Al 2019 le opere di un autore italiano morto prima del 1949 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Antonio Guadagnoli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Guadagnoli

Antonio Guadagnoli (1798 – 1858), poeta italiano.

Citazioni di Antonio Guadagnoli[modifica]

  • Con la politica | Più fina e bella, | Tenevo a chiacchiera, | Or questa, or quella. (da Il mio abito)[1]
  • Indizio è un naso maestoso e bello | Di gran... e di gran che? — di gran cervello. (da Il naso, 3)[1]
  • Io son per pratica | Pur troppo istrutto, | Che in questo secolo | L'abito è tutto. (da Il mio abito)[1]
  • Mangia il doganiere, | Mangia la guardia, mangiano gli agenti, | Mangia (e forse anche troppo) l'ingegnere, | Insomma, mangi tu, mangio ancor io, | Mangiamo tutti col nome di Dio! (da Il Secolo Umanitario)[1]
  • Misericordia! cantavano i grilli | Il dì dell'Ascensione alle Cascine, | Per muovere a pietà coi loro strilli | I Fiorentini e più le Fiorentine. (da I grilli, 1)[1]
  • Non c'è scusa, il fatto accusa. (da Il cadetto militare)[1]
  • Signora, se l'essere | Piccina d'aspetto | Vi sembra difetto, | Difetto non è. (da Le donne piccine)[1]
  • Sulle spalle a lei fece sovente | Scender legnate da levare il pelo, | Uso che bene spesso e volentieri, | Passò poi dai villani ai cavalieri. (da La lingua di una donna alla prova, 2)[1]
  • Uno scherzo di natura, | Un uom senza architettura. (da Il cadetto militare)[1]

Incipit di Poesie giocose[modifica]

Voi che leggete tante Poesie,
Né le leggete sol, ma le comprate,
Spero che comprerete anche le mie,
Quando le avrò in un tomo ristampate,
E in un sesto piccin come il presente,
Onde v'entrino in tasca facilmente.

Note[modifica]

  1. a b c d e f g h i citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]