Agostino Scilla

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014, le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD
Affreschi di Agostino Scilla (1657) nella Cappella del Sacramento del Duomo di Siracusa

Agostino Scilla (1629 – 1700), pittore, scienziato e numismatico italiano.

Incipit di La vana speculazione disingannata dal senso[modifica]

AL MOLT'ILL. ET ECCELENTISS.
mio Sign. e Padrone Osservandiss.
IL SIGNOR DOTTOR N. N.

Molt'Ill. et Eccelentiss. Signore

confesso ingenuamente non saper discernere se l'affetto del Sig. D. Paolo Boccone m'abbia questa volta favorito con acquistarmi un Padrone di sommo merito, o pure danneggiato col costituirmi sotto l'occhio di V. S. convinto d'inevitabile ignoranza. Io non lo so, replico a dire, perché il vantaggio di sperarne il beneficio di ottimi insegnamenti non è tanto sicuro, essendone io incapace e mal'atto; ma il danno di aver'a palesare la mia ottusità e (quel ch'è peggio) l'avere a scoprirmi presuntuoso, è certissimo.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]