Proverbi catanzaresi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Indice
0-9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z ?

Proverbi[modifica]

A[modifica]

  • A frevaru 'i notti ccu i jorni vannu pari.
A febbraio le ore di luce e quelle serali sono di ugual lunghezza.
  • A li Morti a niva a li porti, a li Santi a niva a li canti.
Il giorno dei defunti l'inverno è alle porte, il giorno dei santi è gia arrivato.
  • A lu medicu e 'u cumpessura s'ava 'e dira 'a verità.
Al medico e al confessore si deve dire la verità.
  • Armi, caddi e mugghieri non si'mpresentanu volentieri.
Armi, cavalli e mogli non si prestano.
  • A tuttu cc'è riparu, nno a la morta.
A tutto c'è riparo, no alla morte.

B[modifica]

C[modifica]

  • Carceru, malatia e necessità scumbugghianu 'u cora e l'amici.
Il carcere, la malattia e la necessità sconvolgono il cuore e gli amici.
  • Cu campa e speranza disperatu mora.
Chi vive di speranza muore disperato.
  • Cu cusa e scusa non perda tempu mai.
Chi lavora e disfa quello che ha fatto non perde mai tempo.
  • Cu è a mara naviga, cu è 'nterra giudica.
Chi è a mare naviga, chi è sulla terra ferma guidica.
  • Cu sta bbonu e non è 'mprigiunatu si ssi lagna 'on ava ragiuna.
Chi sta bene (di salute)e non è carcerato non ha ragione di lamentarsi.
  • Cu ti vò bena ti fa ciangira, cu ti vò mala ti fa ridira.
Chi ti vuole bene ti fa piangere, chi ti vuole male ti fa ridere.
  • Cu vo nu maritu bbonu fa 'a novina a sant'Antoniu.
Chi vuole un buon marito fa la novena a sant'Antonio.
  • Ccu 'u gaddru e senza gaddru Diu fa jornu.
Con il gallo o senza il gallo Dio fa giorno.

D[modifica]

  • Dassamu fara a Ddiu cch'è santu vecchiu.
Affidiamoci alla saggezza di Dio.
  • De' toi fujia cchiù cchi poi.
Dai toui (famigliari) scappa piu che puoi.
  • Diu ma ti libera d'o 'u malu vicinu e d'o 'u principianta e violinu.
Dio ma ti libera dal cattivo vicino e dal principiante di violino.
  • Duva trasa 'u sula 'on trasa 'u medicu.
Dove entra il sole non entra il medico.

"Dissa u suriciu ala nucia, dammi tempo ca ti perciu!"

"Disse il topo alla noce, dammi tempo che ti apro!"

E[modifica]

  • 'E dolura 'on si mora.
Per il dolore non si muore.

F[modifica]

  • Fighiu e gattu, surici pijia.
Il figlio del gatto prende il topo.
Tale padre tale figlio.

G[modifica]

  • Gabbu cogghia, jestima no.
L'invidia colpisce, il malocchio no.

H[modifica]

I[modifica]

  • I lignati fannu abati.
Le legnate, le batoste fanno abati.
  • I ciucci si 'mbriganu e i varili si sgascianu.
Gli asini litigano e le botti si rompono.

L[modifica]

  • A morta: a cu conza e a cu sconza.
La morte: a chi aggiusta e a chi disfa.
  • L'acqua 'e giugnu ruvina 'u mundu.
L'acqua di giugno rovina il mondo.
  • L'amuri 'e luntanu è comu l'acqua nto panaru.
Gli amori lontani, sono come l'acqua nel cesto del pane.
  • L'erba cchi non voi ti nescia all'ortu.
L'erba che non vuoi cresce nel tuo orto.
  • L'acqua guglia e u porcu è alla muntagna.
L'acqua bolle e il porco è stato portato in montagna (è tardi).

M[modifica]

  • Megghiu arrostu ca fumu.
Meglio arrosto che fumo.

N[modifica]

O[modifica]

  • Ottobra cocia l'ovu.
A ottobre fa caldo.

P[modifica]

Q[modifica]

  • Quandu canta 'u cucù 'u vernu non c'è cchiù.
Quando cantano gli uccellini l'inverno non c'è piu.
  • Quandu canta la cicala, addunati ala ficara.
Quando canta la cicala, i fichi sono maturi.
  • Quandu è destinatu 'e Ddiu, mori allu scuru puru ma si figghiu e mastru candilaru.
Quando è destinato, è deciso da Dio, muori al buio anche se sei figlio di un artigiano che fa candele.
  • Quantu amici perdi, tanti scalini scindi.
Quanti amici perdi, tanti scalini scendi.

R[modifica]

S[modifica]

T[modifica]

U[modifica]

  • U cunzigghiu cchi non si paga non si pigghia.
Il consiglio che non si paga non si prende.
  • U mundu è cchinu 'e 'mbrogghi nu si ti liga, nu si ti sciunda.
Il mondo è pieno di imbrogli un si ti lega, un si ti scioglie.
  • U pignataru minta 'u manicu duva vò.
Chi fa le pentole mette il manico dove vuole.

V[modifica]

Z[modifica]