Ardashir I

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Ardashir I

Ardashir I (... – 241), fondatore della dinastia sasanide di Persia.

Citazioni su Ardashir I[modifica]

Shāh-Nāmeh[modifica]

  • Ecco! fiorìa | Tutta la terra per la sua giustizia | E s'allegrava de' soggetti il core | Per lui dovunque; a giustizia verace | Tosto che il prence va congiunto, mai | Non osa il tempo cancellar suoi segni.
  • Ebbe travagli assai | Il gran monarca e nobile costume | Incominciò, mandando in ogni parte | Segni d'amore e di giustizia. Allora | Che grande s'accogliea nel regio albergo | Copia d'armati, in ogni parte attorno | Mandava un consiglier, perché chiunque | Un figlio avesse, non lasciasse mai | Senza dottrina il figlio suo crescesse, | Ma ben del cavalcar l'arte sovrana | Sì gl'insegnasse e i riti de la guerra, | Con clave ed archi e di compatto legno | Con forti strali.
  • In ogni parte sacerdoti e savi | Di vigil cor, senz'ombra di rancura, | Egli inviò di poi, perché dovunque | Elevasser città spendendo quivi | Ampio tesoro, e ciò, perché qual fosse | Di casa privo, senza alcun sostegno | E con straniera la fortuna e avversa, | Con loco ad albergarvi il giornaliero | Cibo per sé apprestasse, onde crescessero | Del re i sudditi.
  • Prence Ardeshìr tenea nel suo secreto | Ben molte cose, esploratori suoi | Tenea dovunque, e allor che discendeva | Un ricco a povertà, ratto che il sire | Ne avea novella, ogni sua cosa ancora | Ei rilevava e la faccenda sua | Lasciava poi che vigorìa pigliasse. | Lochi dovunque, i servi suoi con quanti | Avea soggetti, egli adornava intento | Sì come'è d'uopo, e niuna cosa aperta | Era in città che a lui secreta fosse.

Altri progetti[modifica]