Alfred Brophy

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Alfred L. Brophy (? – vivente), accademico e avvocato statunitense.

  • [Sulla questione della rimozione dei monumenti confederati] Non dovremmo permettere al nostro paese di dimenticare che in passato le persone che detenevano il potere celebravano la Confederazione e il supporto dato alla schiavitù.[...] Penso che le argomentazioni sul fatto che la rimozione faciliti l'oblio siano valide. [...] Una volta che gli spazi pubblici vengono spogliati delle statue della Confederazione, è difficile ricordare che una volta ricoprivano l'intero territorio. Sono desolati resti di quei tempi duri. [...] [Ma] quando un monumento funge da luogo di raduno, suppongo si debba rimuovere.
We should not allow our country to forget that there was once a time when the people in power celebrated the Confederacy and its support of slavery. [...] I think there's a ton of validity to the argument that removal of statues facilitates forgetting. [...] Once the public space is cleared of Confederate statues, it's easy to forget that Confederate statues once blanketed the countryside. They serve as stark reminders of the bad old days. [...] When a monument serves as a contemporary rallying point, then we need to remove them, I suspect.[1]

Note[modifica]

  1. (EN) Citato in Sarah Wildman, Why you see swastikas in America but not Germany, Vox.com, 16 agosto 2017.

Altri progetti[modifica]