Wikiquote:Pagina delle prove

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
MODIFICA QUESTA PAGINA!

Benvenuti nella pagina delle prove, nota anche come sandbox.

La sandbox – in italiano sabbiera o sabbionaia o anche recinto della sabbia – è, nei parchi giochi, l'area delimitata, e piena di sabbia, dove i bimbi giocano con paletta e secchiello.

In senso astratto, in Wikiquote la sandbox è un'«area protetta» in cui si può operare liberamente per fare delle prove, senza timore di fare danni nell'antologia che stiamo costruendo anche con il vostro contributo.

Fate qui le vostre prove!
Potete modificare questa pagina partendo da qui.

Vi preghiamo però di non cancellare la prima riga. Quella lasciatecela per favore.

Considerate che il vostro testo potrebbe non rimanere a lungo nella pagina, che viene spesso sovrascritta da altri utenti e "ripulita" con una certa regolarità.

Se avete dei dubbi o avete dei quesiti da porre potete utilizzare la pagina delle FAQ o il Bar.

Se cercavate invece la pagina delle prove per i collegamenti con Wikidata, utilizzate la sandox dedicata.

Un castello di sabbia
DICONO DELLA PAGINA DELLE PROVE:

I sandboxer sono quelli che allenandosi nella sandbox, fanno a pugni coi propri errori. (Sempronio)

La sandbox può essere intesa come territorio di allenamento, come ginnastica pratica e intellettuale per potersi impadronire di una tecnica. (Tzara)


Autografo dello scrittore Rodolfo Doni che utilizza anche il suo cognome originale (Turco) Rodolfo Doni, pseudonimo di Rodolfo Turco (Pistoia, 20 marzo 1919 – Firenze, 2 ottobre 2011), è stato uno scrittore italiano.

Incipit di alcune opere[modifica]

Muro d'ombra

  • Si staccò a fatica da Teresa risollevandosi, ma la ragazza lo abbracciò di nuovo, con violenza, tirando giù il viso di lui sul suo che stava appoggiato sul guanciale, e i baci ricominciarono; sentì la bocca di lei che forzava la sua e la schiudeva, e lasciò fare ancora; non provava alcun piacere, ma anzi, un senso di disgusto; sentiva il sapore dolciastro della cipria che gli ricordava quello delle donne delle case.

Giorno segreto

  • Lo cercava, lo scrutava, nel suo visetto pallido e bruno, un po' allungato, che svelava in tutto, ancor più che nei lineamenti, la sua stessa espressione: negli occhi, e nella smorfia delle labbra, come un sorrisetto amaro, di quando anche a lui qualcosa procurava ansietà.

Servo inutile

  • Feci male a prenderla in casa? Ma dopo l'orrenda morte nell'incidente stradale di mio fratello e di mia cognata, i suoi genitori adottivi, sarei stato mal giudicato se non lo avessi fatto dal giudizio comune di quel paesino di mille anime pur conservatore che era allora Colle Laziale; se l'avessi lasciata sola, senza mezzi, oltretutto nel clima di contestazione generale che già allora si viveva... Io stesso ero assai contestatore: giovane e straordinariamente sicuro, anzi, compiaciuto di me. Non avrei dato importanza, avrei ostentatamente ignorato le chiacchiere della gente. Ma non ce ne furono; sarebbero sorte critiche contrarie se non l'avessi accolta, ripeto.