Zane Grey

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Zane Grey con la moglie in Australia

Zane Grey (1872 – 1939), scrittore statunitense di libri western.

Sotto le stelle del west[modifica]

Incipit[modifica]

UN GENTILUOMO DEL RANGE
Quando Madeline Hammond scese dal treno a El Cajon, nel Nuovo Messico, era quasi mezzanotte; e la sua prima impressione fu di trovarsi in una deserta e tenebrosa immensità, pervasa da uno strano silenzio rotto soltanto dal soffiare di un vento freddo: il range, stendentesi all'infinito sotto una volta oscura punteggiata da grandi stelle bianche e scintillanti.
– Signorina, non c'è nessuno ad aspettarvi – le disse il ferroviere che annunciava il nome della stazione, con una certa inquietudine nella voce.
– Ho telegrafato a mio fratello – replicò Madeline, – Ma siccome il treno è tanto in ritardo, forse egli si sarà stancato di aspettare. Non dubito però che ritorni da un momento all'altro. Ad ogni modo, se anche non venisse, credo che potrò trovare un albergo, vi pare?

Citazioni[modifica]

  • I maggiori e migliori uomini sono quelli che, dopo essere caduti più profondamente degli altri nel fango, dopo avere peccato e sofferto più di tutti, hanno combattuto contro se stessi e hanno vinto. (p. 119)

Incipit di Betty Zane[modifica]

In un angolo tranquillo della piccola, ma dignitosa città di Wheeling, nella Virginia occidentale c'è un monumento la cui iscrizione dice:

LO STATO DELLA VIRGINIA OCCIDENTALE
POSE PER COMMEMORARE L'ASSEDIO DI FORT HENRY,
11 SETTEMBRE 1782, ULTIMA BATTAGLIA
DELLA RIVOLUZIONE AMERICANA

Senza l'eroismo di una ragazza, quella iscrizione non sarebbe mai stata dettata, e la città di Wheeling non sarebbe mai esistita.

Bibliografia[modifica]

  • Zane Grey, Betty Zane, traduzione di Piero Pieroni, Longanesi, 1975.
  • Zane Grey, Sotto le stelle del west, traduzione di Alfredo Pitta, Casa Editrice Sonzogno, Milano 1950.

Altri progetti[modifica]