nessuno si farà male!
    Ludwig: Ahh... Puoi tirare fuori il cervello dal criminale e metterlo in una zucca, ma non puoi tirare fuori il criminale fuori dal cervello nella zucca. Inoltre, non togliere il cervello dalla zucca: quella zucca lo tiene in vita.
    Dell: Si va a spaventare i bambini, amico.
    Jack-o'-Thief: Quando uscirò di qui, ucciderò entrambi! Chiaro?
  • Merasmus: [Bussando] Aprite, sciocchi! Sono io! Meras... murray... con la vostra pizza.
    Jane Doe: Evvai. Merasmurray è arrivato con le pizze. [Va ad aprire la porta]
    Miss Pauling: Soldato, è sempre Merasmus.
    Jane Doe: Noooo... Devo... combattere... la sua potente magia! Se sei davvero il pizzaiolo, dimostralo. Scivola una fetta di pizza sotto la porta.
    Merasmus: Sciocco! È una pizza formato festa! Non riesce a passare sotto!
    Jane Doe: Mi servono comunque delle prove! Passa una fetta dalla fessura per le lettere!
    Merasmus: Ah-a! Ma come faccio a sapere che sei tu ad aver ordinato? Metti la tua faccia davanti alla fessura!
    Spia: Soldato, non metterve la tua faccia davanti alla fessuva.
    Jane Doe: Sto per mettere la mia faccia davanti alla fessura. [Soldato apre la fessura]
    Merasmus: SCIOCCHI! Sono io! Merasmus! E stanotte, noi... [Soldato chiude la fessura]
    Jane Doe: Tutti sull'attenti! Era Merasmus! Non c'è nessuna pizza! Ripeto: NESSUNA PIZZA! Moriremo di fame, a meno che non accettiamo tutti di mangiare Scou-
    Spia: Lascia fave a mois. Mevasmus, sono Spia. Fammi indovinave: vuoi povtavci tutti pvesso un cimitevo o un castello infestato per favci uccideve tra di noi. Pevché sei in debito con un altva ovganizzazione cviminale intevnazionale. Pevché tu hai compevato qualche stupido avtefatto che vuoi che viempiamo con... anime o sangue o qualcosa.
    Merasmus: Io... no...
    Sergei: Ci vuoliamuo muoviere?
    Merasmus: Ok, Spia. Merasmus sarà franco con te. Sono io, Merasmus. E in effetti ho un artefatto antico affamato di anime. E sì: ho dovuto farmi imprestare un sacco di soldi dalla mafia russa per comprarlo. [...] SCIOCCHI! AVETE... chiuso la fessura... per sbaglio...
    Sergei: Qua ci sariannio probliemi...
    Jack-o'-Thief: Io dico di farlo a pezzi, Sergei.

TFC #6: The Naked and the Dead[modifica]

  • Miss Pauling: Medico? Che è successo? Credevo fossimo tutti...
    Ludwig: Morti? Ah, ah. Cielo no! Cioè, ja. Ma zolo momentaneamente! Il voztro cuore ha zmezzo di battere zolo per poco. I robot non vi hanno trenato tutto il zangue. Quinti, bazta zolo rimettere il zangue tentro il corpo. [Butta un secchio di sangue dentro il corpo aperto di Soldato, ancora cosciente]
    Miss Pauling: Mi rifiuto di credere che sia così facile.
    Ludwig: Lo zo, ja? Perché la gente frequenta la zcuola di meticina, ze è così zemplice?
    Miss Pauling: Aspetta, come hai separato i nostri gruppi sanguini?
    Jane Doe: "Diversi gruppi di sangue"? Ah! Miss Pauling è ritornata scema.
    Ludwig: Già, tice tante ti quelle cemenze. [Sussurrando a Pauling] Mizz Pauling, ho tovuto uzare le mie mutante per assorbire tutte quelle pozze ti zangue. Zi fiti: il gruppo zanguino è l'ultimo tei voztri problemi.
    Miss Pauling: Oh, Dio. Ce la caveremo?
    Ludwig: Vi zuggerirei ti bere molta acqua. E anche molto zangue, ze riuccite a procurarvelo.
  • Fegato: Tavish?
    Tavish: Ma guarda chi è tornato indietro strisciando. Ciao, Fegato. Ti sei stufato di tutto quel champagne e di quei gamberetti che servono ai party?
    Fegato: Tavish, non ho mai lasciato il tuo retto.
    Tavish: Lo so.
  • Boss: Questi qua sono idioti. Pazzoidi. Sono la barzelletta del mondo dei mercenari. Allora, come diavolo riescono a...
    Fred: Ehm... Boss? Io e i ragazzi ne abbiamo parlato... e chi chiedevamo quando verremo pagati.
