Wikiquote:Pagina delle prove

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
MODIFICA QUESTA PAGINA!

Benvenuti nella pagina delle prove, nota anche come sandbox.

La sandbox – in italiano sabbiera o sabbionaia o anche recinto della sabbia – è, nei parchi giochi, l'area delimitata, e piena di sabbia, dove i bimbi giocano con paletta e secchiello.

In senso astratto, in Wikiquote la sandbox è un'«area protetta» in cui si può operare liberamente per fare delle prove, senza timore di fare danni nell'antologia che stiamo costruendo anche con il vostro contributo.

Fate qui le vostre prove!
Potete modificare questa pagina partendo da qui.

Vi preghiamo però di non cancellare la prima riga. Quella lasciatecela per favore.

Considerate che il vostro testo potrebbe non rimanere a lungo nella pagina, che viene spesso sovrascritta da altri utenti e "ripulita" con una certa regolarità.

Se avete dei dubbi o avete dei quesiti da porre potete utilizzare la pagina delle FAQ o il Bar.

Se cercavate invece la pagina delle prove per i collegamenti con Wikidata, utilizzate la sandox dedicata.

Un castello di sabbia
DICONO DELLA PAGINA DELLE PROVE:

I sandboxer sono quelli che allenandosi nella sandbox, fanno a pugni coi propri errori. (Sempronio)

La sandbox può essere intesa come territorio di allenamento, come ginnastica pratica e intellettuale per potersi impadronire di una tecnica. (Tzara)


Il castello (film)[modifica]

Signori, propongo di assumere il controllo di questo penitenziario! (Eugene Irwin)

Cinque, condotta indegna per un ufficiale e per un gentiluomo. (Eugene Irwin)

Non venirmi a raccontare che tu sopravvivi: tu ti nascondi! (Eugene Irwin)

Molti pensano che essere ricordati così sia una vergogna per un soldato, ma è tutt'altro che una vergogna. I più grandi monumenti ai soldati caduti non sono fatti di marmo, sono in fondo al mare, nel cuore della giungla, sui campi di combattimento. Un fucile conficcato nella terra, un elmetto e una piastrina. È questo il tributo che quest'uomo si è guadagnato. (Eugene Irwin)

Signori, non abbiamo molto tempo, non possiamo più indossare l'uniforme da soldato, ci siamo giocati quel diritto e parlo anche per me. Ho disobbedito a un ordine direttivo, sono venuto meno al mio dovere di ufficiale in comando e otto uomini hanno pagato un prezzo troppo alto. È un rimorso con cui non è facile convivere, quindi eccomi qua con tutti voi, un criminale in prigione, ma c'è una differenza tra voi e me: io so di essere colpevole! Siamo rinchiusi qui dentro come detenuti e una cosa è certa, le nostre guardie hanno il potere di umiliarci, di picchiarci, il potere di rinchiuderci in un buco buio per giorni e giorni ma c'è una cosa che non possono fare: non possono portarci via quello che siamo e, noi siamo soldati! E questa è l'unica cosa che ci dà speranza qui dentro e niente al mondo ce la potrà mai togliere. (Eugene Irwin)