Biante

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Biante di Priene)
Jump to navigation Jump to search
Biante di Priene

Biante di Priene (VI secolo a.C.), filosofo greco, fu uno dei sette savi.

Citazioni di Biante[modifica]

  • Cerca di ottenere con la persuasione e non con la violenza.[1]
  • [A chi gli chiedeva quale fosse l'animale più pericoloso] Di quelli selvatici il tiranno, di quelli domestici l'adulatore.[2]
  • La maggioranza degli uomini è cattiva.[3]
  • Odia il parlare svelto.[4]
  • Sventurato chi non sa sopportare la sventura.[5]

Attribuite[modifica]

  • Cambiare luogo non fa diventare assennati, né toglie la stupidità.[6]
Τόπων μεταβολαί ούτε φρόνησιν διδάσκουσιν, ούτε αφροσύνην αφαιρούνται.
  • Porto con me ogni mia ricchezza.[7]
Omnia mea mecum porto.

Citazioni su Biante[modifica]

  • A Priene nacque Biante Teutameno, la cui fama fu maggiore più di quella degli altri. (Eraclito)

Note[modifica]

  1. Citato in Demetrio Falereo, Detti dei Sette Sapienti, in Hermann Diels, Walther Kranz, I presocratici. Testimonianze e frammenti, a cura di Giovanni Reale, traduzioni di Aa. Vv., Bompiani, Milano, 2006.
  2. Citato in Plutarco, Come distinguere l'adulatore dall'amico, in Tutti i Moralia, a cura di Emanuele Lelli e Giuliano Pisani, traduzioni di Giuliano Pisani, Emanuele Lelli, Filippo Carlà-Uhink et al., Bompiani, 2018.
  3. Frase scritta da Biante sul tempio di Apollo a Delfi, secondo Diogene Laerzio in Vite dei filosofi I, 87. Citato in Luciano De Crescenzo, Storia della filosofia greca. I Presocratici, Mondadori, 2005, p. 20.
  4. Citato in Luciano De Crescenzo, Storia della filosofia greca. I Presocratici, Mondadori, 2005, p. 18.
  5. Citato in Diogene Laerzio, Vite e dottrine dei più celebri filosofi, a cura di Giovanni Reale, Giuseppe Girgenti e Ilaria Ramelli, Bompiani, 2006.
  6. 1,229,9 Mullach; citato in Renzo Tosi, Dizionario delle sentenze latine e greche, Rizzoli, 1991.
  7. Gli scrittori classici la attribuiscono a Biante, ma anche a Simonide e a Stilpone (Giuseppe Fumagalli, L'ape latina, Hoepli, 1987).

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]