Al 2019 le opere di un autore italiano morto prima del 1949 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Bonvesin de la Riva

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Bonvesin de la Riva (1240 circa – 1315 circa), poeta e scrittore lombardo.

  • La morte crudelissima a nexun hom perdona. (da Libro delle Tre Scritture)
  • Fra Bonvesin dra Riva ke sta im borgọ de Legnian. (da De quinquaginta curialitatibus ad mensam)
  • [Su Legnano] Fra tutte le città della Lombardia è lodata come la rosa o il giglio fra i fiori, come il cedro nel Libano, come il leone fra i quadrupedi, come l'aquila fra gli uccelli, sì da apparire come il sole tra i corpi celesti, per la fertilità del suolo e la disponibilità dei beni occorrenti agli uomini. (citato in Profilo storico, Comune di Legnano)

Incipit del Libro delle tre scritture[modifica]

De scriptura nigra[modifica]

In nom de Jesu Criste e de sancta Maria
Quest'ovra al so honor acomenzadha sia:
Ki vol odir cuintar parol de baronia,
Sì olza e sì intenda per soa cortesia.

De scriptura rugia[modifica]

Ques De la scrigiura rossa quilò sì segu'a dire,
Dra passion de Criste a ki 'n plasess odire,
La qual per nu cativi ge plaqu'de sostenire:
Quest en parol mirabile da planz e da stremire.

De scriptura aurea[modifica]

Dra lettera doradha mo voi aregordar,
La qual sì è dolcissima da lez e da ascoltar:
S'el è alcun ke voia odir del bel cantar,
Per gratia de l'Altissimo quilò ne voi cuintar.

Altri progetti[modifica]