Al 2019 le opere di un autore italiano morto prima del 1949 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Antonino Faà di Bruno

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Stemma del vescovo di Asti Antonino Faà di Bruno

Antonino Faà, marchese di Bruno e Fontanile (1762 – 1829), vescovo italiano.

Incipit di alcune opere[modifica]

Dal giorno in cui pervenne[modifica]

Dal giorno, in cui pervenne a Nostra cognizione, Venerabili Fratelli, e Figliuoli dilettissimi, che riprovavasi la lettera Pastorale da Noi scritta alli 19 Marzo, sino al dì 16 di Giugno siamo stati lusingati dalla speranza, che la descrizione in essa fatta di quanto è avvenuto potesse meritarsi qualche benigno compatimento ne' sentimenti, ed espressioni incautamente usate nella medesima, attesa l'inesplicabile perturbazione, nella quale fummo precipitati al primo ascoltare la attentata rivoluzione del precedente nostro felicissimo Sovrano Governo, ed attesa la conosciuta inviolabile Nostra stabilità, e fermezza constantemente dimostrata d'attaccamento sincero ed al Sovrano Governo, ed alle Sacre Reali Maestà.

Già, quasi a comune nostra ricordanza[modifica]

Già, quasi a comune nostra ricordanza, dilettissimi Figliuoli, e Fratelli in Gesù Cristo, abbiamo veduto cambiarsi in diverse forme di Governo e gli Imperi, ed i Regni della nostra Europa, e nelle moltissime vicende accadute abbiamo anche inteso frequentemente ripetersi quelle parole: Digitus Dei est hic. Ma il pubblico memorando avvenimento accaduto fra di noi nel brevissimo corso di pochi giorni, per cui si cangiò la faccia del Regno, è un fatto, che Noi non possiamo descriverlo più vivamente, ed opportunamente, che colle energiche parole del Reale Profeta; Disse Iddio: adesso incomincio: Et dixi; nunc cœpi

Bibliografia[modifica]

  • Antonino Faà di Bruno. Dal giorno in cui pervenne, Asti, Giovanni Battista Massa, tipografo vescovile, 1821.
  • Antonino Faà di Bruno. Già, quasi a comune nostra ricordanza, Asti, Giovanni Battista Massa, tipografo vescovile, 1821.

Altri progetti[modifica]