Valentina Giacinti

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Valentina Giacinti (2018)

Valentina Giacinti (1994 – vivente), calciatrice italiana.

Citazioni di Valentina Giacinti[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Sono stata criticata perché ero un maschiaccio. Ho iniziato da piccola a giocare a pallone e quando mi regalavano le Barbie, staccavo loro la testa e la usavo per palleggiare! Così papà e mamma mi hanno iscritto alla scuola calcio a 6 anni e non ho più smesso, spronata da loro che hanno capito la mia passione. Non è sempre stato facile, soprattutto quando macinavo più di 50 km al giorno per andare al campo di allenamento e dovevo anche studiare [...], ma giocare per me significa essere felice.[1]
  • Il mondo non cambierà finché continueremo a pensare che per i bambini si fa il fiocco azzurro e alle bambine si regalano cose rosa e bambole. Magari alle bambine potrebbe piacere, che ne so, il verde.[2]
  • [Sugli inizi] Il giorno della prima comunione nel pomeriggio avevo una partita: dopo la cerimonia sono andata a giocare e poi sono tornata alla festa con i parenti. Già da piccola avevo la mentalità. Più grande evitavo di uscire, di andare a ballare, al cinema fino a mezzanotte. Preferivo andare a letto alle 22.30. Ci sono state tante rinunce. Sono però contenta delle scelte che ho fatto. Guardandomi indietro devo ammettere che ho fatto sacrifici e scelte difficili. Per tanti anni mi sono allenata la sera alle 20 o alle 21 e mentre andavo al campo tante ragazze uscivano con gli amici. Andavo al freddo ad allenarmi e aoro uscivano a mangiare fuori e a divertirsi. Era chiaro che mi guardassero un po' strano. Mi dicevano di unirmi a loro, ma per me era molto più divertente allenarmi che uscire a mangiare una pizza.[3]

Note[modifica]

  1. Dall'intervista a Starbene nº 25, 4 giugno 2019; citato in Flora Casalinuovo, Intervista a Valentina Giacinti: "Da piccola palleggiavo con le bambole, oggi vado ai Mondiali", Starbene.it.
  2. Dall'intervista di Alessandra Bocci a Sportweek; citato in Valentina Giacinti, tra basket e Milan: "Bambole? Con le teste ci giocavo a pallone", Gazzetta.it, 14 aprile 2021.
  3. Da Livio D'Alessandro, Ronald Giammò, Voglio essere una calciatrice, Roma, Fandango, 2021; citato in Sebastiano Vernazza, Io non andavo mai a ballare. Preferivo allenarmi al freddo, Sportweek nº 26 (1047), 26 giugno 2021, p. 10.

Altri progetti[modifica]