Angelo Cecchelin

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Angelo Cecchelin (1894 – 1964), attore comico dialettale triestino.

Senza fonte[modifica]

  • El pare xe morto lassando tuto al'Istituto... E cossa el ga lassà? 8 fioi!
Il padre è morto lasciando tutto all'Istituto... E cosa gli ha lasciato? Otto figli!
  • In stazion tuti pianzi perché ghe xe un binario morto.
In stazione tutti piangono perché c'è un binario morto.
  • Carletto, nomina un corpo trasparente. El buso dela seradura, sior maestro.
Carletto, dimmi un corpo trasparente. Il buco della serratura, signor maestro.
  • Beati quei che ga sede de giustizia, perché i sarà giustiziai.
Beati gli assetati di giustizia, perché saranno giustiziati.
  • Le donne xe come le vipere, bisogna saverle ciapar.
Le donne sono come le vipere, bisogna saperle prendere.
  • In tribunale, il giudice all'imputato.
Giudice: Ancora voi!? Ma non vi vergognate!? Venti anni che lavoro qui e venti anni che vi vedo sempre.
Imputato: Non gavarò miga colpa mi, se Ela non ga fatto carriera.
Non sarà mica colpa mia se Lei non ha fatto carriera.

Altri progetti[modifica]