Andrej Rublëv (film)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Andrej Rublëv

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Андрей Рублёв (Andrej Rublëv)

Lingua originale russo, tataro e italiano
Paese Unione Sovietica
Anno 1966
Genere epico, drammatico, biografico, storico
Regia Andrej Tarkovskij
Sceneggiatura Andrej Končalovskij, Andrej Tarkovskij
Interpreti e personaggi

Andrej Rublëv, film del 1966, regia di Andrej Tarkovskij.

Citazioni[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

Prologo
  • Sto volando! (Yefim )
Teofane il Greco, 1405
  • [...] dipinge con sensibilità ed intelligenza, glielo riconosco. Però gli manca qualche cosa che nell'artista non deve mancare: il timor di Dio e la fede. Cose che scaturiscono dal profondo dell'anima. [...] Semplicità , non presunzione. (Kirill)
  • Non posso passare giorni e giorni a dipingere la stessa tavola. Una volta ci ho messo una settimana ed era proprio orribile! [...] me ne sono servito per molto tempo per schiacciare le noci. (Teofane)
  • Io non me la sento di partire, Daniil. Dopo tanti anni insieme nella stessa cella, all'infuori di te io non ho nessuno. Io guardo il mondo attraverso i tuoi occhi e sento con le tue orecchie, con il tuo cuore. (Andrej) [a Daniil]
Il giudizio universale, 1408
  • Daniil: È già tutto stabilito: i peccatori tutti sul lato destro, immersi nella pece bollente [...] e il diavolo a sinistra con le fiamme e il fumo che gli escono dal naso.
    Andrej: Sì, ma io non mi sento di dipingere.
    Daniil: E perché?
    Andrej: Non lo so. Non so cosa me lo impdisce, ma non posso! Io non potrò mai dipingere delle cose così orribili. Non capisci? Io non voglio terrorizzare la gente. Comprendimi, Daniil.
    Daniil: Il giudizio universale serve proprio a terrorizzarci. È fatto a questo scopo.

Altri progetti[modifica]