Vai al contenuto

Ahmed Yassin

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Shaykh Aḥmad Ismāʿīl Yāsīn, noto come Yassin (1937 – 2004), politico palestinese.

Citazioni di Ahmed Yassin[modifica]

  • Per ragioni religiose noi vorremmo astenerci dal colpire civili. Ma gli israeliani attaccano i nostri civili, distruggono le nostre case, ci prendono le terre, espellono la nostra gente, uccidono donne, bambini, detenuti. [...] Se essi risparmieranno i nostri civili, noi risparmieremo i loro.[1]
  • Israele deve sparire dalla carta geografica. [...] Come Stato ebraico, non ha diritto di esistere.[2]
  • Se qualcuno ti ha rubato un milione di dollari, saresti soddisfatto che i ladri ti restituissero cento dollari? Questa è la soluzione di Arafat, e quello che noi invece chiediamo è che tutto quanto, assolutamente tutto, ci venga restituito.[2]

«Non ci sono innocenti»

Intervista al Tg3, La Stampa, 4 giugno 2001

  • Abbiamo fatto da tempo la nostra scelta. La strategia è chiara e noi ci atteniamo ad essa. L'autorità palestinese ha spesso negoziato con gli israeliani, noi invece abbiamo scelto di combattere contro l'occupazione del nemico.
  • Come me, ci sono 5 milioni di palestinesi in esilio da mezzo secolo senza patria. Io non lo posso mai dimenticare e continuerò a combattere contro chiunque abbia occupato la mia terra.
  • Nessun israeliano è innocente, innocente è solo colui che non ha colpe. Come fanno gli israeliani a dire che sono innocenti quando dal mondo intero continuano a far venire parenti e amici ad usurpare la nostra terra?
  • Guardi che io non ce l'ho con gli ebrei in quanto ebrei, li combatto perché vogliono costruire un loro Stato sulla mia terra.
  • Siamo nel giusto e chi è nel giusto è il più forte.

Il capo di Hamas rompe il silenzio: non ci sarà tregua

L'Unità, 25 settembre 2003

  • Con il discorso pronunciato all'Assemblea generale delle Nazioni Unite, per i toni utilizzati oltre che per il suo contenuto, Bush ha dichiarato guerra all'Islam con il pretesto del terrorismo. Ma i crociati americani saranno sconfitti in Afghanistan, in Iraq, in Palestina e in tutto l'Islam. Non ci arrenderemo, non alzeremo bandiera bianca e continueremo a combattere fino alla vittoria o al martirio.
  • È inconcepibile parlare di tregua quando il nemico sionista porta avanti una guerra di annientamento contro il popolo palestinese e le sue avanguardie. La tregua non può partire da un popolo vittima di ingiustizia, repressione e assassinii.
  • Non si può chiedere alla vittima ciò che si deve pretendere dal carnefice.
  • Il nostro obiettivo non è entrare al governo ma liberare la Palestina dall'occupazione sionista.

Voci correlate[modifica]

Note[modifica]

  1. Citato in Lo sceicco tratta con i rabbini, La Stampa, 8 ottobre 1997.
  2. a b Citato in La mente di Hamas, La Stampa, 20 ottobre 1997.

Altri progetti[modifica]