Fargo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Fargo

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Fargo
Lingua originale inglese
Paese Usa
Anno 1996
Genere commedia nera, poliziesco
Regia Joel Coen
Soggetto Joel Coen, Ethan Coen
Sceneggiatura Joel Coen, Ethan Coen
Produttore Joel ed Ethan Coen
Attori
Doppiatori italiani
Note
  • Vincitore di 2 premi Oscar (1997):
  • Festival di Cannes 1996: premio per la miglior regia
  • British Academy of Film and Television Arts 1997: miglior regista
  • 6 Independent Spirit Awards 1997: miglior film, miglior attore protagonista (William H. Macy), miglior attrice protagonista (Frances McDormand), miglior regista, miglior fotografia, miglior sceneggiatura
  • 2 National Board of Review Awards 1996: miglior regista, miglior attrice (Frances McDormand)
  • 3 Satellite Award 1997: miglior regista, miglior film drammatico, miglior attrice drammatica (Frances McDormand)

Fargo, film statunitense del 1996 con William H. Macy, Frances McDormand, Steve Buscemi e Peter Stormare, regia di Joel Coen; scritto dai fratelli Joel ed Ethan Coen.


Tagline
E tutto per cosa?! Per quattro biglietti di banca...

Frasi[modifica]

  • QUELLA CHE VEDRETE È UNA STORIA VERA. I fatti esposti nel film sono accaduti nel 1987 nel Minnesota. Su richiesta dei superstiti, sono stati usati dei nomi fittizi. Per rispettare le vittime tutto il resto è stato fedelmente riportato.
THIS IS A TRUE STORY. The events depicted in this film took place in Minnesota in 1987. At the request of the survivors, the names have been changed. Out of respect for the dead, the rest has been told exactly as it occurred. (testo di apertura)
  • "Lou, la sai quella di quel tale che non potendosi permettere una targa personalizzata ha chiesto di cambiare il auo nome in J3L2404?" (Marge Gunderson)
  • "No". È la prima parola che hai detto da 4 ore in qua. È un.... è un torrente di parole in piena! Un vulcano in eruzione! Porca puttana, sta un po' zitto, eh! (Carl Showalter)
  • Ti senti una specie di autorità lì dentro, eh? Con quella uniforme del cazzo. Il re dei parcheggi, ma chi cazzo sei? Stronzo. Ecco i limiti della tua vita, la tua piccola sbarra del cazzo. Eccoti i 4 dollari, patetico pezzo di merda. (Carl Showalter)
  • Così era la signora Lundegaard quella distesa per terra... E quello che stavi triturando era il tuo complice... E quei tre poveretti uccisi a Brainerd! E tutto per cosa?! Per quattro biglietti di banca... C'è altro nella vita che quattro biglietti di banca... Non c'ha mai pensato?! (Marge Gunderson)

Citazioni su Fargo[modifica]

  • Straordinaria tragicommedia dove le più svariate e raffinate componenti intellettuali si innestano su una trama di genere, Fargo gioca a opporre la normalità del bene alla normalità del male: l'una e l'altra sono rappresentate con ineffabile ironia in situazioni e dialoghi essenziali. I personaggi appaiono immersi nel torpore della vita provinciale, sia quelli che hanno trascurato di mettere l'orologio all'ora attuale, sia quelli che si illudono di incrementare il proprio destino con spunti di cinismo o atti di violenza. Tutti guardano la Tv: ladri, guardie e gente comune. E Marge, in particolare, è una donna comune di tipo non comune: la prova vivente che nella confusione odierna l'attaccamento tranquillo ai propri compiti (il marito, la famiglia che cresce, il dovere del servizio) rappresenta l'unica alternativa. [...] Vorrei concludere, profetizzando: è un film che resterà. (Tullio Kezich)
  • Tutto è bello nel film molto riuscito: il rapimento confuso e poi l'abbandono della rapita, buttata sul pavimento come un cane schiacciato sull'autostrada; le esplosioni di violenza, il gangster ferito che cerca di tamponare il sangue con la carta igienica, le uccisioni a colpi di pala in testa, l'avarizia del ricco, le facce dei vinti, lo sguardo affettuoso e spietato dei Coen sulla gente normale. (Lietta Tornabuoni)
  • Una delle mie sequenze preferite è quella dove il killer teledipendente (Peter Stormare), assorto con il suo sguardo vuoto in una soap opera, viene interrotto dalla furia isterica del socio (Steve Buscemi) che si è beccato una pallottola in faccia; per non sentire quei fastidiosi piagnistei, Stormare – con tutta la sua freddezza – prende una scure e lo fa a pezzi. Una black comedy pazzesca! (Courteney Cox)

Altri progetti[modifica]