    Boss: Ti sembra il momento per parlarne, Fred? Venite sempre pagati! Perché ora siete in dubbio?
    Fred: Primo, non hai mai ucciso un nostro cliente, prima d'ora. Secondo, sono ore che non fai che gridare alla sua spina dorsale [L'estensore vitale].
    Boss: Sei preoccupato per i soldi? Ho qua un congegno che ci può garantire l'immortalità, Fred!
    Fred: Già... a tal proposito, noto anche che non ne hai cinque in mano.
    Boss: E fanne di altri! Sei un ingegnere o no?!
    Fred: Beh, certo, ma qua non si parla di montare e potenziare una torretta. Andiamo, Boss. Macchine dell'immortalità? Rocce magiche? Beh, lì serve più un biologo che un ingegnere.
    Boss: Quindi, Fred, puoi fare qualcosa di utile per noi, sì o no?
    Fred: Beh, ho dato un'occhiata ai robot del vecchio. Posso attivare e mandargli contro un'Ammazza-Torrette o...
    Boss: Li voglio TUTTI ATTIVATI! ORA! VOGLIO QUEI CRETINI MORTI!
  • Jeremy: Miss Pauling!
    Miss Pauling: Scout! Grosso! Grazie a Dio!
    Jeremy: Sei viva!
    Miss Pauling: Voi...
    Jeremy: E hai un aspetto orribile! Hai perso peso?
    Miss Pauling: Ho... perso un bel po' del mio sangue.
    Jeremy: Forte! Stai bene coi capelli acconciati così!
    Miss Pauling: Grazie, sono... coperti dal mio sangue.
  • Michail: Zhanna, dov'è tua mano?
    Zhanna: Me segata con pezzo di metallo per uccidere donna che ci torturava.
    Michail: Oh, ok. E questa che cos'è? Dove hai preso questa collana di... orecchie umane? Sorella, no...
    Jane Doe: Ehilà, futuro cognato! Buone notizie! Diventerai presto zio!
    Zhanna: Mi incinterà più tardi, fratello.
  • Jane Doe: Tranquilli, uomini! Me la son vista più brutta di situazioni come questa! Stupidi robot. Circondarci da un lato? Ah! Questi stupidi ammassi di latta non saprebbero circondare il loro stesso culo... Oh. Ora ci hanno circondato anche dall'altra parte. Uomini, stiamo per morire!
    Jeremy: Fortuna che non abbiamo le armi, Soldato, perché ti avrei già ucciso prima di questi robot!
  • Spia: Pvima che dimentichi di divtelo un'altva volta... voi cecchini siete gli essevi peggiovi del pianeta.
    Mundy: Quello non era un cecchino, era un sadico. C'è una bella differenza. I cecchini non perdono tempo con dei dialoghi da ultime parole. Miriamo, spariamo e basta.
    Spia: Oui, oui, sei un pezzo gvosso dell'istituzione del spavave da lontano. Qualcuno di noi ci avvebbe tenuto a tovtuvavlo pev pvima, lo sai?
    Mudny: La prossima volta avvertimi, prima che gli spari in faccia. Posso avere una sigaretta?
  • Tavish: Doc, mi son chiesto... se riesci a riportare un morto in vita, perché non mi puoi mettermi un altro occhio?
    Ludwig: Ma certo che pozzo! È una procetura zemplicizzima.
    Tavish: Cosa? Vuoi dire che in tutti questi anni avresti potuto cucirmi un altro occhio ogni volta che ti andava!?
    Ludwig: "Ogni volta che..."? Amico mio, ti avrò mezzo un occhio nuovo almeno otto volte! E ogni volta funziona normalmente fino alla notte di Halloween. A quel punto, al tuo occhio crezcono le ali da pipiztrello e ci attacca! Abbiamo combattuto un tuo occhio gigante, un tuo occhio Tracula, un tuo occhio cervello-nel-barattolo, un tuo occhio con un pupazzo ventriloquo armato di coltello, una volta è tornato intietro nel tempo e ha cercato di tiventare il noztro genitore! Il punto è: nella mia opinione metica, e come uomo di cienza non lo tico con tanta leggerezza, quell'orbita è maledetta!
    Tavish: Ma perché non ricordo niente di tutto questo?
    Ludwig: Beh... affinché zmettezzi di chietermelo, ho tovuto lobotomizzarti.
    Tavish: ...sì, ha senso. Pero' te lo chiesto, adesso.
    Ludwig: Lo zo, ma la lobotomia non è una cienza ezatta. Ti conziglierei di evitare di ricortare le coze.
    Tavish: "Non ricordare". Capi- [Demolitore si immobilizza per qualche secondo]
    Ludwig: Quezto è lo zpirito! E la tua gamba ora è appozto.[...]
