The Handmaid's Tale

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Il racconto dell'ancella

Serie TV

Immagine The Handmaid's Tale intertitle.png.
Titolo originale

The Handmaid's Tale

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno

2017 - in produzione

Genere drammatico, distopico
Stagioni 4
Episodi 46
Ideatore Bruce Miller
Soggetto dal romanzo di Margaret Atwood
Rete televisiva Hulu
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Handmaid's Tale, serie televisiva statunitense trasmessa dal 2017.

Prima stagione[modifica]

Episodio 1, Difred[modifica]

  • Una sedia. Un tavolo. Una lampada. C'è una finestra con le tende bianche e il vetro è infrangibile. Ma non perché temano che scappiamo, non arriveremo lontano. Temono altre fughe. Quelle che puoi aprirti, se hai un oggetto tagliente o un lenzuolo attorcigliato e un lampadario. Io cerco di non pensare a quelle fughe. È dura nei giorni della Cerimonia, ma pensare a volte è peggio. Il mio nome è Difred. Prima avevo un altro nome, ma adesso è proibito. Tante cose sono proibite ora. (Difred)
  • Lui è mio marito finché morte non ci separi. Non farti venire strane idee. Se mi creerai problemi, credimi, io ne creerò a te. (Serena)
  • Ci spostiamo sempre in coppia. Si dice che sia per proteggerci. Per avere compagnia. Stronzate. Qui non ci sono amici. È impossibile. La verità è che ci sorvegliamo a vicenda. Lei è la mia spia e io la sua. (Difred)
  • Non ho bisogno di arance. Ho bisogno di gridare. Ho bisogno di afferrare un mitra e sparare. (Difred)
  • [Vede tre uomini impiccati] Un prete, un medico, un omosessuale. Credo di conoscere questa barzelletta. Ma il finale era diverso. (Difred)
  • So che questo vi sembrerà, molto, molto strano. Ma la normalità è ciò a cui siete abituate. Questo potrà sembrare non normale per il momento ma dopo un po' di tempo lo sarà. Tutto ciò diventerà...normale. (zia Lydia)
  • Tieni la testa bassa. Questa follia finirà prima o poi. (Moira)
  • Difred: Moira, cosa le hanno fatto?
    Moira: "Se il tuo occhio destro ti fa peccare, cavalo". Gli occhi non ci servono per partorire.
  • Meglio una falsa speranza che niente. (Difred)
  • È obbligatorio farsi un bagno prima della Cerimonia. Devo pulirmi per bene. Sarò lavata e spazzolata come un maiale da fiera. (Difred)
  • La luna è la stessa. È qualcosa. Quella non l'hanno cambiata. Penserò alla luna. (Difred)
  • Qualcuno sta guardando. Qui, c'é qualcuno che osserva. Nulla può cambiare. Tutto deve sembrare uguale. Perché io ho intenzione di sopravvivere per lei. Lei si chama Hannah. Mio marito era Luke. Il mio nome è June. (Difred)

Episodio 2, Compleanno[modifica]

  • Diglen: Lavoravo all'università. Insegnavo biologia cellulare.
    Difred: Wow! Credevo che tutti gli insegnanti fossero stati mandati alle Colonie o...
    Diglen: Ho due buone ovaie, perciò hanno chiuso un occhio sul mio peccaminoso passato. Che fortunata.
  • A New York hanno raso al suolo Saint Patrick. L'hanno fatta esplodere e hanno gettato le macerie nell'Hudson. L'hanno cancellata, cazzo. (Diglen)
  • Esiste un "noi"? Sembra una fiaba, un segreto da quinta elementare. Gente con un passato misterioso e relazioni oscure. Non è così che dovrebbe andare il mondo in realtà. Sembrano i postumi di una sbornia di una realtà scomparsa. Ora, i Custodi della Fede e i soldati americani continuano a combattere con i carri armati fra le macerie di Chicago. Ora, Anchorage è la capitale di quel che resta degli Stati Uniti e la bandiera che sventola su quella città ha solo due stelle. Ora, oscurità e segreti sono dovunque. Ora deve esistere un "noi". Perché ora esiste un "loro". (Difred)
  • Ci è proibito restare da soli con i Comandanti. Non siamo concubine. Siamo uteri con due gambe. Magari sa di Diglen. Mi ha invitato per farmi cadere in trappola? No. Perché questo non è un invito. Non potrei mai rifiutarmi. (Difred)

Episodio 3, Tardi[modifica]

  • Nessuna pietà per un membro della Resistenza. Non ha lasciato niente. niente orme, niente molliche di pane. Non so nemmeno il suo vero nome. Diglen è scomparsa. (Difred)
  • Ora vedo davvero il mondo. Prima dormivamo. È così è accaduto. Quando hanno attaccato il Congresso, non ci siamo svegliati. Quando hanno incolpato i terroristi e sospeso la Costituzione, non ci siamo svegliati. È temporaneo, dicevano. Niente cambia all'istante. In una vasca che si riscalda di colpo, finiremmo bolliti vivi. (Difred)
  • Devi ricordarti una cosa. Non puoi cambiare niente, il finale non cambia qualunque cosa tu faccia. Non ha senso provare a fare le dure o le coraggiose. È tutto inutile. Tutti cedono. Tutti. (Nick)
  • Alyssa dice che c'è una nuova legge. Le donne non possono più possedere niente. (Moira)
  • Zia Lydia: Ricorda le tue Scritture. Beati gli umili.
    Difred: E beati coloro che sono perseguitati per causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli. Io mi ricordo.

Altri progetti[modifica]