Ana Luisa Valdés

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Ana Luisa Valdés (1953 – vivente), scrittrice e antropologa sociale uruguaiana.

Citazioni di Ana Luisa Valdés[modifica]

  • Era nata in una città malinconica, dove il cielo cambiava colore cento volte, dove le voci avevano un suono gentile ma freddo, dove i sorrisi erano leggermente forzati, dove l'aria era sottile e tagliente come un bisturi. La musica della sua città natale erano le melodie sofferte e aspre di Satie, un porto abbandonato dove scheletri di navi sognavano altri tempi e altre rotte, una donna che corre e ha perso una scarpa, un coro che canta in una chiesa vuota. Allegro, molle, piano, pianissimo. Nella sinfonia di Montevideo non esistevano né staccato né fortissimo.[1]

Note[modifica]

  1. Da Il nuovo mondo; in AA. VV., Il giardino degli alfabeti. Racconti dall'Europa, traduzione per Ana Luisa Valdés di Katia De Marco, Bompiani, 1994, p. 189. ISBN 88-452-2418-X

Altri progetti[modifica]