    Tavish: Grazie di tutto, gentile sconosciuto!
  • Boss: Ok, ok! Hai fatto il tuo punto! Vuoi smettere di uccidermi per un secondo e ascoltarmi? Ho una macchina dell'immortalità. Capisci? Potremmo vivere per sempr- [Michail gli da una zuccata e gli spazza la schiena]
    Michail: Hai ucciso il mio amico. Non mi serve vivere per sempre, mi basta solo il tempo di starmene seduto qui e vederti morire.
    Boss: Allora dovrai aspettare un altro po'... [Boss si ficca l'estensore vitale in corpo] ...o non aspettare affatto.
  • Mundy: Mi chiedo dove siano gli altri.
    Spia: Anche io mi stavo facendo la stessa domanda sui tuoi pantaloni. [...] Avresti potuto pvendeve quelli del tipo che hai ucciso.
    Mundy: Tu sai cosa ci fa la gente nei pantaloni, quando muore?
    Spia: Oui, lo so, ma savebbe comunque pvefevibile.
    Mundy: Ho un idea. Dammi la tua giacca. Ho detto dammi...
    Spia: Ti ho sentito... pevfettamente. Cespugliomane, questa è una giacca Louis Crabbemavché pevsonalizzata su misuva da 10.000 $. Il coagulo proviene dai bachi da seta allevati in una micvofattovia in Toscana, da uno schema segveto tvamandato dai monaci savti fin dal diciassettesimo secolo. Te lo favò usave come pannolino pev adulti quando me lo stvappevai dal mio fveddo, covpo... [Vede Jeremy a terra] movto...
    Jeremy: Ehi, raga. Visto 'sto macello robotico? Tutta opera mia. Anche se l'ultimo ha avuto qualche colpo fortunato. Come sto? Sono una schifezza, o sono ancora uno splendore? Cielo, quanto sono stanco.
    Mundy: Amico...
    Spia: Sì, lo so. Lasciaci soli un momento. Scout, c'è qualcosa che devo divti.
    Jeremy: Che? Oh, certo. Ma fa veloce, per favore. Sono stanchissimo, per qualche ragione.
    Spia: Io... tovno subito.
    Jeremy: Ok. Ehi, un tunnel di luce. Sembra una cosa in cui posso camminare.
    Tom Jones: "What's new pussycat"?
    Jeremy: Oh, mio Dio... Sapevo che saresti tornato, Tom Jones.
    Tome Jones: Scout, conosci la mia hit di successo, "Sex Bomb"?
    Jeremy: Ti prego, sono o non sono un essere umano del pianeta Terra? Guarda qua.
    Tom Jones: È un tatuaggio di Sex Bomb.
    Jeremy: Esatto.
    Tom Jones: Scritto anche male.
    Jeremy: Già. Aspetta, davvero?
    Tom Jones: Scout, 27 anni fa ho mollato una "Sex Bomb" su tua madre. Ero giovane e sono scappato dall'esplosione. Ma adesso gli effetti di quella Sex Bomb hanno coinvolto anche me. Questa è la parte in cui smetto di utilizzare l'analogia della Sex Bomb, se per te va bene.
    Jeremy: Sì, certo.
    Tom Jones: Grazie. Sei più forte di quello che credi, Jeremy. Sono fiero di te. Sono sempre stato fiero di te.
    Tome Jones/Spia: Figlio.
    Jeremy: Fottutamente... fantastico... [Ultime parole]
  • [In Paradiso]
    Dio: D'accordo. Ti rimando sulla Terra, ma questa è la loro ultima chance di poter fare sesso con te. Oh, Scout?
    Jeremy: Sì, Dio?
    Dio: Quanto vorrei che tu fossi mio figlio. [...] Ci vediamo il 4 dicembre del 1987!
    Jeremy: Promesso, ci si becca!
    [Sulla Terra]
    Mundy: Lo seppelliamo?
    Spia: Se hai con te una pala, tivala fuovi e lo faccio. Mi basta anche un'avma...
    Jeremy: Coff...
    Mundy: [Ridendo] Beh, che io sia dannato...
    Spia: Oh, tu mi stai pvendendo per il culo!
  • [All'Inferno]
    Satana: Impressionante, Herr Ludwig. Ho riletto il suo fascicolo. È stato un vero mostro, lassù. Onestamente, non credo servisse il nostro contratto, visto che sarebbe arrivato comunque quaggiù. Ma un patto è un patto. Ecco, credo che troverà tutte le carte in ordine. Metta le sue iniziali qua e la sua firma originale e poi la faccio scortare nel Tartaro.
