Alan D. Altieri

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Sergio Altieri, in arte Alan D. Altieri (1952 – 2017), scrittore, traduttore e sceneggiatore italiano.

Incipit di alcune opere[modifica]

Magdeburg – L'eretico[modifica]

Emerse dalle tenebre.
Memento e incubo.
Un uomo in un mantello colore delle ombre, su un cavallo da guerra colore dell'acciaio. Un viandante. Nient'altro che un viandante in nero.
Avanzò lungo la strada flagellata dalla pioggia del Giorno dei Morti. Superò i relitti di case sventrate, invase da erbacce sibilanti nel vento. L'aria era opaca, miasmatica. Vapori lividi si levavano dal lastrico di pietre, disperdendosi contro nubi simili ad antracite liquefatta. Nessuna luce arrivava sulla terra. Forse la luce aveva semplicemente cessato di esistere.

Magdeburg – La furia[modifica]

Emerse dal vento.
Enigma ed eresia.
Un uomo in un mantello colore della notte, su un cavallo da guerra colore del granito. Un viandante. Nient'altro che un viandante in nero.
Condusse il destriero a scalare il contrafforte investito dalla tempesta di ghiaccio. Sassi congelati franarono sotto gli zoccoli. Rotolarono oltre l'orlo del baratro. Vennero inghiottiti da un vuoto livido, indefinito. Il viandante in nero ignorò il baratro. Continuò a salire nel vento.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]