Utente:FF244/Sandbox

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Peanuts, strisce dal 1950 al…

Frasi[modifica]

  • Guarda! Ecco che arriva il buon vecchio Charlie Brown! Il buon vecchio Charlie Brown… sissignore! Buon vecchio Charlie Brown… come lo odio! (Shermy, 2 ottobre 1950)
  • Le belle bambine son dolci, carine… | e assai zuccherine… [Patty tira uno schiaffo a Charlie Brown] | Così siam fatte noi dolci bambine! (Patty, 3 ottobre 1950)
  • [Vedendo Charlie Brown seduto con le mani davanti agli occhi] Chissà cos'ha Charlie Brown? Sembra così triste. Per fortuna sono tanto sensibile… non essere triste, Charlie Brown… Ehi! Svegliati! (Patty, 19 ottobre 1950)
  • Vuoi dirmi che sei triste solo perché non sei nata maschio? Non c'è niente di brutto in questo, Patty… poteva andarti anche peggio… avresti potuto nascere cane! (Shermy, 15 novembre 1950)
  • Tua madre è una femmina! Tua nonna è una femmina! Tua moglie sarà una femmina! E anche tutte le tue figlie saranno femmine! Ecco! (Patty [a Shermy], 7 dicembre 1950)
  • Davvero una bella domanda, Charlie Brown… Sissignore, proprio una bella domanda! Perché non provi a rifarmela tra sei settimane? Sarò più vecchio e saggio allora! (Shermy, 12 dicembre 1950)
  • Gente, che solitudine! Pronto, centralino? Mi racconterebbe una storia? (Charlie Brown, 30 dicembre 1950)
  • La vita è come un grosso lecca-lecca. […] Finisce sempre troppo presto! (Charlie Brown, 3 gennaio 1951)
  • Sai cosa mi piacerebbe essere? Un attaccabrighe! Sissignore! Un vero tipaccio, vecchi tempi! Il problema è che non sono abbastanza forte! (Charlie Brown [a Patty], 13 gennaio 1951)
  • Per fortuna i cani non sanno leggere… un diario è una cosa molto personale. (Charlie Brown, 23 gennaio 1951)
  • Snoopy, facciamo una gara? Pronti… via! [Snoopy si allontana correndo] Ah, ora posso mangiarmi in pace questo dolcetto! (Charlie Brown, 30 gennaio 1951)
  • Anatre! Barche! Cigni! Accidenti! Possibile che un uomo non possa avere un po' di privacy nel suo bagno? (Charlie Brown, 15 febbraio 1951)
  • C'è una cosa che vorrei chiederti, Snoopy: "Perché i cani non si lavano mai le mani?". Certo, non sarebbe di grande utilità, visto che subito dopo dovete tornare a usarle per camminare! (Charlie Brown, 12 marzo 1951)

Dialoghi[modifica]

