Wilson Tucker

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Bob Tucker)
Jump to navigation Jump to search
Wilson Tucker

Wilson Tucker, nome completo Arthur Wilson "Bob" Tucker (1914 – 2006), scrittore statunitense. Ha usato anche lo pseudonimo Bob Tucker.

Incipit di alcune opere[modifica]

Il lungo silenzio[modifica]

Gary scivolava nell'oscurità lungo la riva e aspettava il rumore dell'esplosione, il colpo penetrante di una carabina. Che insensata quella vecchia a pensare di poter sgattaiolare attraverso il ponte: o, morente di fame, era giunta al limite della disperazione, oppure era una sciocca. Il buio della notte non poteva nasconderla, non per molto, certo non alle truppe che sorvegliavano l'altra estremità del ponte con i fari a raggi infrarossi ed i cannocchiali delle loro carabine.

L'anno del sole quieto[modifica]

Il profeta che questo popolo vuole
è un parolaio e un mentitore
che annunci un futuro di vino e spiriti.
Il Libro di Michea[1]
Indian Rocks Beach, Florida
7 giugno 1978

La ragazza dalle lunghe gambe era l'alfa e l'omega, il principio e la fine racchiusi e intrecciati indissolubilmente nello stesso involucro. L'operazione cominciò quando gli apparve su una spiaggia in Florida, interrompendo la sua euforia; e terminò quando lui trovò la sua scritta sopra una lapide, vicino a una cisterna natabea. Il balzo tra questi due punti fu enorme.

La città in fondo al mare[modifica]

Venne dalle basse montagne azzurre di occidente. Dalle montagne, o dalle lande sconosciute che si stendevano oltre di esse, là dove il silenzio di un immensa pianura inesplorata poneva un perenne mistero.

Note[modifica]

  1. Cfr. Libro di Michea: «Se uno che insegue il vento | e spaccia menzogne dicesse: | "Ti profetizzo in virtù del vino e di bevanda inebriante", | questo sarebbe un profeta | per questo popolo».

Bibliografia[modifica]

  • Wilson Tucker, La città in fondo al mare, traduzione di Ugo Malaguti, Libra editrice, Bologna, 1980.
  • Wilson Tucker, Il lungo silenzio, traduzione di Armando Silvestri, Fanucci, 1978.
  • Wilson Tucker, L'anno del sole quieto, traduzione di Ugo Malaguti, Urania Collezione n. 54, luglio 2007, Arnoldo Mondadori Editore, Milano

Altri progetti[modifica]