Almerico Meomartini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014, le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD

Almerico Meomartini (1850 – 1923), architetto, archeologo, scrittore e politico italiano.

Benevento[modifica]

Incipit[modifica]

Alcune vetuste città e gloriose contrade, travolte nell'oblivione per l'ingiurie del tempo e degli uomini, ritornano oggi ad acquistare l'antica importanza. Questo miracolo lo vanno operando le ferrovie, giacché esse si svolgono generalmente per quei luoghi che le grandi vie dell'impero romano solcarono. E Benevento, la famosa città sannita, la fedele alleata di Roma, la capitale dei gloriosi ducato e principato logobardi, è tra quelle.

Citazioni[modifica]

  • Ma Benevento ha sempre nuovi orizzonti ad ogni curva di strada campestre; per cui le passeggiate sono amenissime, massimamente nell'ora dei tramonti, spesso incantevoli. La nebbia di qualche mattino fa triste impressione al forestiero sollecito di tornare alla ferrovia; ma, se egli attendesse le ore prossime al meriggio, sarebbe confortato, d'inverno, quando altrove è vano sperarlo, da uno splendore di luce vividissima. (p. 45)
  • Spingendosi di là dal ponte, sulla sponda sinistra, si segue, alla mezzacosta del colle S. Felice o S. Pietro da Fuori, il cammino dell'Appia; e lungh'esso vedonsi avanzi di costruzioni romane, miste alle moderne. [...] Questa parte della campagna beneventana è splendida nell'ora presso i tramonti, quando il sole discende dietro le montagne che da occidente fan corona alla valle, e spande in raggi innumeri i suoi riflessi d'oro. L'astro maggiore torna sempre a riscaldare dei suoi raggi qesta contrada, ma la città che v'è sepolta non si ridesta né si ridesterà mai più. (p. 75-76)

Bibliografia[modifica]

  • Almerico Meomartini, Benevento, Istituto Italiano d'Arti Grafiche, Bergamo, 1909.

Altri progetti[modifica]