Alice Sebold

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Alice Sebold fotografata da David Shankbone a New York nel 2007

Alice Sebold (1963 – vivente), scrittrice statunitense.

Amabili resti[modifica]

Incipit[modifica]

Sempre, Glen

Dentro la palla di neve sulla scrivania di mio padre c'era un pinguino con una sciarpa a righe bianche e rosse. Quando ero piccola papà mi metteva seduta sulle sue ginocchia e prendeva in mano la palla di neve. La capovolgeva perché la neve si raccogliesse tutta in cima, poi con un colpo secco la ribaltava. E insieme guardavamo la neve che fioccava leggera intorno al pinguino. Il pinguino è tutto solo, pensavo, e mi angustiavo per lui.
Lo dicevo a papà e lui rispondeva: «Non ti preoccupare, Susie, sta da re. È prigioniero di un mondo perfetto».

Citazioni[modifica]

  • Lui era stato il mio "quasi", il mio "poteva essere".
  • Mentre non c'eri, mi sono innamorato di te un'altra volta.
  • Mio padre non voleva rispondere <perché la vita è ingiusta> oppure <perché le cose vanno così>, ci voleva qualcosa di semplice, qualcosa che potesse spiegare la morte a un bambino di quattro anni. <Susie è morta> disse, incapace di farlo rientrare nelle regole di un gioco. <Lo sai cosa vuol dire?>. Buckley allungò la mano e coprì la candelina con la mano. Poi guardò mio padre per vedere se era la risposta giusta. Mio padre annuì. <Tesoro, non vedrai più Susie. Nessuno di noi la vedrà più.> Papà si mise a piangere. Buckley lo guardò negli occhi, ma non capì del tutto. Tenne la candelina sul suo cassettone finché un giorno sparì e nessuno la trovo più nonostante le innumerevoli ricerche. (p. 80)

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]