Avicebron

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Avicebron, nome romanzo di Solomon ben Yehuda Ibn Gebirol o Ibn Gabirol, (1020 circa – 1058 circa), poeta, teologo e filosofo spagnolo ebreo.

Citazioni di Avicebron[modifica]

  • Da quanto tempo giaci, di Davide radice! | Primavera s'appressa: di dar fiori t'addice! | O sempre deve opprimere lo sgherro del re in trono | e 'l buono, il pio ancor gemere nella polvere prono? | Da più di dieci secoli servo nell'oppressione, | son schiavo in solitudine, vivo in maledizione. | Angelo di Daniele, o Angelo di morte, | vieni! della prigione infrangi a me le porte! | Ma lungi è ancor la fine pel popol senza pace: | lunga ancora è la via. L'Angel sta fermo e tace! (dalla raccolta Kether Malkhuth, La Corona del Regno.[1])

Note[modifica]

  1. Citato in Antonio Belli, Storia della letteratura ebraica biblica e postbiblica, Nuova Accademia Editrice, Milano, 19613, p. 283.

Altri progetti[modifica]