    Ludwig: Dunque, vetiamo. Oh, interezzante! Qua, all'articolo 9, paragrafo 7, tice che il contratto è valito zolo ze pozzedete la maggioranza della mia anima, quinti...
    Ludwig: Ma noi abbiamo tutta la sua anima. Ce l'ha venduta lei.
    Ludwig: Originariamente, ja, quello era il cazo. Ma vetete, tato che me ne zono preze a carico altre otto... tuttavia, voi pozzetete un nono della mia anima, quinti avete una parte del mio teztino nelle voztre mani. Allora, mettiamolo ai voti: chi penza che io debba antare all'Inferno? [Satana alza la mano] Eccellente! Zono un voto per l'Inferno contro otto per il Paratizo! Ora, ze gentilmente mi chiamate una macchina...
    Satana: NOI. NON VERREMO. RIFIUTATI!
    Ludwig: Beh, ci zarebbe un'altra opzione: ze mi rizpetite zulla Terra per, ticiamo, altri cinquant'anni... Beh, voi ziete una perzona intelligente, mi avete già tentato una volta. Troverete ti certo un moto per accaparrarvi le mie altre otto anime. Infatti, quella mi zembra una bellizzima penna! Ho detto quella mi zembra una bellizzima penna.
    Satana: Vuoi vendermi le tue anime per questa...
    Ludwig: Certamente!
  • Boss: Ve lo concedo, per essere degli imbecilli, voi siete duri a morire.
    Michail: Codardo.
    Boss: Credi che me ne freghi qualcosa? Vincere è quello che mi import-
    Ludwig: Ehm, zcuzate? Pozzo tizurbarvi per un zeconto?
    Boss: Frankenstein? Ma ti ho spara- Come... Quella è una penna?
    Ludwig: Per certi verzi, zì. Ora è un tetonatore! Più un intuttore, in realtà. Zono una frana nel tare nomi alle coze. At ogni moto, intuce il travaglio.
    Boss: In cosa?
    Ludwig: Negli uteri babbuini che vi ho ficcato tentro. Ze non erro... zì, tre gemelli. A te ho tato tre uteri babbuini! forze quattro! Ho perzo il conto. La coza importante è che, quanto premerò quezto pulzante, crecceranno iztantaneamente tre dolci babbuini nel tuo attome. Di norma un babbuino neonato peza circa 13 chili, 36 se è ben zalutare. E quezto zenza gli ormoni tella fertilità che ho mezzo nei tuoi reni. Quinti... chi è pronto a tiventare matre?
    Boss: Starai scherzando, spero!
    Ludwig: Ma certo che zcherzo: è zolo una penna!
    Boss: Che... NO! [Michail estirpa l'estensore vitale. Boss stramazza a terra] ARGH! Voi... Idioti. Avrei... Avrei potuto vivere... Ugh... Ah c***o!
    Michail: È bello riaverti tra noi, Dottore.
    Ludwig: È bello ezzere tornati, amico mio.
    Michail: Ah, babbuini gemelli. Steroidi. Penne dell'incintamento. Solo tu potevi inventare una balla così folle, Dottore.
    Ludwig: Ah, quello era niente. Ogni metico che meriti la zua zegaozza è totato tell'arte tell'improvvizazione. [Frugando nel suo kit] Ma tove... Ah, eccolo!
    Michail: Che cosa?
    Ludwig: La vera penna-intuttrice. Non ero riuccito a raggiungere il mio kit in tempo. Tre babbuini, che azzurtità! Il corpo umano può gestirne uno, due babbuini al massimo. [Preme la penna] At ogni moto...
  • Boss: Come diavolo ci avete battuti? Abbiamo passato sei mesi a dare la caccia alle sue migliori squadre. Team Echelon. Team Citadel. Team Vanguard, per l'amor di Dio. Le abbiamo sconfitte tutte. L'avevamo sconfitta. Gli unici rimasti eravate voi rifiuti. Come diavolo... [Ultime parole]
    Miss Pauling: Vuoi sapere come abbiamo fatto a battervi? Onestamente non è la più minima c***o di idea. Forse è stata fortuna. Forse qualcos'altro.
    Ludwig: È perché non abbiamo un'anima!
    Miss Pauling: Cosa?
    Ludwig: Nel zenzo, loro non ce l'hanno, ma... niente, laccia ztare.
    Miss Pauling: Non so come rispondere alla tua domanda. Ma comunque... noi siamo il Team Fortress! E tu sei morto. [Boss esala il suo ultimo respiro] Sì, sono riuscita a dire tutto il mio discorso prima che morisse, stavolta!
    Spia: Sei migliovata nel dive ovvibili cose alla gente movente.
    Miss Pauling: Vero?

Altri progetti[modifica]