Anthony Boucher

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Anthony Boucher, pseudonimo di William Anthony Parker White (1911 — 1968), scrittore statunitense. Ha anche usato lo pseudonimo H.H. Holmes.

Incipit di alcune opere[modifica]

Gli ambasciatori[modifica]

Nulla sorprese la Prima Spedizione Marziana: no, neppure la soluzione, che avrebbe dovuto essere ovvia fin dall'inizio, dell'enigma dei canali, quanto la natura stessa dei Marziani.
La letteratura popolare e il pensiero scientifico avevano entrambi influenzato i membri della spedizione, ed essi quindi credevano che si sarebbe rivelata vera una delle seguenti possibilità: una razza più o meno simile alla nostra, forse dotata di crani più alti, o di toraci carenati. Oppure un nugolo di mostri tentacolati e polposi.

Regalo o dispetto[modifica]

La radio disse: «Dunque ricordate, gente: il delitto, anche se non ha lingua, parlerà». Una voce profonda in un microfono echeggiò orribilmente: «... Delitto... parlerà!» Poi attaccò la musica dell'organo elettrico.
Ben Flaxner spense l'apparecchio. — Che pensiero allegro, — disse, e l'angolo esterno dell'occhio sinistro ricominciò a contrarsi.
Rose alzò gli occhi dalla vestaglia rosa che stava rammendando. — Non capisco perché continui ad ascoltare quella robaccia. Come se non fosse già abbastanza brutto vivere in questo buco umido, con i tuoi nervi a pezzi e...

Bibliografia[modifica]

  • Anthony Boucher, Gli ambasciatori, traduzione di Gianni Pilo, in "Storie di lupi mannari", a cura di Gianni Pilo, Newton & Compton, 1994.
  • Anyhony Boucher, Regalo o dispetto, in "La notte di Halloween", traduzione di Paola Campioli, Editori Riuniti, 1984.

Altri progetti[modifica]