  • Patty: Mi amerai ancora quando crescerai e sarai ricco e famoso e io sarò solo una ragazza povera? Shermy: Certo che sì… E tu mi amerai ancora se diverrai ricca e famosa e io invece non avrò nulla? Patty: Sarebbe tutta un'altra cosa! (8 ottobre 1950)
  • Shermy [tenendo al guinzaglio Snoopy]: Non avvicinarti troppo… è molto feroce! Guarda che sguardo minaccioso… discende da un'antica stirpe di cani da combattimento! Patty: Shh… si è addormentato! (14 ottobre 1950)
  • Shermy: E quindi è il calore del sole quello che ci riscalda. Charlie Brown: Non soltanto… Shermy: Come sarebbe a dire "non soltanto"?! Charlie Brown: Ci sono anche le muffole! (24 ottobre 1950)
  • Shermy: Patty è in casa? Patty [indossando una maschera]: No… sono sua zia Agnes. Shermy: Oh, peccato. Vorrà dire che andrò a far visita a quella bambina carina che abita qui vicino! Patty [togliendosi la maschera]: Aspetta! Sono qui! Te l'avrei data a bere, se solo non fossi così gelosa! (26 ottobre 1950)
  • Shermy [tenendo fra le mani un vassoio vuoto]: Buon compleanno, Charlie Brown! Charlie Brown: Grazie! Dove sono le candeline da spegnere? Patty: Non sapevamo gli anni, così non le abbiamo messe! Charlie Brown: E la torta? Shermy: Non eravamo certi che fosse il tuo compleanno, così abbiamo lasciato perdere anche quella! (30 ottobre 1950)
  • Charlie Brown: Il futuro mi spaventa! Patty: Non vedo perché dovrebbe… sei giovane, hai tutta la vita davanti… probabilmente vivrai per altri sessanta anni! Charlie Brown: È proprio questo che mi spaventa! (9 novembre 1950)
  • Patty: Abramo Lincoln era un grand'uomo! Ti piacerebbe essere come Ambramo Lincoln? Charlie Brown: Ne dubito. Ho già abbastanza problemi a essere Charlie Brown! (23 novembre 1950)
  • Charlie Brown: Quando cammino le mie ginocchia scricchiolano! Patty: Non sono le tue ginocchia… sono le scarpe! Charlie Brown: Che sollievo! Temevo di star diventando vecchio! (24 novembre 1950)
  • Shermy: Non mi ami più, Patty? Patty: Come va la tua collezione di fumetti? Shermy: Ne ho comprati quattro giusto ieri… Patty: Ti amo da impazzire! (29 novembre 1950)
  • Charlie Brown: Ciao, Shermy. Shermy: Ciao, Charlie Brown. Charlie Brown: Sembra che farà più freddo… Shermy: Già, così pare… Charlie Brown: Beh, attento a non farti fregare! Shermy: Non fare nulla che io non farei! Charlie Brown: Questa sì che è stata una vera conversazione da adulti! (18 dicembre 1950)
  • Charlie Brown: Dai, facciamo un picnic! Patty: Io porto la torta! Shermy: E io il gelato! Patty: E tu, Charlie Brown, cosa porti? Charlie Brown: Me! (23 dicembre 1950)
  • Patty: Non posso sposarti, Shermy! Shermy: Perché? Patty: Non ti conosco da abbastanza tempo! Shermy: Beh, che ti aspettavi? Sono nato solo pochi anni fa! (27 dicembre 1950)
  • Charlie Brown: Stamattina mi sono tagliato mentre mi radevo… Patty: Non sapevo ti radessi, Charlie Brown… Charlie Brown: Infatti non mi rado… e a dirla tutta non mi sono nemmeno tagliato. (6 gennaio 1951)
  • Charlie Brown: Vialetto da sgombrare? Patty: Quanto prendi? Charlie Brown: Oh, io non faccio niente… mi limito ad affittare la mia pala! (16 gennaio 1951)
  • Patty: Pensi che io sia bella, Charlie Brown? Charlie Brown: La vera bellezza è quella interiore! Patty: Non ti ho chiesto questo! Charlie Brown: "Un viso leggiadro sfiorirà prima o poi, ma un cuore gentile è come il sole e la luna!" [Patty, infuriata, rincorre Charlie Brown] Ho fatto del mio meglio! (22 gennaio 1951)
  • Shermy: I maschi sono meglio delle femmine! Patty: Non è vero! Shermy: Washington era un maschio! Jefferson era un maschio! Lincoln era un maschio! Patty: Tua mamma è una femmina! Shermy: Touché! (9 febbraio 1951)
  • Charlie Brown: Ehi, Violet, vuoi che ti presti i miei fumetti? Posso offrirti un'aranciata? Vuoi usare il mio triciclo? Violet: No, grazie… Charlie Brown: Ma allora come posso fare colpo su di te? Violet: Cerca di essere te stesso… Charlie Brown: Voi donne siete proprio incontentabili! (10 febbraio 1951)
  • Violet: Questi tortini di fango sono speciali… li ho ricoperti di cocco. Prego, Charlie Brown, prendi un tortino di fango! Serviti pure. Charlie Brown: Bleah! È disgustoso! Scusami, Violet. È che non mi piace il cocco! (24 febbraio 1951)
  • Violet: Giochiamo alla famiglia, Charlie Brown. Io sarò la mamma e tu il papà. Dovrai fare tutto quello che dico io! Charlie Brown: Dobbiamo proprio essere così realistici? (26 febbraio 1951)
  • Charlie Brown: È inutile, non ce la faro mai… Violet: Che hai, Charlie Brown? Sembri scoraggiato. Charlie Brown: Volevo costruirmi un banco da lavoro… ma non ho un banco da lavoro su cui farlo! (7 marzo 1951)
  • Patty: Mi piacerebbe essere nonna. Violet: Anche a me! Una nonna deve solo starsene in poltrona a dondolarsi! Patty: Il guaio è che per diventare nonna prima devi essere moglie e poi madre. Violet: Lo so… e sono questi preliminari a scoraggiarmi! (13 marzo 1951)
  • Madre di Charlie Brown: Charlie! È ora di fare il bagno! Charlie Brown: Oh, no! Tutto, ma non questo! Ti prego! Non lo sopporto! Ti dico che non lo sopporto! [rivolto al lettore] Veramente è tutta una finta… a me non dispiace affatto fare il bagno! (16 marzo 1951)
  • Shermy: Come va con le lezioni di musica, Charlie Brown? Charlie Brown: Non troppo bene. Ieri notte ho sognato Beethoven che cercava di strangolarmi! (20 marzo 1951)
  • Charlie Brown: Pensi che io sia stupido, vero? Forza, allora, chiedimi qualcosa! Qualunque cosa! Patty: E va bene! Quanto fa due più due? Charlie Brown: Mmmm… chiedimi qualcosa di più concreto! (23 marzo 1951)
  • Charlie Brown: Vado a riportare questo libro in biblioteca. L'ho finito in un giorno solo! Patty: Non avevo idea che tu sapessi leggere, Charlie Brown… Charlie Brown: Certo che non so leggere! Come avrei fatto sennò a finire il libro così in fretta?! (27 marzo 1951)
  • Charlie Brown: Povero Charlie Brown… mi dispiace molto per lui. Povero piccolo Charlie Brown. Patty: Ma che sciocchezze stai blaterando? Sei tu Charlie Brown! Charlie Brown: E da quando in qua è vietato autocommiserarsi?! (30 marzo 1951)