Alfred Bester

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Alfred Bester (1913 – 1987), scrittore statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

Golem100[modifica]

Erano otto, e s'incontravano ogni settimana nell'alveare per riscaldarsi fisicamente e spiritualmente. Erano delle incantevoli signore api, simpatiche e di buon carattere, nonostante che tutte avessero — o forse proprio perché avevano — posizione e sicurezza. (Le classi meno privilegiate le definivano "sporche riccone".)
Non erano tutte uguali come le api del tipo insettoide, che sono fatte con lo stampino. Erano vere signore, una diversa dall'altra, e appartenevano al corrente tipo umano, benché vivessero nel nostro lontano futuro. (Ma, in fin dei conti, i nostri discendenti non potranno essere tanto diversi da noi.) Ciascuna di loro aveva i suoi capricci e le sue eccentricità, che come sempre costituivano la vera radice del suo fascino.

L'uomo disintegrato[modifica]

Nel gennaio del 2013 sulla coppia solare n. 3 (perché l'Occhio Cosmico vede la Terra e la Luna come un sistema binario), Edward Turnbul, studente del Coates Teachers College, decise di approfondire, quale argomento della sua tesi di laurea, l'enigma dell'isteresi magnetica. Le variazioni di Reamur sulle equazioni post-mortem di Einstein avevano messo in luce un paradosso che nessuno si era preoccupato di analizzare. Le ricerche in campo atomico l'avevano trascurato; e a che servono i vicoli ciechi della scienza se non a offrire un'innocua occupazione agli studenti universitari? Turnbul studiò generalmente il tratto originale, diede un'occhiata a un paio di pubblicazioni minori sull'argomento e poi si divertì a fare lo sperimentatore.

Bibliografia[modifica]

  • Alfred Bester, Golem100, traduzione di Riccardo Valla, Mondadori, 1986.
  • Alfred Bester, L'uomo disintegrato, traduzione di Marisa Salmi, Mondadori, 1980.

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]