Abiatar

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Abiatar, o Ebiatar, personaggio biblico, sommo sacerdote.

Citazioni su Abiatar[modifica]

Antico Testamento[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Saul passò a fil di spada Nob, la città dei sacerdoti: uomini e donne, fanciulli e lattanti; anche buoi, asini e pecore passò a fil di spada. Scampò un figlio di Achimelech, figlio di Achitub, che si chiamava Ebiatar, il quale fuggì presso Davide. Ebiatar narrò a Davide che Saul aveva trucidato i sacerdoti del Signore. Davide rispose ad Ebiatar: "Quel giorno sapevo, data la presenza di Doeg l'Idumeo, che avrebbe riferito tutto a Saul. Io devo rispondere di tutte le vite della casa di tuo padre. Rimani con me e non temere: chiunque vorrà la tua vita, vorrà la mia, perché tu starai presso di me come un deposito da custodire". (Libri di Samuele)
  • Quando Ebiatar figlio di Achimelech si era rifugiato presso Davide, l'efod era nelle sue mani e con quello era sceso a Keila. [...] Quando Davide seppe che Saul veniva contro di lui macchinando disegni iniqui, disse al sacerdote Ebiatar: "Porta qui l'efod". (Libri di Samuele)
  • Al sacerdote Ebiatàr il re [Salomone] ordinò: "Vattene in Anatòt, nella tua campagna. Meriteresti la morte, ma oggi non ti faccio morire perché tu hai portato l'arca del Signore davanti a Davide mio padre e perché hai partecipato a tutte le traversie di mio padre". Così Salomone escluse Ebiatàr dal sacerdozio del Signore, adempiendo la parola che il Signore aveva pronunziata in Silo riguardo alla casa di Eli. (Libri dei Re)

Altri progetti[modifica]