Ann C. Crispin

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Ann Carol Crispin (1950 – vivente), scrittrice statunitense.

Incipit di Alien. La clonazione[modifica]

Ma quello è un alieno!
Vincent Distephano sobbalzò senza volerlo quando se ne rese conto. Come diavolo ha fatto a scendere fin qui a poppa, nella cabina di comando? Si costrinse a star fermo mentre esaminava sorpreso le fattezze grottesche della creatura.
Gli occhi dell'alieno apparivano enormi, del tutto sproporzionati rispetto al resto della testa allungata e deforme. Le sottili iridi a forma di ellissi sembravano incurvarsi attorno agli occhi, e ciò lo rendeva ancor meno umano, ancor meno terrestre. Sbatté le palpebre trasparenti con tale rapidità che Vinnie non avrebbe potuto dire se il movimento fosse cominciato dall'alto, dal basso o addirittura dai lati. In realtà, quando non si muovevano, le palpebre non erano affatto visibili. Le sbatté di nuovo, rapidamente, due, tre volte, poi voltò la testa.
Era consapevole della sua presenza?
Oh, merda!

Bibliografia[modifica]

  • Ann Carol Crispin, Alien. La clonazione, traduzione di Sergio Mancini, RCS Libri, 1998.

Altri progetti[modifica]