Alberto Farassino

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Alberto Farassino (1944 – 2003), critico cinematografico e saggista italiano.

Citazioni di Alberto Farassino[modifica]

  • [Sui filmati di cinema medico scientifico di Roberto Omegna] Avvicinarsi troppo a una persona vuol dire restarne catturati, il medico e il cineasta, identificati nello stesso individuo, si specchiano letteralmente nel volto del malato e dell'attore.[1]
  • Il cinema è il medium della continua ritestualizzazione [...]. Se è ovvio e giusto rifiutare le copie gravemente lacunose è tuttavia antistorico -in un'arte che prevede costitutivamente la replica e la riproducibilità- considerare "corruzioni", con una connotazione pesantemente negativa, quelle che sono le normali modalità di esistenza e di circolazione di un film.[2]
  • Pentimento non è un film russo, è un film georgiano [...]. Proviene cioè dal paese che non solo ha fatto nascere alcuni dei migliori cineasti sovietici contemporanei (Paradjanov, Ioseliani, gli Shenghelaja) ma che ha una produzione media vivacissima, film di terra e di villaggio, commedie di bevute e risate. I georgiani sono i napoletani dell'Urss, il grottesco è il loro mestiere e da loro si accettano esagerazioni e enfasi che in altri suonano insopportabili. Perchè sanno sempre trasformare un'idea in una gag.[3]

Note[modifica]

  1. Da Frammenti neuropatologici, Immagine. Note di storia del cinema, II, 5, marzo-giugno 1983, p. 4.
  2. Citato da Simone Venturini in AA.VV., Il restauro cinematografico. Principi, teorie, metodi, Campanotto, 2006, p. 26. ISBN 9788845608049
  3. Citato in Le luci dei maestri dimenticati - Capolavori del cinema georgiano, Retecivica.milano.it, 2000

Altri progetti[modifica]