Carl von Clausewitz

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Carl Von Clausewitz

Carl Phillip Gottlieb von Clausewitz (1780 – 1831), teorico militare e scrittore prussiano.

Della Guerra[modifica]

Incipit[modifica]

Ci proponiamo di esaminare dapprima i singoli elementi che costituiscono il nostro soggetto di studio, poi le singole parti del medesimo, infine il tutto nella sua intima connessione: procedendo, cioè, dal semplice al complesso.
È tuttavia necessario, in questo studio più che in qualunque altro, cominciare con un colpo d'occhio d'insieme, poiché la natura del soggetto esige in questo caso, più che in ogni altro, di tener conto contemporaneamente sia delle parti, sia del complesso.

Non daremo della guerra una grave definizione scientifica; ci atterremo alla sua forma elementare: il combattimento singolare, il duello.
La guerra non è che un duello su vasta scala. La moltitudine di duelli particolari di cui si compone, considerata nel suo insieme, può rappresentarsi con l'azione di due lottatori. Ciascuno di essi vuole, a mezzo della propria forza fisica, costringere l'avversario a piegarsi alla propria volontà; suo scopo immediato è di abbatterlo e, con ciò, rendergli impossibile ogni ulteriore resistenza.
[Karl von Clausewitz, Della guerra, traduzione di Ambrogio Bollati ed Emilio Canevari, Mondadori, 1970]

Citazioni[modifica]

  • La guerra è l'impiego illimitato della forza bruta.
  • La guerra non è altro che un duello su vasta scala.
  • La guerra non è che la continuazione della politica con altri mezzi.
  • La guerra è un atto di forza che ha lo scopo di costringere l'avversario a sottomettersi alla nostra volontà.
  • La politica è la culla dove si sviluppa la guerra.
  • La guerra non è mai un atto isolato.
  • La guerra non scoppia mai in modo del tutto improvviso, la sua propagazione non è l'opera di un istante.
  • Scopo dell'atto di guerra è disarmare l'avversario.

Pensieri sulla Guerra[modifica]

  • (Le teorie della guerra finora elaborate) rivolgono l'attenzione solo alle grandezze materiali, mentre tutta l'attività bellica è compenetrata di influenze e forze spirituali.
  • Guai alla teoria che si metta in opposizione allo Spirito!
  • Ci sono casi in cui il massimo ardimento è la massima saggezza.

Altri progetti[modifica]