Élisabeth Gille

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Élisabeth Gille, pseudonimo di Élisabeth Epstein (1937 — 1996), traduttrice e scrittrice francese.

Incipit di Mirador. Irène Némirovsky, mia madre[modifica]

Ho sempre trovato violento l'odore dei tigli, che invece è delicato nei libri e dà alla testa nella dolcezza delle sere di tarda estate. Un odore inebriante fino alla nausea, quello delle piazze di paese in cui i giovani girano in tondo la sera sotto gli occhi assopiti dei vecchi seduti sulle loro panchine, con le mani intrecciate attorno al bastone. Un odore quieto di provincia inebetita dal caldo afoso del giorno. La passeggiata di Charleville a notte fatta o i giardini di Turgenev quando vi camminano giovani donne gracili a braccetto con amanti del secolo scorso. Un odore che, per quanto mi riguarda, mi ha sempre causato l'emicrania e fatto battere il cuore in modo incontrollabile.

Bibliografia[modifica]

  • Élisabeth Gille, Mirador. Irène Némirovsky, mia madre, traduzione di Maurizio Ferrara e Gennaro Lauro, Fazi Editore, 2011. ISBN 9788864112015

Altri progetti[modifica]