Wikiquote:Pagina delle prove

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Wikiquote:Sandbox)
MODIFICA QUESTA PAGINA!

Benvenuti nella pagina delle prove, nota anche come sandbox.

La sandbox – in italiano sabbiera o sabbionaia o anche recinto della sabbia – è, nei parchi giochi, l'area delimitata, e piena di sabbia, dove i bimbi giocano con paletta e secchiello.

In senso astratto, in Wikiquote la sandbox è un'«area protetta» in cui si può operare liberamente per fare delle prove, senza timore di fare danni nell'antologia che stiamo costruendo anche con il vostro contributo.

Fate qui le vostre prove!
Potete modificare questa pagina partendo da qui.

Vi preghiamo però di non cancellare la prima riga. Quella lasciatecela per favore.

Considerate che il vostro testo potrebbe non rimanere a lungo nella pagina, che viene spesso sovrascritta da altri utenti e "ripulita" con una certa regolarità.

Se avete dei dubbi o avete dei quesiti da porre potete utilizzare la pagina delle FAQ o il Bar.

Se cercavate invece la pagina delle prove per i collegamenti con Wikidata, utilizzate la sandox dedicata.

Un castello di sabbia
DICONO DELLA PAGINA DELLE PROVE:

I sandboxer sono quelli che allenandosi nella sandbox, fanno a pugni coi propri errori. (Sempronio)

La sandbox può essere intesa come territorio di allenamento, come ginnastica pratica e intellettuale per potersi impadronire di una tecnica. (Tzara)


NOTO ANTICA: "EFIAN. Experimental Fruition Ingenious Ancient Noto”.[modifica]

Il progetto, finanziato dal Ministero dell'Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) all’interno del PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE “RICERCA E COMPETITIVITÀ” (PON R&C) 2007-2013, ha permesso di ricostruire virtualmente quattro aree dell’Antica Noto, quella eretta sul monte Alveria, che è andata rasa al suolo interamente dal terremoto dell’11 gennaio 1693. EFIAN ha visto coinvolti partner pubblici e partner privati, che hanno lavorato in sinergia e a stretto contatto per quasi due anni, tra momenti di ricerca storica e di rilievi sul campo, che poi si sono trasformati in momenti davanti alle più innovative e moderne tecnologie informatiche per ricostruire virtualmente l’antica Netum. Grazie alle nuove tecnologie informatiche e ai “Daydream View”, il Parco Archeologico di Noto Antica diventa oggi fruibile dai turisti, grazie anche a un percorso che li accoglie già in centro storico, presso il Museo Civico di via Vittorio Emanuele, corso principale della città di Noto barocca, dove nella stanza EFIAN del Museo, il visitatore, attraverso dei touch screen, potrà vedere alcune parti della Noto Antica ricostruita virtualmente e leggere tutta la storia della città di Netun; gli operatori di EFIAN accompagneranno poi i turisti e i visitatori verso il monte Alveria, tra i ruderi del sito archeologico abbandonato dopo il terremoto dell’11 gennaio 1693. Chiuso l’aspetto legato alla ricerca storico-architettonica e alla ricreazione e ricostruzione virtuale delle “fabbriche”, ed in particolare delle 4 aree prescelte - piazza Maggiore, Chiesa del Carmine, Cappella di San Michele e Chiesa dei Gesuiti – oggi è possibile visitare il sito archeologico avendo la possibilità di fare un salto nel passato di quasi trecento cinquanta anni, con l’utilizzo dei “Daydream View” di ultima generazione, per immergersi in una città bellissima e viva qual era Netun, oggi conosciuta come Noto Antica, un attimo prima del terremoto di allora. «È la prima volta dopo oltre quasi trecento cinquanta anni - ha esordito il sindaco di Noto Corrado Bonfanti - che possiamo parlare di Noto Antica guardando delle immagini e ricostruzioni al computer che ci permettono di avere anche un riferimento visuale. Sono molto contento che questo progetto sia nato durante la mia amministrazione e vogliamo costruire un polo museale interamente dedicato a Noto Antica perché credo realmente che non possa bastare una sola vita per conoscerla tutta». «Qualità e innovazione - ha detto il prof. Bruno Messina, presidente della Scuola di Architettura di Siracusa dell’Università di Catania - rappresentano aspetti importanti per la tutela dei beni culturali. Ma quello che è stato fatto per Noto Antica è andato ben oltre il semplice studio di quella che era prima del terremoto: ha aperto nuove frontiere per le verifiche preventive di ruderi, mettendoli in condizioni di poter fruire di ulteriori e più approfondite ricerche». «La scoperta più bella - ha aggiunto il prof. Marco Rosario Nobile, ordinario di Storia dell’Architettura dell’Università di Palermo- è stata quella di trovare una città viva. Può sembrare strano, ma prima del terremoto in quella Noto era una città in piena espansione, si buttavano giù i palazzi e si ricostruivano. Per esempio abbiamo scoperto che la chiesa Madre era in fase di ricostruzione». - Link e informazioni utili per conoscere meglio il sito archeologico: - U.R.P. del Comune di Noto +39 0931 896904 (Ufficio Relazioni con il Pubblico – P.zza Municipio) +39 0931 836462 (Museo Civico di Noto – C.so Vittorio Emanuele) relazionipubbliche@comune.noto.sr.it - https://www.facebook.com/EfianNotoAntica/?ref=ts&fref=ts ;

http://www.efian.eu/ ; - https://www.youtube.com/watch?v=0jdglOC5iEA ; - https://www.facebook.com/events/355392684803131/?fref=ts ; - https://it.pinterest.com/efiann/ ; - http://www.comune.noto.sr.it/ ; - PROGETTO "EFIAN. Experimental Fruition Ingenious Ancient Noto" - PAC. Avviso D.D.n. 436 del 13 marzo 2013, Codice identificativo PAC02L2_00147 - PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE “RICERCA E COMPETITIVITÀ’” (PON R&C) 2007-2013. BANDO START UP LINEA 2 CULTURA AD IMPATTO AUMENTATO.