Umberto Domina

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Umberto Domina (1922 – 2006), scrittore e umorista italiano.

La moglie che ha sbagliato cugino[modifica]

Incipit[modifica]

Quando il perito minerario Liborio Cappa lesse la frase «Lemonfrigo? Grazie. Prigo» si vide costretto a coniare il termine sdisgraziato e a pronunciarlo a voce altissima.
Circostanza grave, perché la esse intendeva assumere un valore negativo in una parola che già di positivo aveva ben poco e perché simile, inedito, attributo era destinato ad un congiunto.
Ad uno, cioè, cui il perito era legato da stretto vincolo di parentela oltre che da omonimia bilaterale.
Dire infatti che il foglio con la frase incriminata apparteneva a suo cugino, anch'egli Liborio ed anch'egli Cappa, equivale a dire che i due erano figli di fratelli che non avevano saputo resistere al fascino di affibbiare ai rispettivi figli il nome del nonno.

Citazioni[modifica]

  • Il galeotto | 788 | sostiene | di aver segato | le sbarre | solo | per hobby. | Così | per evasione... (p. 94-95)
  • Se | dirigente e impiegato | hanno | davanti, | un giornale spiegato, | solo l'impiegato | sta | leggendo il giornale. | L'altro | si sta informando | dell'andamento | del mercato. (p. 63-64)
  • Sono | ottimista: | quando ho | l'emicrania | preferisco | dire | che mi è | passato | il ben di testa. (p. 68)

Bibliografia[modifica]

  • Umberto Domina, La moglie che ha sbagliato cugino, BUR 1975.

Altri progetti[modifica]