Andrea D'Angelo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Andrea D'Angelo (1972 —vivente), scrittore italiano.

Incipit di La Rocca dei Silenzi[modifica]

Salirono l'ennesimo tratto impervio della via montana. A destra la parete rocciosa s'innalzava, scoscesa; la pietra scura era punteggiata da pini mughi e da qualche raro ciuffo d'erba. Sull'altro lato, lo strapiombo sembrava chiamarli dalle sue profondità brumose. Era un invito suadente, subdolo. Accettare sarebbe stato come liberarsi da una maledizione.
L'aria era fredda. Una nebbia rada velava i monti e a tratti li avvolgeva, attorcigliandosi ai loro corpi massicci. Là, da qualche parte tra quelle evanescenti spire, si nascondeva Ammothàd, la Rocca dei Silenzi.
E con essa, mostruoso, il suo segreto.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]