Boncompagno da Signa

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Boncompagno da Signa (1170 circa – 1250), grammatico, scrittore e filosofo italiano.

Citazioni di Boncompagno da Signa[modifica]

  • C'è chi desidera amare donne mai viste.
[...] Quidam enim illas amare appetunt, quas nunquam viderunt. (da Rota Veneris[1])
  • Quanta fama legata al nome di Bernard de Ventadorn, e quanta maestria nelle sue cansos e nelle sue dolci melodie, gli riconosce tutta la Provenza.
Quanti nominis quanteve fame sit Bernardus e Ventator, et quam gloriosas fecerit canciones et dulcisonas invenerit melodias, multe orbis provincie reconoscunt.[2]

Note[modifica]

  1. Citato in Jaufré Rudel, L'Amor lontano, cura e traduzione di Massimo Sannelli; in Poesia, anno IX, marzo 1996, n. 93, Crocetti Editore, Milano, p. 37.
  2. Da Rethorica antiqua, in Roger Boase, "The Origin and Meaning of Courtly Love: A Critical Study of European Scholarship". Manchester: Manchester University Press, 1977, p. 5.

Altri progetti[modifica]