Anatolij Vasil'evič Lunačarskij

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Anatolij Lunačarskij nel 1925

Anatolij Vasil'evič Lunačarskij (1875 – 1933), politico, scrittore e rivoluzionario sovietico.

Citazioni di Anatolij Vasil'evič Lunačarskij[modifica]

  • Quando ci venne l'idea – e noi fummo già collaboratori della rivista «Vperëd» – di costituire la scuola di partito per gli operai e farla all'isola di Capri, dietro consiglio del nostro ottimo compagno Vilonov... tale idea poteva sembrare o una trovata romantica o una strana combinazione casuale. Infatti, quando gli operai dalle diverse attà dell'ex-impero russo giunsero sull'isola, rimasero sommamente sorpresi e tutto, intorno, gli sembrò una fiaba. Uno di loro – un operaio di Sormov – sbalordito guardava, senza parola, il mare più azzurro che il turchinetto nella tinozza, gli scogli infocati dal sole e simili a immense macchie gialle, le spine pungenti dei cactus, i ventagli delle palme, ed infine disse: «Ci hanno fatto viaggiare per migliaia di verste per portarci su un sassolino». [1]

Citazioni su Anatolij Vasil'evič Lunačarskij[modifica]

  • Anatolij Vasil'evič Lunačarskij, spirito brillante, perfetta inclinazione dell'élite intellettuale russa. Filosofo di formazione, poliglotta, di rimarchevole erudizione in vari ambiti, era entrato molto presto in contatto con il movimento marxista. [...]. Ma più che un politico, Lunačarskij era un intellettuale di grande talento, anche se debole di carattere e molto instabile. (Hélène Carrère d'Encausse)
  • Con interesse e con simpatia – e con indulgenza da parte degli elementi più formati – veniva ascoltato Lunaciarsky, oratore esperto che sapeva esporre convenientemente un avvenimento e una generalizzazione, che sapeva essere patetico e scherzoso, ma non pretendeva di guidare nessuno: egli stesso aveva bisogno di essere guidato. Via via che si avvicinava l'insurrezione, Lunaciarsky diveniva rapidamente più sbiadito. (Lev Trockij)
  • In Religione e socialismo, Anatolij Lunacarskij, il bolscevico «cercatore di Dio», aveva definito il messianesimo marxista «una religione della specie» che facendo leva sulla categoria della necessità dialettica in un mondo disertato dalla divinità eliminava dall'orizzonte dell'avventura umana l'incertezza e la possibilità dello scacco. (Luigi Fenizi)
  • Lunaciarsky, sempre pronto a lasciarsi influenzare dall'ambiente, capace di imporsi con il suo aspetto e con la sua voce, oratore eloquente, non molto sicuro, ma spesso insostituibile. (Lev Trockij)

Note[modifica]

Altri progetti[modifica]