Alan E. Nourse

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Alan Edward Nourse (1928 – 1992), scrittore statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

Il pianeta grigio[modifica]

«AD ASTRA»: erano le prime parole incise sulla targa di bronzo.
La pesante piastra di metallo splendeva nel sole del pomeriggio, lucida e nuova. Grandi bulloni di ottone la fissavano sul basamento della rampa di lancio, una enorme lastra di granito grigio, tagliata in un unico pezzo dalla viva roccia delle montagne che si ergevano presso la base spaziale. Puntata verso l'alto, l'astronave sembrava un ago d'argento, elegante ed equilibrato, impaziente di superare i confini terrestri e proseguire verso le stelle.

Mia moglie è una strega[modifica]

Giunse a casa a sera inoltrata, sotto una pioggia torrenziale, e trovò Kathy rannicchiata nell'angolo più remoto del salotto, con molte candele accese di fronte a sé sul pavimento, disposte a semicerchio attorno a una zuppiera. Stava canticchiando qualcosa d'inintelligibile, rivolta a una cascatella d'acqua che si riversava da una macchia sul soffitto. Attraversò la stanza e la fissò. — Ma che diavolo stai facendo? — le chiese.
Kathy alzò verso di lui uno sguardo truce. — Sto cercando di arrestare l'acqua che cola dal soffitto, ecco quello che sto facendo. E ci stavo riuscendo, anche, finché non sei arrivato tu.

Bibliografia[modifica]

  • Alan E. Nourse, Il pianeta grigio, traduzione di Ursula Dluzewski Ceruti, Editrice Le Stelle, 1980.
  • Alan E. Nourse, Mia moglie è una strega, traduzione di Lydia Di Marco, Mondadori, 1991.

Altri progetti[modifica]